Tag Archives: neve

Frecciarossa Torino-Milano tutto relax

FrecciarossaIeri sono andata e tornata da Torino in giornata. Ho finito verso le 14:45 e per tornare sono andata in biglietteria – la fila per le macchinette era chilometrica perché alcuni rifacevano lo stesso percorso sullo schermo molte volte, sbagliandolo sempre nello stesso modo.

continua


Leandro libero

Snow in Milan, January 7 2009Stamattina alle 8, quando mi sono alzata, ho visto che la neve aveva piegato di nuovo fin quasi a terra i rami di Leandro, l’oleandro rosa che sta sul terrazzo di casa e che vedete in foto. Così mi sono bardata di tutto punto e sono andata, sotto un cielo spettrale color grigio scuro, a liberare lui e le altre 78 piante.

Sì lo so, ci sono mille altre cose importantissime nel mondo di cui parlare, ci sono mille altre cose per cui preoccuparsi, come la guerra senza fine in Medio Oriente, o di cui lamentarsi, come l’ennesimo articolo sulla fine dei blog (perché, poi, non si sa), ma credo che prima di tutto bisogna prendersi cura di quello che ci sta intorno, quello che abbiamo scelto, quello che ci siamo presi l’impegno di amare e curare e da noi si aspetta amore e cura.

Stamattina, per me, qui davanti alla Passione, c’era Leandro e gli altri

continua


Ritorno da Pune: ma quanto fa freddo?

Appena tornata, fa un freddo cane e qui a Milano la pioggia è quasi neve.
Io che ci faccio qui?

Milano sotto la neve e Jimmy, 3 dicembre 2005

Il piccolo olivo
Stamattina qualcuno mi ha svegliato alle 6. Mi sono alzata un po’ imbufalita e sono andata in cucina. Era ancora buio.

Ho aperto le finestre comunque — visto che mi sento in coma, almeno vedere l’alba! — e ho letteralmente fatto un balzo dall’orrore: il mio olivo più piccolo era piegato a metà e incastrato sotto la neve alta una spanna!

L’ho comprato all’Unes di Viale Premuda circa 3 anni fa — anzi, diciamo che l’ho salvato — insieme ad altri due. Erano dei virgulti rinsecchiti e quasi morti. Li ho piantati, ho aspettato che riprendessero bene e l’anno dopo li ho trapiantati in un vaso con le ruote sotto, così non raccolgono l’acqua, e poi li ho potati, aprendone bene i rami per far entrare il sole.
In un’altra foto vedrete le prime olive giganti…

Insomma, stamattina prima dell’alba mi sono precipitata fuori, ho alleggerito Jimmy e l’ho liberato dalle grinfie gelate.
Poverino…:)