Tag Archives: pechino

Diritti umani: Roma e l'Italia per il Tibet

Domani e dopodomani a Roma si terrà la manifestazione per sostenere la lotta dei tibetani che chiedono una reale autonomia dalla Cina, libertà culturale e libertà religiosa.

Chiedono libertà per il Tibet. Un paese che in realtà non esiste perché è stato occupato e incorporato alla Cina, esiste ancora solo per i tibetani. Il 10 marzo 1959 è il giorno della rivolta di Lhasa.

continua


L'Europa piange ma la Cina non ride

Ampio dibattito in Cina sulla possibilità che “salvi” l’Europa comprando fette di debito pubblico e facendo ulteriori investimenti. Nel 2010 Pechino avrebbe aumentato gli investimenti in Europa per 6 miliardi di dollari, creando 1600 aziende e 37.700 nuovi posti di lavoro per gli europei.

continua


Cina, l'aria "con caratteristiche cinesi"

In Cina, si sa, fanno tutto con caratteristiche cinesi – come rileggere i diritti umani alla cinese. C’è un grande inquinamento atmosferico, specie nelle metropoli. In testa a tutte Pechino, che occupa il primo posto nella classifica mondiale delle città più inquinate da 4 anni, tanto che ci sono giorni in cui a Pechino consigliano di non uscire di casa (se non per andare al lavoro).

continua


Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: la Cina elabora un sistema di diritti umani "con caratteristiche cinesi"

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano. Sembra una beffa ma non lo è. “La Cina accetta le norme internazionali per proteggere i diritti delle minoranze etniche e per questo ha delineato un insieme di leggi e di politiche per la loro salvaguardia e per incrementare il loro benessere”. Lo ha dichiarato un rappresentante del governo della Repubblica popolare cinese al Quarto Forum di Pechino sui Diritti Umani, che si è tenuto nella capitale cinese la scorsa settimana.

continua


Cina, nuova protesta in Tibet (e nuova repressione)

Puntsok“Armoniose”, così ieri un portavoce del ministro degli esteri di Pechino ha definito le relazioni tra i circa duemila monaci del monastero buddista di Kirti e le forze di polizia cinesi che da settimane lo stringono d’assedio. (da Free Tibet)

Questa è la situazione fra il governo cinese e il monastero di Kirti, armoniosa davvero.

Puntsok, un monaco di Kirti di 21 anni, che vedete in foto, il 16 marzo si è dato fuoco ed è morto per protesta contro l’occupazione cinese del Tibet. Da allora la polizia di Pechino

continua


Cina, i gelsomini della rivolta: nessuno protegge chi crea problemi

Cina, rivolta dei gelsomini. Ai Weiwei, un artista dissidente che vi aveva preso parte, viene fermato dalla polizia domenica scorsa e sparisce. La portavoce governativa Jiang Yu ha recentemente affermato che ”nessuna legge potra’ proteggera”’ coloro che vogliono ”creare dei problemi” alla nazione.
Via Partecinesepartenopeo:

continua


Gelsomini non solo per i paesi arabi ma anche in Cina

Il Fatto QuotidianoIeri è uscito, con un po’ di giorni di ritardo per ragioni tecniche, l’articolo di Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano intitolato “La Cina “blocca” la Rivoluzione dei gelsomini asiatica censurando il web“.

continua


Cina, l’attivista Guangcheng e la politica del figlio unico

Chen GuangchengEnrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano. Il video è bellissimo, quasi commovente nella sua semplicità. “I cuori di quelli che credono negli stessi ideali sono legati”, dice Chen Guangcheng. Dice anche che il governo cinese è tenuto in ostaggio dai burocrati che violano la Costituzione, ma che il paese è in via di transizione.

Aveva accusato le autorità di Pechino di perseguire la “politica del figlio unico” con sterilizzazioni e aborti forzati. Ora, dopo quattro anni di prigione, è sorvegliato 24 ore su 24 e non può uscire dalla sua abitazione. Il suo è un altro caso di detenzione illegale, dopo quello del premio Nobel Liu Xiaobo.
(continua)

Usque tandem abutere, Cina, patientia nostra?

Sonam TseringQuesta la terribile notizia sulla Cina, mentre il Dalai Lama ha annunciato che probabilmente fra pochi mesi, dopo essersi consultato con i membri del suo governo, si ritirerà dalla vita politica: è stata confermata la condanna a morte di Sonam Tsering (in foto), uno degli studenti della rivolta di Lhasa, emessa nel maggio 2010 ma non riportata dalla stampa tibetana in esilio. Sarà giustiziato fra due anni.

Spero che la stampa internazionale e l’opinione pubblica si mobilitino anche contro questa barbarie, questo insulto all’umanità e alle più elementari regole dei diritti umani. O forse la Cina è troppo potente rispetto all’isolato Iran di Sakineh?

continua


La gioia di Ajmal Amir Kasab condannato a morte

Ajmal Amir Kasab, il giovane terrorista islamico ritenuto colpevole delle stragi di Mumbai del 2008 e per la cui partecipazione l’organizzazione Lashkar-e-Taiba, di cui ho parlato, ha pagato 150.000 Rs alla famiglia, ha avuto la pena di morte.

Un gruppo di induisti però si è imbufalito e ha scritto al governo per protestare. Questi signori dicono che per un fondamentalista islamico la pena di morte è una liberazione e una cosa stupenda, dato che crede che vi siano 72 vergini ad aspettarlo nell’aldilà.

In fondo non hanno tutti i torti.

Avanti