Tag Archives: tempio

Induismo über alles

Per il centenario della fondazione dello stato del Bihar, in India, il Mahavir Mandir Trust di Patna sta eseguendo i riti per la fondazione della replica del più grande tempio induista del mondo, l’Angkor Wat in Cambogia.

Il tempio sarà dedicato al dio induista Rama, un’incarnazione di Vishnu.

continua


Holi in India, la festa


(Photo © Kevin Frayer/AP-All Rights Reserved)

In India si è celebrata Holi, la festa religiosa in cui la gente canta, balla e si getta addosso l’acqua colorata. Segnalo le meravigliose 45 foto del festival del blog del Sacramento Bee The Frame. Aggiungo anche queste da The Atlantic.

continua


Giappone punizione divina

ShinranShintaro Ishihara, il governatore di Tokyo, ha affermato che il terribile terremoto e conseguente tsunami sono una punizione divina per spazzare via l’egoismo (gayoku) che affligge il popolo giapponese.

Lo dice proprio quando i tecnici della TEPCO (qui i loro comunicati stampa), che fornisce energia elettrica, e i soldati dell’Esrcito di autodifesa stanno lavorando come matti per contenere il peggior disastro nucleare dopo Chernobyl, sapendo quello a cui andranno incontro a breve: la morte fra sofferenze atroci. E non è solo un rischio, è una certezza.

continua


Gratitudini

Gali Janardhan Reddy, il ricco ministro del turismo del Karnataka, uno stato dell’India del sud-ovest che ospita fra i più bei parchi naturali del mondo, ha offerto al dio del tempio di Tirupati Venkateswara (una forma del dio Vishnu) una corona del valore di 420.000.000 rupie, equivalenti a circa 6.305.433 euro.

La corona è stata realizzata in nove mesi ed è fatta di 32 Kg di oro puro, 70.000 diamanti e uno semraldo di 890 carati proveniente dall’Africa e andrà a far parte del tesoro del dio, che già possiede 11 tonnellate di ornamenti e utensili d’oro.

La ragione? Il ministro ha detto che deve la sua posizione sociale solo alle benedizioni del dio Venkateswara. Questa sarebbe solo una piccola offerta al dio, per essere al suo servizio.

Ho pensato all’enorme fortuna di qualche nostro ricchissimo ministro e alla sua forma molto carnale e concreta di gratitudine verso le potenze celesti. Alla sua forma di servizio. Ricevuto, però.

BBC News attaccata dai fondamentalisti induisti: non rispetta l'etica giornalistica

HinduSecondo voi la foto a lato è autentica o prefabbricata? Secondo un gruppo di attivisti induisti inglesi, americani e indiani è falsa e fatta dalla BBC News per screditarli.

Dato che non bastavano quelli islamici, ora anche i fondamentalisti induisti hanno dichiarato guerra all’Occidente su tutti i fronti.

Circola su Internet una petizione contro la BBC News, indirizzata a Sir Michael Lyons, presidente del BBC Trust, firmata da un gruppo di fondamentalisti induisti, o pure Hindus, come si fanno chiamare. Ricordiamo che nel 1948 anche Gandhi fu ucciso da un fondamentalista induista.

La foto è stata pubblicata dalla BBC News e si riferisce ai disordini del febbraio 2002, seguiti all’attacco di un gruppo di attivisti induisti che tornavano in Gujarat dopo una visita al tempio di Ayodhya, conteso fra loro e i musulmani.

Questo gruppo che accusa la BBC News, di cui fa parte anche qualche studioso, va a caccia di tutti misfatti perpetrati contro di esso da questo nostro Occidente individualista, fedifrego e miscredente. La BBC News è accusata di aver prefabbricato la foto, superimponendo l’immagine di uno scalmanato su un fuoco generico, e di non osservare l’etica giornalistica che dovrebbe aderire alla verità dei fatti.

Cosa chiedono? Le scuse pubbliche e ufficiali del giornale e l’immediato licenziamento di chi ha fabbricato l’immagine.

Mi sa che ne vedremo delle belle. Se la BBC News ignorerà la questione anche questa soffierà sotto la cenere, ravvivando il malcontento di questo gruppo di induisti. Potrebbe essere un ottimo pretesto per nuovi disordini, chi sa?

Effetto Berlusconi: un viaggio a Cuba senza muovermi da Milano

Militari a MilanoWow! Prima sono andata ai Giardini della Guastalla e mi sembrava di essere a Cuba.

Una stupenda jeep con due militari armati di mitra stazionava davanti al Tempio ebraico e gli ho fatto una foto.

Altro che Milano! Se il proposito era quello di farci provare l’ebbrezza di un viaggio in un paese sudamericano nel bel mezzo di una rivolta o un rastrellamento, che so, il Cavaliere ci è riuscito benissimo. Così sto a casa, non spendo soldi e fatica per un viaggio massacrante e non rischio ma godo lo stesso.

Grazie Berlusconi che militarizzi le nostre città!