Il caso delle agenzie letterarie in Italia

EG enrica.garzilli foto ufficialeLe grandi agenzie letterarie italiane (l’ho già scritto anche su LinkedIn, sapendo che ce ne sono molte fra i miei contatti) non prendono più in considerazione gli autori. Non dico quelli come me, che qualcosa nella mia vita ho realizzato (e altri libri spero di realizzare), dico gli sconosciuti assoluti.

Qualcuna, come Lotto 49, dal gennaio 2015, altre aprono solo una finestra di 2-3 mesi l’anno. La famosa Meucci solo qualche ora di un giorno al mese. Un’altra, frutto della fusione di agenzie, chiede “Il compenso per la lettura di un’opera e per la compilazione della relativa scheda è di 420,00 € Iva 22% compresa (*)”. Entro i 300.000 caratteri.

continua


Elliot Sperling e il Tibet

SperlingE’ con profondo dolore che ho saputo della scomparsa di Elliot Sperling, il 29 gennaio 2017, studioso del Tibet e fiero paladino della causa tibetana.

L’ho conosciuto anni fa e ho avuto modo di frequentarlo un po’ ad Harvard, dove lui insegnava Tibetan Studies.
Un uomo eccezionale per pulizia, chiarezza, dedizione alle giuste cause. Un padre fermo ma dolcissimo. Un vero americano che crede in quello che fa, you get what you see, fair and square.

Elliot Sperling amava non solo il Tibet ma Giuseppe Tucci, il primo profondo conoscitore del Tetto del Mondo, e pensava che non si potesse studiare la sua cultura senza conoscere la sua opera.
Qualche anno fa mi ha mandato un paio di testi digitalizzati per L’esploratore del Duce e poi per la versione inglese, Mussolini’s Explorer e, leggendo i miei ringraziamenti, mi ha scritto subito “Amica mia, non era necessario ma grazie”. E poi, ancora, innumeri ragguagli sulla storia del Tibet. Un uomo sempre generoso in tutto, nel lavoro come nella vita.

Con Elliot se ne è andato non solo un grande studioso ma un uomo gentile, onesto, appassionato, di quelli che ci fanno sentire orgogliosi di appartenere al genere umano.

Il XIV Dalai Lama cittadino onorario di Milano: cosa teme la Cina?

Dalai Lama rocks_20ott2016In un teatro Arcimboldi gremito di studenti dell’università Bicocca, il 20 ottobre 2016 la città di Milano ha conferito al XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso la cittadinanza onoraria. La visita e gli insegnamenti del capo spirituale del buddhismo tibetano (che anche Tucci ha conosciuto nel 1948) è stata accompagnata dalle proteste ufficiali dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese, che in una nota diffusa dall’Ufficio Stampa ha dichiarato:

continua


L'esploratore del Duce premiato al 49° Premio Acqui Storia

L’esploratore del Duce è stato premiato al 49° Premio Acqui Storia. E’ arrivato fra i 5 finalisti della sezione Storia Scientifica e ha ricevuto una targa speciale dalla giuria dei 60 lettori. Grazie a tutti voi e al patron Carlo Sburlati.

Questa è la foto collettiva della premiazione, che si è tenuta al Teatro Ariston sabato 15 ottobre 2016, e la foto della targa commemorativa (manca il volume). Io sono la quinta partendo da destra per chi guarda. Fra i premiati Vittorio Sgarbi (un passo avanti a tutti) e la Arcuri come Testimoni del Tempo. Sul blog L’esploratore del Duce il resoconto della serata e tante foto.

Acqui-StoriaPremAriston_EG2_15ott2016

Acqui Storia premio targa Esploratore_15ott2016

Il Ventennio fascista con gli occhi di un giovane degli anni Trenta

cap 1 Author at Tucci's house in Macerata  Set258_05Mi ha appena chiamato un signore da Siena chiedendo di comprare L’esploratore del Duce. Gentilissimo, molto anziano e un po’ sordo, ha dovuto cambiare casa per ospitare la sua biblioteca di 13.000 libri.

Gli ho chiesto come faceva a conoscere il mio lavoro, mi ha risposto che a Siena i vecchi amici ne parlano perché Mario Bussagli, grande storico dell’arte indiana e mio amato maestro, era di Siena e parlava spesso di Tucci, suo maestro.

continua


Pensieri solari di novembre

Enrica Garzilli foto terrazzo casa Mi ero ripromessa di scrivere regolarmente. Perchè? Perché mi piacciono le persone che mi leggono, quelle che conosco almeno – in Real Life e in questa vita, diciamo, virtuale.

continua


Il Duce's Explorer, il mio nuovo libro - e la mia nuova vita

tucci cover rectoE’ molto che non scrivo su questo blog. Anzi, è molto che non scrivo. Punto. Giornali, libri, recensioni, blog. Neanche le lettere ho scritto, neanche le email.

E’ che sono successe molte cose, anzi, una sola cosa che ha sconvolto la mia vita ma che mi ha regalato una nuova prospettiva, nuove idee e persino nuovi gusti.  Avrei voluto stare con voi, in molti mi hanno scritto e persino rimproverato, ma è stato come cadere all’indietro in un burrone profondissimo. Sono salva, ma ho avuto bisogno di molto tempo e molta forza per ritornare su e riprendere fiato.

Ora è cominciata una vita nuova.  Ho ripreso il cammino, ma su strade diverse. Ne sono un po’ spaventata ma anche molto entusiasta.  Tutto è nuovo e, soprattutto, quello che è successo mi ha regalato una nuova libertà con me stessa. Ora faccio solo quello che mi piace, per quanto possso, ed evito tutto ciò che non mi piace o mi fa male. Persone incluse.

Fra le poche cose buone che sono riuscita a concludere in oltre due anni c’è il mio nuovo libro. E’ l’edizione inglese, riveduta e molto ampliata di L’esploratore del Duce. Si intitola Il Duce’s Explorer e qui vedete la copertina. Bella, vero? Sarà pubblicato in nove volumi corredati di tanti documenti e foto nuove. Il primo, che uscirà a giorni (Inshallah!) è questo. Auguratemi in bocca al lupo per tutto, il nuovo libro e la nuova vita: ne ho bisogno!

Se volete leggere il mio curriculum è qui e in parte su LinkedIn. La lista completa delle pubblicazioni è su Academia. Potete seguirmi o possiamo parlarci su Twitter o Amazon o anche su Facebook.

Insomma, fatevi sentire di nuovo. Spero di ritrovarvi, tutti..

Oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere

Photo_Glenn_Mattsing_Outside_Wolf-e1270813695592Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere. (Dalai Lama)

continua


Lavorare in Italia? Meglio tacere!

king-blues-we-are-fucking-angrySì lo so suona come un cahiers de doléances – ed è proprio un cahiers de doléances! Sto usando un’anagrafe italiana professionale online, il sito più grande e organizzato di una categoria di professionisti che fa questo di mestiere: cataloga e archivia dati pubblici, incluso indirizzi e email. Quindi saprà come tenerlo aggiornato, no? E’ uno strumento di consultazione usatissimo e molto pubblicizzato, tra l’altro, di cui vanno molto fieri.

continua


L'esploratore del Duce all'Università Cattolica di Milano e all'Università di Catania - e l'amore

Immagine locandina Uni Ragusa Ibla_7maggio2013Giuseppe Tucci il 19 aprile 2013 è andato all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nel centro della città, e il l 6 e 7 maggio all’Università di Catania, sede di Ragusa Ibla.

Due presentazioni, anzi tre, in terre e ambienti che più diversi non si può, con colleghi che più diversi non si può, due modi di lavorare che più diversi non si può, due ritmi di vita che più diversi non si può, due tipi di ospitalità che più diverse non si può.

continua


Avanti