Giornalismo, Mozilla e Knight Foundation per rinnovarlo

Giornalismo digitale, un’interessante iniziativa per migliorarlo e innovarlo. Negli Stati Uniti, ovviamente, visto da che qui non ci rimangono più neanche gli occhi per piangere (via Vittorio).

Mozilla annuncia la partnership con The Knight Foundation, la fondazione statunitense dedicata al progresso del giornalismo nell’era digitale, per un progetto di 3 anni legato all’esplorazione delle forme con cui il web aperto innova il giornalismo. Aljazeera, BBC, Boston.com, Zeit online e The Guardian hanno aderito all’iniziativa di ospitare esperti di tecnologia all’interno delle loro redazioni per condividere nuove idee e creare strumenti innovativi a beneficio del lavoro dei giornalisti e dell’esperienza dei lettori.

La Knight-Mozilla News Technology partnership (detta MoJo) si articola in 3 momenti: un primo che prevede sfide per trovare soluzioni originali ad alcune tematiche, un secondo che vede il confronto tra le idee elaborate nella prima fase, una selezione delle migliori e la loro realizzazione, ed un terzo momento in cui i partecipanti lavoreranno dall’interno delle redazioni per implementare le soluzioni studiate.



Commenti

  1. E intanto in Belgio Google News è stata condannata per "violazione del diritto d’autore" ;-(
    Ma sti editori non si rendono conto che l’aggregazione di notizie è ANCHE pubblicità per loro?

    Sempre più basito….

    Pace e benedizione
    Julo d.

    Scritto da Julo d., 6 anni, 5 mesi fa


  2. io penso, come è sempre accaduto nella storia, che ogni tecnologia degli strumenti di comunicazione porti in se stessa dei fattori che cambiano anche la sostanza di quel che si comunica, inevitabilmente

    Scritto da diego b, 6 anni, 5 mesi fa


  3. Ovvio, certo, e per fortuna, anche. Si rinnova anche il linguaggio.

    Scritto da boh, 6 anni, 5 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.