Tag Archives: sogni

L'amore è amore e qualche volta miagola (anche in vacanza)

Ieri ho avuto una mezza discussione sull’amore con un conoscente. Persona preparata, ancora con degli ideali nonostante l’età non verde e le molte disillusioni.

Diceva: pensa, con tutti questi immigrati clandestini che vengono da paesi disastrati e mia moglie ha speso 400 Euro per fare le analisi alla micia malata! Ma ci pensi? Quattrocento euro spesi per un gatto e poi magari ci rifiutiamo di aiutare i marocchini disperati (cioè magrebini, ndr).

continua


Alle italiane piace ricco

principe azzurroUn sondaggio rivolto alle donne che mi ha fatto sorridere.

La domanda era: Subisci il fascino dell’uomo ricco?
Il 69% delle utenti ha detto sì (1799 voti).
Il 31% ha risposto no (782 voti).

La mia amica India d’Afghanistan dice che questo è dovuto

continua


Ruby Tuesday - di Berlusconi e Mick Jagger


Mick Jagger quest’anno compirà 68 anni. Il cantante dei Rolling Stones ha sei anni meno di Silvio Berlusconi. Oggi è un uomo anziano come Berlusconi, è miliardario come Berlusconi, ha avuto tante, ma tante (ma tante) fanciulle nel suo letto come Berlusconi, e negli anni 60 è stato francobollato dalla giustizia come Berlusconi. Con tante similitudini, viene da chiedersi se gli italiani lo avrebbero mai votato pensando che avrebbe sistemato il Paese. (Paolo Madeddu)

Stupenda canzone Ruby Tuesday dei Rolling Stones e un post carino sull’affaire Ruby-Berlusconi. Leggetevi di seguito le parole del testo di Mick Jagger, sembra scritta per lui (= il nostro beneamato Capo).

Ora, in un momento quanto mai opportuno, il nostro Premier ha annunciato di essersi fidanzato. Vuoi vedere che avevo ragione io, in tempi non sospetti? E comunque chi l’ha detto che un uomo fidanzato non cornifichi bellamente?

continua


La zia di Milano e altre storie col suo becco giallo

testa

Così chiude. Questo sito garbato un po’ venato di malinconia, con tante riflessioni, ricordi e foto, dove la donna è una presenza quasi costante, chiude.

Non si capisce perché, Diego non me l’ha detto, ma mi dispiace perché è un pezzo di mondo un po’ crepuscolare pieno di curiosità e di riflessioni, sogni, di ricordi e di colori sfumati – eccetto per le foto che spesso sono coloratissime. Un pezzo di mondo interiore online.

Così copio questo racconto, La zia di Milano, e lo dedico a tutte le donne che hanno tanti sogni in testa, sogni che magari è difficile anche vivere, o che talvolta rimangono solo sogni. Ma aiutano a vivere, oh quanto aiutano!
Grazie Diego.

continua


M'illumino di meno 2010

M'illumino di menoRicevo dalla redazione di Caterpillar, in onda come sempre su Radio Due, e come ho fatto anche l’anno scorso faccio circolare con piacere l’annuncio di M’illumino di meno.

Per i bisogni del nostro pianeta questa iniziativa è nient’altro che una goccia, ma tante gocce fanno l’oceano e per questo è importante. L’anno scorso, fra l’altro, ha avuto un grande successo in piazze, comuni e scuole.

Venerdì 12 febbraio 2010 si celebra – in veste completamente rinnovata – la sesta edizione di “M’illumino di meno”: la Giornata del Risparmio Energetico lanciata dalla popolare trasmissione radiofonica Caterpillar, in onda su RAI Radio 2. Dopo il successo delle scorse edizioni, con l’adesione di migliaia di ascoltatori e di intere città sia in Italia che all’estero, quest’anno l’invito a rispettare un simbolico “silenzio energetico” si trasforma in un invito a partecipare a una festa dell’energia pulita.

continua


Brutti tempi quelli, ma bei tempi

L’11 dicembre 1979 due nuclei di Prima Linea fecero irruzione nella Scuola di Amministrazione Aziendale dell’Università di Torino, al tempo Scuola di Formazione Aziendale, occupando militarmente la scuola. Tennero un un discorso nell’auditorium in cui vennero riuniti circa 190 studenti, Nello stesso tempo in un’aula vicina 5 dirigenti Fiat ed Olivetti e 5 studenti furono gambizzati. (Via Vittorio Pasteris)

Erano tempi di violenze ma anche di speranze, di sogni, di progettualità, di riunioni, di chiacchiere e discussioni, di allegria e di energia. Di ingiustizie, certo, ma anche di lotte per costruire un mondo migliore.

Dico la verità, a me sembra che tutto sia meglio di queste liti politiche da condominio, di queste amicizie pelose, delle speranze dei giovani studenti che si esauriscono alla villa al mare e al weekend in montagna. Degli orizzonti sociali che vanno dal garage al tetto. E secondo voi?

Whatever works - Basta che funzioni

Whatever worksMolto carino l’ultimo film di Woody Allen, Whatever works, in italiano Basta che funzioni.

Lui è un anziano signore mezzo pelato, bruttarello, irascibile, narcisista, ipocondriaco, maniacale e sciancato. Soprattutto, cosa più antipatica, è un cinico genio incompreso. Diciamo che è la brutta copia di Woody Allen (ma più bello).

Lei è una ragazza carina, scappata da una famiglia del sud molto tradizionalista, un po’ scemetta, bionda-occhi-azzurri, voce chioccia, una di quelle che in USA chiamano “bimbo“. Sempliciotta, ingenua, con tanti sogni in testa, non sa dove rifugiarsi e si attacca a lui.

continua


Ricettario fascista: i fagiolini senza fagiolini

Donna di BoccasileSapete che a breve dovrebbe uscire la mia ultima fatica (è proprio il caso di dirlo, dopo quasi nove anni di lavoro!), un libro che parlerà anche della politica culturale fascista e i sogni del Duce in Asia, vero?

Per questo da un po’ di tempo raccolgo libri del Ventennio rari o preziosi. Uno di questi si intitola Ricettario fascista: “Chi mangia troppo deruba la patria”, di Sandro Bellei (Ferlandia Predappio, s.d.). Contiene ricette molto semplici e assolutamente da provare, specie in tempi di crisi.

Questa è una ricetta del tempo di guerra, quando c’era la tessera annonaria ed era difficilissimo procurarsi anche i beni più elementari come il pane, che veniva venduto al mercato nero. Si intitola I fagiolini senza fagiolini.

Quando si preparano gli spinaci si taglia la parte lunga del gambo, si lessa, si strizza bene e si condisce in olio. Sembrano proprio dei fagiolini.

Carina, vero? Spero che questa ricetta stramba, facilissima, faccia piacere a Mitì, che elargisce ricette prelibate, ai Corona’s, che sono un po’ smandrappati ma propongono qualche piatto serio, e a Ninocucinasanteramo, un signore non più in erba che si diletta con cibi italiani (spesso siciliani) e spagnoli rivisitati.

(nella foto, una pubblicità dell’olio Badino di Gino Boccasile, il pubblicista del Regime)

Opportunità a 90, 180 e 360 gradi

Noemi Letizia

Da un’intervista a donna Letizia (Noemi):

Cosa vorrà fare da grande?

La showgirl. Ho studiato danza, ho iniziato a 6 anni. [...] Mi interessa anche la politica. Sono pronta a cogliere qualunque opportunità, a trecentosessanta gradi.

Se fossi maliziosa, mi chiederei a quanti gradi donna Letizia coglie le opportunità. Ma dato che non lo sono, mi limito a pensare che questo è il nuovo curriculum per le ragazzine: prima la velina, poi la carriera politica.

Il trionfo di Berlusconi

Silvio Berlusconi, il Primo ministro italiano, ha sempre avuto un interesse particolare nelle belle donne con esperienza nell’intrattenimento.

Noemi Letizia

Un po’ ambiguamente The Huffington Post parla così delle signore dello spettacolo che il Cavaliere potrebbere far assurgere al rango di candidate al Parlamento di Strasburgo o di future ministre o sottoministre, incluso l’ultima, Barbara Matera, ma anche Eleonora Gaggioli e Camilla Ferranti.

continua


Avanti