Tag Archives: vacanza

Roberto Colaninno e Rocco Sabelli parlano dell'Alitalia

AlitaliaIeri sera cena con l’Harvard Club of Italy, organizzata dall’Harvard Business School. Una sessantina di uomini d’affari, qualcuno venuto anche da Roma e da Firenze, solo nove o dieci donne. Ospiti d’onore Roberto Colaninno e Rocco Sabelli, rispettivamente presidente e amministratore delegato dell’Alitalia. Due uomini dal carattere d’acciaio, spietati – nel modo di parlare, oltre che nelle cose che hanno detto – ma vivaddio sinceri in modo quasi brutale.

Colaninno, dopo aver manifestato a più riprese il disprezzo “per i professori che sanno tutto” e in pratica non capiscono niente, ha parlato degli obbiettivi pienamente raggiunti del piano industriale stabilito e che si può riassumere così: la riorganizzazione dell’Alitalia tramite il licenziamento di 7000 persone, i tagli e lo svecchiamento graduale della flotta di aerei, l’accorpamento di alcune linee nazionali, gli accordi per tratte internazionali che sono “quasi un merging di aziende”, la riduzione drastica della presenza sindacale e, soprattutto, e questo era il punto iniziale ribadito da Colaninno, il depauperamento del potere dei piloti, che secondo lui era stato la causa principale del fallimento dell’azienda.

Tutto questo con un unico obbiettivo: ridurre i costi e aumentare le entrate per cominciare a ricavare un profitto. Il che in linea teorica mi sembra sensato perché un’azienda che non ha un profitti chiude, ovvio.

Una cosa sulla quale punta l’azienda è il mercato dell’utenza di Cina e India, in entrata verso l’Italia. Giustamente ha detto Colaninno che la nostra crescita è proporzionale alla loro crescita ed, essendo mercati enormi, ci dovremo aspettare un grosso turismo da Cina e India verso il nostro paese. Cosa che ho notato già questa estate, quando in piazza del Duomo c’erano famiglie indiane al completo venute evidentemente in vacanza.

Alla fine del lungo discorso mi sono avvicinata per chiarire un dubbio con

continua


Macabro ma bello

Titanic filmChe tragedia immensa quella del Titanic. La magnifica nave a vapore inglese, la più grande del mondo, il 14 aprile 1912, poco prima di mezzanotte, colpì in pieno un iceberg e affondò. Dopo 2 ore e 40 minuti aveva portato con sé nei gelidi abissi 1517 persone.

Ho sentito che gli inglesi hanno pensato di ripetere il viaggio. Hanno organizzano tutto per il centenario, il 2012. Il Titanic Memorial Cruise partirà da Southampton l’8 aprile e e finirà esattamente dove è affondata la nave originaria, alla stessa identica ora. La crociera ha già venduto la metà della cabine a una media di 4.118 £, cioè 4.454 Eu, che per sei giorni di viaggio non è poi così poco.

Il mio pensiero immediato: Che bello che il Titanic sia affondato, così è stata

continua


Fratellanze

Brambilla

Non voglio dire niente perché almeno un sito per i nostri fratelli turisti a quattro zampe c’è, ed è già molto, ma avete notato la finezza della foto in

continua


Per chi va in India

traffic jam indiaSe andate in vacanza in India, specie se non vi addentrate nelle zone più rurali e sperse del paese, non crediate di trovare ancora la magica India di miti, di santoni e di donne velate.

Se fate una denuncia in Tamilnadu, uno stato del sud-ovest dell’India, potete seguirne l’iter su Internet, dato che l’e-governance in India è una realtà pienamente implementata, nella maggioranza degli stati, dal 2006.

Se poi vi dovesse capitare di andare in carcere pensate che il governo del Punjab, uno stato del nord-ovest, vuole permettere ai detenuti per

continua


Vacanze con Berlusconi

One of the pictures published by El País under the headline “The photos vetoed by Berlusconi” features two topless women in the garden. Another shows a naked man poolside, a third shows a woman in a red coat while two others show Berlusconi walking in the garden. Apart from Berlusconi, all have their faces pixellated out (Guardian.co.uk).

E ci risiamo. Scandalo per le donne topless nella villa di Berlusconi.
E allora? Se questo è un motivo per attaccarlo a livello politico, penso che sinistra, Italia dei valori, giudici contrari, tutti quelli che provano ad affossare Berlusconi, dovranno sorbirselo ancora per molto. Le nostre spiagge, le nostre piscine e le nostre ville, anche quelle dei politici, nonché le nostre (loro, purtroppo) barche, sono piene di ospiti del gentil sesso senza il top.

L’unica cosa seria che consiglio a chi è contro Berlusconi e va in vacanza in crociera o a chi fa l’animatore sulle navi: non fate cantare gli ospiti, ché non si sa mai come va a finire..

Vacanza?

Questo spettabile blog chiude per qualche giorno.

Ci rivediamo…

Cafoni e teppisti da stadio e da vacanza

UltrasIeri ho visto Matrix e lo spettacolo del manipolo dei facinorosi che l’altro sabato, allo stadio di Sofia, hanno dato fuoco alla bandiera bulgara.

Li chiamano fascisti. Io li chiamo teppisti: violenti, ululanti, belluini, sprizzava fuori dallo schermo un’energia così negativa, così aggressiva, come una grande nuvola nera sulle loro teste. Mi facevano un so che di ribrezzo. Sarà un mio limite ma non so vedere l’alito divino in quell’ammasso di cafoni.

Poi hanno preso e dato fuoco alla bandiera del paese ospite. Un gesto dalla grande potenza simbolica, un’offesa a tutta la nazione e, soprattutto, un’offesa a noi sportivi, a noi italiani, a noi tutti insomma, che abbiamo dato al mondo l’ennesimo spettacolo di cui vergognarsi. Abbiamo una cultura vecchia di 3000 anni. Abbiamo conquistato il mondo. Siamo in Europa, la nobile europa dall’antica civiltà, non in un sobborgo di Chicago. E sciocchezze varie.

Mentre spegnevo la televisione mi sono ricordata della vacanza a Rodi di questa estate. Splendida isola, bella gente, niente crimine, solo le infrastrutture essenziali, natura magnifica e quasi incontaminata.

Ho scelto accuratamente un hotel internazionale con pochi italiani e mi sono fatta dare una stanza lontana dai pochi che c’erano. So bene che in un hotel con i miei connazionali, nonostante i muri insonorizzati e la moquette alta un palmo, la notte non si dorme per i richiami da giungla, le risate da una parte all’altra dei corridoi e il via vai da una camera all’altra, con le porte sbattute.

Io mi alzo sempre lentamente, faccio colazione seduta, con calma, e ascolto/leggo le notizie. Ma i tavoli con le pochissime famiglie italiane erano un campo da battaglia (siamo in vacanza, mica in collegio!), i bambini si distinguevano nella sala enorme per chiasso e maleducazione (si sa, sono bambini…), spesso i coniugi discutevano a voce alta (è un bene chiarirsi, almeno in vacanza), non ho mai visto salutare un cameriere (sono lì per servirci, no?) Perché gli italiani sono populisti in patria ma, all’estero, si fanno graziosamente servire senza neanche un cenno di ringraziamento. Come mi ha detto una coppia brianzola che stava in un hotel dall’altra parte dell’isola, abbiamo pagato profumatamente tutto. Forse anche il diritto a essere cafoni.

Un segno di internazionalismo però c’era: unici fra tutti i popoli presenti in sala, gli italiani preparavano panini e incartavano brioche dolci e tramezzini da portare nelle borse, per risparmiare sul pranzo, come un tempo facevano i tedeschi e gli inglesi. Tanto è tutto pagato, mica te lo regalano!

Rodi, Valle delle farfalle. E’ un bellissimo percorso verde, un posto unico al mondo dove si incontra e si riproduce, in grappoli fitti sui tronchi, una specie rara di farfalle. Il loro numero però sta rapidamente declinando per il disturbo che arrecano i visitatori. Decine di avvisi e di depliant raccomandano di non fare chiasso e di non oltrepassare le barriere, magari per fare foto con macchine paurose, visto che ormai sono tutti fotografi e cineasti provetti.

Gli avvisi alle entrate erano tutti in quattro lingue. Man mano che si avanzava nel fitto del bosco, quelli seguenti erano solo in italiano e in greco.

In vita mia ho fatto pochissime vacanze ma ho vissuto molto all’estero. Ho imparato ben presto che per vivere in un ambiente un minimo civile, se non voglio sentirmi a disagio, devo stare lontana dai gruppi di italiani in vacanza, specie se hanno bambini.

Sono felice di essere italiana, abbiamo grandi tradizioni e un paese bellissimo, ma qui non si tratta di distinzioni etniche o nazionalistiche: si tratta di senso civico e di buona educazione. C’è chi ce l’ha e li usa, c’è chi non ce l’ha o li mette da parte, che sia russo, greco, tedesco, svizzero o francese.

Perché la distinzione base è la consapevolezza di vivere in una comunità, con il senso collettivo di regole da osservare, prima che di diritti da esigere; di leggi e limiti, prima che di privilegi. Oppure, vivere all’insegna dell’individualismo e del menefreghismo. All’italiana.

Senza parole, ma con tanto mare e sole

kotari beachCari tutti, da domattina Orientalia va in vacanza per pochi, indispensabili giorni.

Niente computer, niente cellulare, niente Twitter, niente amici, niente cane e piante, niente libro, niente articoli e niente parole, ma tanto mare, tanto silenzio e tanto sole.

Saluto un amico che non ho avuto modo di sentire e ringrazio tutti voi che mi leggete e che nei mesi passati, talvolta difficili, senza potermi muovere dal letto, mi avete fatto compagnia e mi avete portato tanta gioia, tante discussioni, tante notizie e mi avete strappato tanti sorrisi.

Ciao, a presto!

A Roma fra stanze di lusso, ristoranti gourmet e vacanze

ShoppingHo già detto che questo vertice FAO sull’impoverimento delle scorte alimentari e il loro aumento di prezzo vede riuniti alcuni dei più grandi razzisti e poco di buono della storia come Mugabe, il dittatore, cioè scusate il presidente, dello Zimbabwe.

Ma la cosa grave è che ieri sera, parlando con il responsabile stampa di un’agenzia ONU, ci siamo resi conto di una vera assurdità.

Si sono riuniti 5000 delegati per 183 paesi. Molti giornali hanno scritto scandalizzati su quello che mangiano o dove dormono: troppo lusso per un vertice sulla fame.

Io la penso diversamente. Non mi turba quanto mangiano o le camere d’albergo o le suite, perché con le convenzioni FAO costano meno della metà — e oltre tutto penso che uno come Sarkozy non possa dormire nell’alberghetto due stelle vicino alla stazione.

Non mi sembra un assurdo che cenino con “rombo con zucchine e patate, filetto al pepe verde, per finire con bagnolina al cioccolato e un trionfo di frutta esotica, il tutto accompagnato da ottimi vini“, come scrive Dagospia, perché anche un agente di commercio o un professore universitario mangia così quando gira, tanto viene rimborsato, e non vedo perché un capo di stato o un addetto agli Esteri, che vive fra aerei e alberghi, debba mangiare alla trattoria Da Tina 20 Eu tutto compreso.

La cosa che dà fastidio è che ogni paese ha portato una media di oltre 27 delegati. Ora, facendo due calcoli io e il responsabile abbiamo concordato che quelli necessari, fra il capo gli assistenti i segretari gli addetti e le guardie personali, mettiamoci anche 1-2 non meglio specificati con funzioni di intelligence, saranno 10. E fanno 1830. Aggiungiamo qualche moglie, diciamo 100, e fanno 1930.

E gli altri 3070 delegati che avanzano che sono venuti a fare a Roma? Abbiamo dato una risposta all’unisono: a fare vacanza e shopping!

Wireless Castle Sunday: incontri fra amici al Bar Bianco del Parco Sempione di Milano

Come ogni prima domenica del mese, ieri ci siamo visti al Parco Sempione di Milano per parlare di sciocchezze, di incontri per amicizia, dell’incontro della tua vita, di incontri d’amore, di blogger famosi o aspiranti tali, di camere, di mare, di montagna, di una vacanza e di vacanze, di stanze d’albergo e di stanze mentali, di libri, di sogni e di sesso e così via.

E intanto Elena ci ha rimediato una foto meravigliosa e io da lei ho imparato un po’ di cose.


View Larger Map