Tag Archives: onlus

Il tesoro celeste: l'arte tibetana della medicina, Brescia, 13-29 marzo 2009

locandina bresciaOggi alle 6 l’inaugurazione, a Brescia, di una mostra sulla medicina tibetana, a cura dell’associazione Asia Onlus e dell’Associazione culturale Comunità Dzog chen Brescia.

Andate a visitarla, la medicina tradizionale tibetana è una scienza che, specie nelle diagnosi, ha quasi del prodigioso. lo posso testimoniare.

Il tesoro celeste – L’arte tibetana della medicina
Dove: Brescia, Sala SS. Filippo e Giacomo, Via delle battaglie, 61
Quando: 13-29 marzo 2009

Internet, pedofilia e la brillante trovata del ministro Mara Carfagna

mara carfagnaBrillante, brillantissima figura del ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna. Ma procediamo con ordine.

Il 9 dicembre scorso il Consiglio dei Ministri della Commissione Europea ha approvato l’adozione di Safer Internet Programme (2009-2013). Questo è la continuazione di un programma del 2005, e prevede uno stanziamento di 55 milioni di euro per co-finanziare progetti perché Internet diventi un posto più sicuro per bambini e ragazzi, facilmente vittime della pedofilia online.

L’attuale Ministro per le Pari Opportunità che fa? Tempista e brillante, giusto

continua


Svelato il mistero di Giuseppe Tucci e l'antipatia con Fosco Maraini!

Pema (c) tibet.itFinalmente ho svelato il mistero dell’antipatia fra il nostro più grande esploratore e archeologo della cultura asiatica, Giuseppe Tucci, e Fosco Maraini!

Tre ragioni, ma una più importante delle altre, dovuta alla competitività di Tucci, che lo fece entrare da solo a Lhasa durante la spedizione del 1948. D’altronde, lui seguiva la sua etica, l’etica della ricerca applicata a se stesso, che lo portava a voler arrivare per primo: ma esiste un’etica nella ricerca? O nell’arte? Nella cultura, nella storia, nello studio delle religioni, ecc.?

E qui alcuni commenti dei viaggiatori, esploratori, ufficiali, che visitarono Lhasa prima del 1948 — inclusa la prima donna, la Signora Joan Mary Jehu che nel 1932 ci andò con suo padre — dove sta scritto che Maraini accompagnò Tucci a Lhasa nel 1948: ma non è vero!

Berlusconi e l'invidia delle ragazze! (ovvero: gioventù nascosta)

Una ragazza che si firma “Mamma mia che brutta roba l’invidia!” commenta nel mio postBeneficenza: My Milano Young Onlus:

Barbara Berlusconi non è la figlia di Piersilvio ma la sorella. La serata all’Alkatraz è un modo per aiutare chi ha meno possibilità di noi tutti, per cui non vedo perchè denigrare senza alcun motivo. Io alla serata ci sarò, e almeno avrò modo di testare se questi ragazzi sono solo fumo oppure se sono davvero in gamba come credo. Voi ci sarete oppure preferite continuare a poltrire e criticare belli nascosti dietro ai vostri pc?

Al che io rispondo:

Cara “Mamma mia, che brutta roba l’invidia!”

*Chi si sta nascondendo sei tu! Infatti non ti firmi e non ti fai trovare.*
Certo, potremmo vedere chi sei dall’email. Ma a che pro? Posso dire solo che sei del 1978… E che hai l’età della Barbara Berlusconi detta Babi, ma NON la conosci altrimenti sapresti che è la figlia! E hai una voglia pazza di conoscerla…:)

1) Infatti leggi la vita di Berlusca, anno 1980 (recuperalo nella cache di Google). Cito:

Berlusconi fonda, con Marcello Dell’Utri, Publitalia 80, la concessionaria pubblicitarie per le reti tv. Conosce l’attrice Veronica Lario, al secolo Miriam Bartolini, che recita in uno spettacolo al teatro Manzoni di Milano senza veli. Se ne innamora. La nasconde per tre anni in un’ala segreta della sede Fininvest in Via Rovani a Milano. Poi la donna rimane incinta e nel 1984, sempre nel segreto più assoluto, partorisce in Svizzera una bambina, Barbara. Berlusconi la riconosce. Padrino di battesimo, Bettino Craxi.

2) Io notavo solo che nella Onlus di questa allegra combriccola non ci si può iscrivere, diventare soci, sapere quanto (e se) si paga.
E mi chiedevo: come mai? Che requisiti bisogna avere allora? Voglio dire, se non mi chiamo Berlusconi, Zoppas, Ligresti La Russa, ecc., va bene uguale?
Lo chiedevo ai miei 3 lettori perché io verso ancora nel dubbio più atroce.

continua