Dolce di riso indonapoletano

dolce di risoQuando vivevo in India mi sono molto stupita di vedere un piatto “tipico” che conoscevo sin da bambina: il riso cotto nel latte. In India è piuttosto liquido, si chiama keer e si arricchisce con burro liquido chiarificato o ghee e gli anacardi.

Nel napoletano si faceva per Pasqua e si disponeva nella guantiera, a forma di cupola. Era più asciutto ma molto più buono. Saranno i proustiani ricordi.

Visto che me lo hanno chiesto dò la ricetta:

1) cuocere bene il riso in abbondante latte intero con della buccia di limone mescolando spesso
2) aggiungere uguale quantità di zucchero prima di fine cottura e un pizzico di sale, insieme alla cannella (a pezzi)
3) aggiungere pezzetti di cedro candito.

A piacere si può aggiungere, mentre cuoce, l’uvetta sultanina.

E’ facilissimo, velocissimo e ottimo. E molto nutriente. Infatti si dava anche ai malati o alle donne in attesa di un bebè o in allattamento.

Ps 18 aprile ore 12:40: oltre tutto, cosa di non secondaria importanza, sono certa che piacerà al Bubbo.



Commenti

  1. Anche per me riso e latte è un ricordo d'infanzia. Me lo faceva Tata (che era di Chiusa Pesio, Cuneo); ma era una minestra salata, con dentro un bel pezzo di crosta di parmigiano morbida e buonissima…Questo lo provo di sicuro, grazie! :;-*

    Scritto da Mitì, 5 anni fa


  2. Ciao cara, infatti anche qui in Lombardia dicono si faccia salato, specie per bambini e malati.

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni fa


  3. Grazie Boh, questa ricetta mi ricorda mia nonna che preparava riso e latte per una tribù di nipoti pestiferi :)

    Scritto da skip, 5 anni fa


  4. skip davvero? Allora è universale.

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni fa


  5. Quasi come l’arroz con leche, grande classico del dolce incluso nei menù del giorno spagnoli.

    A propostito di India (ma tanto l’avrei chiesto in qualunque post :-), poi spieghi delle elezioni in India? Ho visto solo che durano 1 mese, che uno dei candidati favoriti ha 81 anni e che ci sono già stati i primi morti, ma non ho capito bene come girano e chi appoggia chi…

    Scritto da Bubbo Bubboni, 5 anni fa


  6. Bubbo, se cerchi Lok Sabha su Wikipedia c'è tutto. Sai, dopo 5 anni la lotta è durissima. Oggi si è concluso il primo turno elettorale e ci sono stati 17 morti accertati in diversi attacchi dei maoisti soprattutto negli stati del nord est. Fra una settimana ci sarà la seconda fase elettorale.

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni fa


  7. Ue cara, ma qua scatta la denuncia per appropriazione indebita del marchio indonapoletano. Vabbè, perchè sei un'amica, ti concedo il marchio gratuitamente. O, meglio, dietro assaggio del tuo dolce di riso. Per le elezioni, ho scritto qualcosa. Ciao, Indonapoletano

    Scritto da Indonapoletano, 5 anni fa


  8. Indonapoletano DOC DOP ecc., l\’unione dei due termini la usavo già dal 2004, quando tu eri un bambino ancora da nascere:) E pochi post fa ho usato \"turco abruzzese\".;)

    Sulle elezioni grazie della segnalazione; io ovviamente l\’ho letto, molti dei miei lettori anche, specie da quando ho segnalato (e lo faccio spesso) il tuo blog. Che peraltro è bellissimo e aggiornatissimo e merita la lettura.

    Quanto al dolce, dovrò per forza venirvi a trovare o in India o giù, visto che temo che il clima di Milano non ti faccia bene (come non fa bene a me). ;)

    Scritto da Boh/Orientalia4All, 5 anni fa


  9. Ottimo, anche per me che sono romano e' un ricordo d'infanzia. E di adolescenza quando si faceva colazione in Grecia mangiando "rizogalo", per l'appunto riso e latte (e cannella).

    Scritto da Alessandro Lanni, 5 anni fa


  10. Alessandro, infatti si mangia anche nella grande Roma. In Grecia anche?

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni fa


  11. Certo! appunto: "rizo galo", riso e latte.

    Scritto da Alessandro Lanni, 5 anni fa


  12. Non ci avevo mai pensato, gala galaktos significa latte..

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.