Tag Archives: podcast

Le domande più buffe di Facebook e il podcast più divertente

compleannoVisto che oggi è il mio compleanno (quella nella figura sarei più o meno io, casomai non si fosse capito, in versione casalinga) ringrazio tutti quelli che in privato, in pubblico e su Facebook mi hanno scritto o telefonato per farmi gli auguri.

Segnalo due cose che mi hanno fatto molto ridere: le domande più strane e divertenti di Facebook – e soprattutto le

continua


Beijing ama l'Italia

Poliziotto cinese

Ora anche la polizia cinese della capitale ha un portale, un blog, un podcast e un video-sharing, parte del programma Safe Beijing. Per migliorare la qualità del rapporto con i cittadini e per aiutarli con consigli e suggerimenti – per esempio su come difendersi dai ladri di strada o come proteggere gli appartamenti dagli svaligiatori.

Blog, podcast e video-sharing si raggiungono da Sina, Sohu, il sito di notizie News 163 e il video-sharing Ku6. Dove ho cercato gli articoli sull’Italia e ho trovato questa idilliaca descrizione di un viaggio personalizzato per CEO et similia:

continua


Il publishingCamp di Milano

publishingcamp logoIeri parlavamo che si terrà a Milano un altro BarCamp. Calma, calma, in autunno. Però ci si dovrà preparare bene in anticipo.

Sarà il PublishingCamp e il titolo la dice tutta: pubblicare, informare, disinformare, conversare, stampare. Liberi. Perché la stampa, su carta o su Web, non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure, ma bisogna saperlo fare, anche tecnicamente, ogni mezzo e ogni piattaforma è diversa e ci sono un mucchio di cose da imparare. Io ne so qualcosa.

Questo è il wiki per segnarvi. Tutti quelli che pubblicano anche un blog, che comunque è un mezzo di opinione e informazione, tutti quelli che sono nanopubublisher, che producono podcast, video, che scrivono libri o che collaborano a giornali, blogger e giornalisti, scrittori o aspiranti tali, esperti di marketing e così via, sono invitati a partecipare e a proporre argomenti, a svilupparli, a discuterne.

Scrivete pure qui o sul Google group. Proponete, criticate, partecipate. Più cervelli ci sono meglio è.

E se non avete niente da dire non importa: venite ugualmente che ci conosceremo di persona e staremo un po’ insieme.

Lettera aperta a Gianni Riotta? Ma no!

Ho mandato la raccomandata
a Riotta, sciagurata,
ma non l’ho poi pubblicata.

Il mistero si è svelato
ché Andrea l’ha rivelato
poi Gennaro l’ha spiegato.

continua


CSS Naked Day e blotiquette

css naked dayAppoggio, il giorno dopo, l’iniziativa di Jtheo del CSS Naked Day. Un giorno col blog a nudo, senza il foglio di stile, per promuovere il concetto di Web Standard.

continua


Sensazioni volanti e sentimenti permanenti, l'India romantica e la rabbia

C’è una bella differenza fra i due, le prime sono vere, sì, ma se si aspetta un po’ spesso non sono più valide, si sono volatilizzate, svaporate o, magari, sono cambiate anche in toto. Le sensazioni volanti sono piacevoli o spiacevoli, talvolta sono fortissime, sono emozioni, ma in genere sono irrilevanti nel contesto generale della vita cosciente di un adulto. Sono effimere e si può tranquillamente fare a meno di viverle nel mondo esterno. Di solito, si vivono attraversandole come fosse un tunnel, meraviglioso o terrifico, caldo e accogliente o raggelante, intrigante o pauroso, ma l’adulto ne esce. E presto. Rimangono quasi sempre a livello di sogni: ci fanno vivere, ci danno la linfa vitale ma, se le prendiamo per totalmente vere e realizzabili fino in fondo, ci rovinano la vita.

continua


Giornalismo di carta e blog II: sulla libertà degli scrittori e sull'amore

Rispondo qui a due miei illustri lettori, Alemaugil e Placida Signora l‘uno giornalista, l’altra scrittrice, che hanno commentato il post precedente. E li ringrazio del loro entusiasmo e della loro bella, radiosa positività, del loro ponderato ottimismo. Loro hanno, sullo scrivere anche di attualità, un bagaglio di esperienzia molto più profondo e vasto di me, è il loro lavoro e sanno di cosa parlano quando difendono il giornalismo cartaceo e la libertà dei professionisti che lo praticano.

continua


Podcast sul Kashmir alla Radiotelevisione svizzera in italiano

Domattina ascoltate la RTSI (Radiotelevisione svizzera di lingua taliana) sui morti di oggi in Kashmir, nel distretto di Doda. Parlerò nell’Opinione del Radiogiornale delle 7 curato dal giornalista Gino Dreussi.

Potete ascoltarlo anche più tardi: è tutto registrato. Parlo per un minuto e mezzo. Basta scaricare Real Player e scegliere la versione gratis, istallarlo e aspettare l’Opinione al minuto 11:30 circa.
Però ascoltatetelo tutto, è fatto veramente bene.

Contenuto: I separatisti islamici — lo stato è stato legalmente ceduto dal Maharaja, che lo possedeva fino al 1947, all’India, anche se il Pakistan ha occupato parte del territorio e vuole annettersi l’intera regione — hanno ucciso almeno 32 persone, quasi tutti induisti, dopo che ieri ne avevano rapiti 11.

continua


Podcast sull'India e sul Nepal

I primi podcast in italiano sull’India e sul Nepal. Quello sull’India è stato anche il primo podcast femminile, fatto da me e da Ludovico, che ha iniziato il podcast in Italia.

India: scaricatelo qui per sentirlo in mp3 oppure leggete su Qix
Contenuto: La vita di chi, come me, ha vissuto, ha lavorato e ha studiato con gli indiani — pagata in Rupie! E ancora i computer, la gente, la terra, il monsone, il Buddhismo e l’Induismo, l’amore.

Nepal:Su RTSI (Radiotelevisione svizzera di lingua italiana), il podcast di Modem curato da Marcello Fusetti in Mp3 che si ascolta anche via Internet
Contenuto: Gyanendra e la crisi nepalese, le reazioni popolari, le NGO, gli aiuti internazionali, un po’ di storia del Nepal.

Nepal su Modem, alla Radio Svizzera

Parlo domattina a Modem, trasmissione della RTSI (Radio Televisione della Svizzera Italiana) di approfondimento sul Nepal domattina 25 aprile 2006 alle 8:30-9 , insieme ad altri due ospiti.
Mi ha chiamato stamattina uno scintillante giornalista, Marcello Fusetti, credo che sia il conduttore.
La trasmissione si intitola Re di picche: Nepal. Ancora scontri tra la polizia ed i manifestanti
Parleremo di Gyanendra, delle condizioni storiche che hanno portato a questo, della situazione politica e poi, beh, ascoltateci.

Potete ascoltare la trasmissione in streaming o scaricarla come podcast (qui il feed), oppure se siete in Svizzera o nel nord Italia sintonizzarvi sulle frequenze della Rete Uno RTSI. Il programma verrà replicato anche domani sera sulla Rete Due alle 19.30.

Ora telefono ai miei amici nepalesi del governo per sentire il loro punto di vista sulla situazione.

NB: la Radiotelevisione svizzera in lingua italiana trasmetteva regolarmente programmi di qualità di antifascisti durante tutto il ventennio e ha ospitato intellettuali antifascisti in esilio come Gaetano Salvemini, Gaetano Salvadori, il Nobel Romain Rolland, il Nobel Rabindranath Tagore (che però è stato ospitato anche dall’URSS e da Mussolini perché politicamente aveva le idee un po’ confuse), ecc. Solo per darvi un’idea della qualità delle trasmissioni.

Avanti