Tag Archives: orientalia4all

The Pirate Bay, caricati 18.592 articoli accademici da Gregory Maxwell

Vi ricordate di The Pirate Bay, vero? Quella cosa proibita che vi ho consigliato più volte e fortemente di non usare?

continua


India, i 60 elefanti del primo ministro Mayawati Kumari

elefanti di Mayawati

India, Luknow. Vedete questa sfilza di 60 elefanti giganteschi in arenaria? In mezzo, anche se non si vede, circondata dagli animali, c’è Mayawati Kumari, il primo ministro dello stato più popoloso dell’India, l’Uttar Pradesh. Gli elefanti sono un memoriale che il ministro ha fatto costruire sulle rive del fiume Gomti, un tributario del Gange. La signora Mayawati, che è una Dalit, cioè una fuoricasta o intoccabile – ex intoccabile, diciamo meglio, dato che l’intoccabilità è stata ufficialmente bandita dal paese -, i pariah insomma, quelli che Gandhi chiamò Harijan, l’ha fatto costruire per onorare la memoria dei grandi intoccabili del passato come Ambedkar. Dice lei. Prezzo dell’opera: oltre 225 milioni di sterline.

continua


Enrica Garzilli su Mandela, un pacifista bombarolo

Mandela e GheddafiEnrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: Una vita dedicata ai diritti umani. Nelson Mandela compie 93 anni. Il compleanno di Madiba, premio Nobel per la Pace, primo presidente del Sudafrica democratico e per decenni bombarolo. Amico di Gheddafi e così “distante” dagli Stati Uniti che più distante non si può. Fino al 2008 non poteva neanche entrare liberamente in USA. In un discorso a Tripoli del 1990:

Nessun paese può rivendicare di essere il poliziotto del mondo e nessuno stato può dettare a un altro cosa deve fare.

continua


Chiuso per ferie

donna sulla spiaggiaMiei cari, oggi partirò per pochi giorni. Sono tutte le mie vacanze, in pratica è un normale weekend feriale, quindi non me ne abbiate se lascerò il computer, spegnerò il cellulare, non comprerò neanche un giornale e non guarderò la televisione né ascolterò la radio.

continua


Orientalia

Giorni fa mi chiedevo perché non avessi più la valanga di commenti che caratterizzavano questo blog. Discussioni anche vivaci, note a margine, suggerimenti e così via. Era bello, anche se portava via tempo.

Poi alcuni utenti, attenti lettori e lettrici, a varie riprese mi hanno domandato perché questo blog fosse diventato “così serio”. Serio il layout, seri gli argomenti, serie le risposte, serio tutto insomma.

continua


Suggerimenti per Orientalia: nuovo vestito e nuovo nome

Miei cari, come alcuni di voi hanno già notato ho cambiato il layout di Orientalia4All. E ho accorciato il nome, almeno per adesso. Il nome è un po’ l’identità del blog e dell’autore, quindi ci ho pensato molto.  Era da un paio di anni invece che avrei voluto cambiare il layout ma, ovviamente, mi devo affidare ad altri.

Ci sono ancora molte cose da sistemare, per esempio le categorie,  la barra in alto e così via, ma a me la nuova veste grafica piace davvero molto. La trovo elegante ed essenziale. Tutto merito del mago Fabio Cabula di Liquida, che ringrazio tantissimo e, per la parte di programmazione, di Ludovico.

continua


The New Landscape of the Blogosphere

blogosfera[Blogs] represent a tremendous opportunity for publication, discussion, cross-fertilization, and critique of a kind never seen before. In principle, at least, the Internet offers an opportunity to break down old barriers and engender new communities.

Sapete quella cosa che la blogosfera nostrana dichiarava morta e sepolta, il blog? In USA la pensano un po’ diversamente. I blog infatti sono riconosciuti scienza, cioè portatori di conoscenza e di pubblica rielaborazione delle conoscenze, “una pubblicazione e un’occasione di dibattito, scambio di idee e critica mai viste prima”. Fanno cultura e contribuiscono alla crescita della ricerca.

Lo ha dichiarato il Social Science Research Council, una potente organizzazione statunitense con un raggio di azione internazionale che riceve fondi da istituti privati e istituzioni governative americane. Ha fatto una ricerca sui blog a partire dalla scienza più a rischio di estinzione, lo studio

continua


India, un panino una birra e poi - Gesù

GesùChe devo dire? A me l’immagine di questo Gesù con la lattina di birra in una mano e la sigaretta nell’altra piace, mi piace pensare a un figlio di dio così umano, così bello con i capelli lunghi e biondi, che sembra un fricchettone buono.

Invece in India l’hanno presa molto male.

continua


Borse, euro, riforme e rilancio dell'economia mondiale: Italia virtuosa, ma...

Arnab DasCrescita lenta o più inflazione e tassi più alti. Queste le previsioni di Arnab Das per l’immediato futuro internazionale. La ricetta per rilanciare l’economia?

Si potrebbe uscire solo con nuova rivoluzione tecnologica, ecologica, bio tech, eccetera. Ma queste sono cose che un governo difficilmente può creare, lo Stato può agevolare certi sviluppi con legislazioni particolari e rendendo l’economia più dinamica e flessibile. Ma negli Usa e ancor di più in Europa si va nella direzione opposta: più protezione lavoratori, più stato sociale, più tasse, meno spese pubbliche eccetera. Dunque rendendo la rivoluzione tecnologica molto più difficile. L’unica buona notizia è che nel mondo ci sarà più stabilità, e una minor volatilità del Prodotto interno lordo.

E sulla possibilità di una crisi del debito pubblico dell’Italia:

Avete da tempo un debito enorme, ma siete diventati virtuosi. In questa crisi siete riusciti a mantenere i conti sotto controllo e il deficit è aumentato molto meno di altri Paesi. In più avete un basso indebitamento delle famiglie e non c’è stata la bolla dei mutui. I problemi sono altrove.

(Tutta l’intervista a cura di Marcello Foa)

La Cina sfida tutti con Sa Dingding

Sa DingDingVoi direte, ma chi è Sa Dingding? E’ una famosa cantante cinese che potete ammirare qui in foto.

Nel 2008 ha vinto il BBC Radio 3 Award per la musica internazionale nella categoria Asia Pacific, è di origini han e mongole e veste spesso e volentieri con tuniche pseudo-tibetane con sopra volti luccicanti di grandi Buddha o di deità tantriche buddhiste.

Ora il governo della Cina ha deciso che all’Expo 2010 a Shangai, il prossimo maggio, la presenterà come la prima cantante pop internazionale cinese in sanscrito! Proprio così, in sanscrito.

La ragione è semplice: lei canta già in cinese, tibetano e sanscrito. Il sanscrito però è la lingua originaria di molti testi del Buddhismo tantrico, il Vajrayana, il Kanjur e il Tanjur, le enormi collezioni della letteratura tradizionale sacra e profana del Tibet. Il sanscrito è la lingua dei mantra e dei riti. E’ la lingua che ha studiato per tanti anni il Dalai Lama. Lanciarla sul panorama internazionale come cantante cinese in sanscrito equivale a dire che la tradizione tibetana fa autenticamente parte della Cina, è cinese.

continua


Avanti