Tag Archives: myanmar

Asia Maior 2010: Ripresa economica, conflitti sociali e tensioni geopolitiche in Asia

L’ultimo volume di Asia Maior è stato appena pubblicato con il titolo di Ripresa economica, conflitti sociali e tensioni geopolitiche in Asia, a cura di M. Torri e N. Mocci, Bologna: Odoya. Il volume esamina le principali vicende politiche, sociali ed economiche del 2010 di 18 paesi asiatici. Io tratto la Repubblica Federale Democratica del Nepal nell’articolo “Nepal, la difficile costruzione della nazione: un paese senza costituzione e un parlamento senza primo ministro”.

A breve sul sito di Asia Maior potrete leggere gratuitamente tutti i saggi.
Quello di Enrica Garzilli sul Nepal, come tutti gli anni, su quello dell’Asiatica Association.

continua


Torino, una metro per cinque metri

La prima fermata della Metro dalla stazione Porta Nuova di Torino è al famoso bar Platti. Encomiabile, visto che è uno dei migliori bar d’Italia, paragonabile al Rosati di Roma (almeno fino a 15 anni fa), ma un po’ inutile, visto che a occhio e croce saranno 500 metri a piedi.

Vittorio Pasteris
ci dice che il servizio Metro in città è ancora più inutile di quello che si pensi, visto che non al momento non funziona:

La Metro di Torino si sta portando avanti nei lavori per raggiungere il Lingotto a partire dall’inizio del 2010. Per fare questo dal giorno 11 giugno al giorno 11 luglio 2010 sono state programmate delle limitazioni del servizio per gli oramai molti utilizzatori della Metro. Sul sito GTT esiste un riassunto delle diverse modalità dei servizi ridotti.

La situazione della prima settimana, anche per il continuo maltempo, è stata a dir poco apocalittica.

continua


Non è che la Polverini diventa una santa, vero?

nullRenata PolveriniCome sapete fra pochissimo, a maggio, si terranno le prossime elezioni in Birmania. E’ un evento molto speciale perché le ultime elezioni multipartitiche si sono tenute nel 1951-1952, nel 1956, nel 1960 e nel 1990, quando Aung San Suu Kyi avrebbe dovuto guidare il governo, con le conseguenze che sappiamo: l’arresto.

Nell’agosto 2009 Aung San Suu Kyi è stata condannata a ulteriori 18 mesi di arresti domiciliari per aver violato i termini dell’arresto, che sarebbe scaduto quei giorni, ospitando John Yettaw. Guarda un po’, non potrà quindi candidarsi alle prossime elezioni. L’alta corte birmana ora ha respinto l’appello di scarcerazione e ha deciso che rimarrà agli arresti. Oggi ha presentato ricorso, come la Polverini.

continua


Aung San Suu Kyi e il profumo della libertà

Aung Suu KyiNon c’è da sorprendersi che Daw Aung San Suu Kyi, leader della democrazia in Myanmar da 14 anni agli arresti domiciliari (negli ultimi 20) e fervente buddhista, sia stata condannata a tre anni di lavori forzati per aver violato i termini degli arresti ospitando John Yettaw. Immediatamente la sentenza è stata commutata a ulteriori 18 mesi di arresti domiciliari.

Non c’è da soprendersi, però dispiace. L’americano Yettaw è stato punito con 7 anni di prigione, incluso 4 anni di lavori forzati. The New York Times ci ricorda che il prossimo anno si terranno le prime elezioni dal 1990, quando i militari annullarono la vittoria del partito di Aung San Suu Kyi, la Lega Nazionale per la Democrazia.

Quando si terranno le elezioni quindi Aung San Suu Kyi sarà agli arresti domiciliari. I militari però dicono che il suo recente processo è stato puramente di carattere penale e non è politico. E se lo dicono loro abbiamo tutte le garanzie.

Il premio Pulitzer Seymour Hersh e la questione delle fonti

Dopo la lectio magistralis tenuta dal premio Pulitzer 1970 Seymour Hersh al Festival internazionale del giornalismo di Perugia, che potete ascoltare qui, ho incontrato Seymour Hersh per strada, da solo. Ci ho parlato brevemente perché sembrava molto stanco e non è più un ragazzino.

Come sapete, Hersh, come molti giornalisti investigativi, è stato criticato per l’uso di fonti anonime. Questa è una pratica comune se si parla di argomenti sensibili, l’ho fatto anche io nell’articolo “Myanmar la forza di Internet. Dialogo oltre il silenzio. La Rete è servita per organizzare la rivolta e parlare con l’esterno. Nonostante il blocco del regime”, pubblicato su Nòva il 25 ottobre 2007, in cui ho trattato l’uso di Internet per portare fuori della Birmania le voci dei dissidenti, organizzando dei gruppi politici, e parlare con qualche raro giornalista.

Dopo aver pubblicato l’editoriale sulla politica americana in Afghanistan, in cui critico Barack Obama per la decisione strategica di spostare altre 16.000 soldati sul territorio e di cercare un accordo con i “talebani moderati”, un famoso studioso americano che collabora con la Casa bianca mi ha attaccato violentemente su una mailing list specializzata, con decine di migliaia di membri, chiedendomi su cosa avevo basato la mia analisi e quali erano state le mie fonti specifiche.

Gli ho risposto rivelando parzialmente le mie fonti. L’abitudine di scrivere da studiosa, dicendo esattamente dove, come, perché e da dove ho trovato un certo testo, una certa informazione, un certo documento e con chi ho parlato, ha prevalso.

Poi mi sono pentita per più motivi, innanzi tutto perché non voglio mettere a repentaglio la tranquillità (anche se non la sicurezza) della persona che ho intervistato, e poi perché le fonti sono preziose e non si condividono. Questa persona si fida di me, non di altri.

Secondo voi ho fatto bene? Cosa avrei dovuto fare per difendere la mia credibilità ma non disturbare il mio informatore, rivelandone il nome?

PS Postilla per amici e nemici.

Appello urgente per Myanmar

BurmaAccolgo volentieri un appello per le vittime in Myanmar. Ricordo che il ciclone Nargis ha mietuto 90.000 vittime e 50.000 persone sono ancora disperse.

Se volete fare una donazione — potete dare anche solo 1 euro — fatelo tramite il conto Paypal che trovate sulle pagine di Fabrizio, che aperto la sottoscrizione. E’ una persona seria e la raccolta di fondi andrà in porto attraverso mani sicure:

Ho aperto una sottoscrizione per le vittime del ciclone Nargys in Myamar, perché abbiamo trovato un modo di far giungere il denaro direttamente nel paese, tramite Singapore, a una persona fidata che, oltre a necessitarne in prima persona dovendo provvedere alla vecchia madre, è in grado di assicurarne la ridistribuzione in aiuti sia a Yangon, dove abita, che in due villaggi a nord lungo il corso dell’Irrawady, tra i più disastrati.

L'economia della Cina conquisterà il mondo

Cinese workersVenerdì scorso sono stata a una interessantissima tavola rotonda sull’Asia che si è tenuta all’Università La Cattolica, tenuta da analisti economici e politici. Due di loro sono stati a lungo consiglieri per i nostri ministri degli Esteri e uno, ministro plenipotenziario, sta partendo come ambasciatore per uno degli stati più difficili e importanti del pianeta per le grandi riserve di petrolio. Quasi due ore, ma sono volate.

La cosa che mi ha colpito di più è che erano tutti d’accordo, numeri alla mano, a dire che nel 2040, forse prima perché la Cina diminuisce i suoi dati di crescita (al contrario di quello che fanno i paesi occidentali, che l’aumentano per incutere “fiducia” nei mercati, la Cina non vuole spaventare i mercati esteri!), il PIL della Cina avrà sorpassato di gran lunga quello degli Stati Uniti e del Giappone. Sarà insomma la prima potenza mondiale. Secondo posto gli USA, terzo posto il Giappone e quarto posto l’India. Poi verrà la Germania.

Solo se l’Europa sarà in grado di attuare una vera politica economica comunitaria e di aumentare collettivamente la crescita del PIL, cosa che per ora non è in grado di fare, sarà in grado di competere con altri stati, ma sempre dopo la Cina.

La Cina sarà comunque la padrona indiscussa dei mercati e delle borse. Questo vuol dire che si potrà permettere, come già fa in larga parte, una politica svincolata dai giudizi e delle dinamiche internazionali. In pratica, dato che ha oltre 1.300.000.000 abitanti ed è la nazione più popolosa del mondo e ha il tasso di crescita economica più alto, questo è vincente perché decide il mercato internazionale e le politiche finanziarie.

Non solo vincente ma sicuro, perché tutti hanno in mente di contribuire al bene e alla prosperità del proprio paese e hanno un’etica del lavoro confuciana, cioè lavoro lavoro lavoro e obbedienza all’ordine costituito per senso del dovere. Niente scossoni politici, un benessere che man mano aumenta per tutti, non solo per pochi pezzi grossi del partito o poche famiglie industriali (anche se questi, come in tutti i paesi del mondo, vivono sempre molto meglio di tutti gli altri). Pochi diritti umani, per esempio niente critica aperta al sistema politico, ma è un prezzo che i cinesi sembrano pagare volentieri per la grande crescita economica e l’aumento del benessere diffuso.

Ecco, in questo momento terribile per la Cina, che piange almeno 50.000 morti sotto le macerie e 12.000.000 sopravvissuti senzatetto, io vorrei ricordare agli amici cinesi che mi leggono, e sono tanti, che il loro paese è in crescita, che diventerà sempre più importante anche politicamente, che piano piano si aprirà ai diritti umani (e non potrà fare altrimenti) e che tutto il mondo ammira non solo la loro cultura millenaria, ma gli sforzi uniti di tutti i cinesi compresi i politici, senza inciuci, per fran fronte a questo momento terribile.

Non è come Mynamar, che piange 130.000 morti ma la giunta ha aspettato a lungo a far entrare gli aiuti internazionali, le squadre di medici e di operatori, per paura che vedano o cambino lo status quo.

La Cina si è mobilitata e ha pensato prontamente e con il massimo degli sforzi ai suoi figli più sfortunati. Spero solo che si ricordi che fra loro ci sono anche i cugini tibetani.

Chi sono i fascisti? L'India critica Alemanno ma finanzia la giunta in Birmania

Generale birmanoMentre il Sunday Times critica il nuovo sindaco di Roma Alemanno, dicendo che ha messo al bando le star internazionali per promuovere il cinema italiano (il che non sarebbe male), anche i giornali indiani come questo del Kerala, lo stato più avanzato dell’India, lo criticano chiamandolo fascista e gridano ai “Venti di destra in Europa”.

Parla proprio l’India che, a dispetto della sua democrazia e di essere firmataria di tutti i Diritti umani dell’ONU, ha finalizzato un accordo con cui finanzia l’ammodernamento di un porto in Birmania per permettere ai suoi stati del nord-est uno sbocco sul mare.

L’India ha dato 135 milioni di dollari, il porto ne costerà assai meno e quello che avanza andrà come aiutino alla giunta militare.

E tutto questo per competere con la Cina per il controllo della Birmania.
Chi sono i fascisti?

(Nella foto, il capo della giunta birmana, il gen. Than Shwe)

Posso riproporre?

Enrica GarzilliLeggevo prima WittgensteinUn altro caso di imbecilli che vanno a contestare aggressivamente…“. Ok, non sono Giuliano Ferrara, ma perché ci ho riso mezz’ora? Forse Luca non sa, però, che di imbecilli è pieno il mondo.

Comunque, passiamo a noi. Qui i preparativi fervono: non strappatevi i capelli, Blogbabel non è sparita e nonostante quello che spera qualcuno, che la vuole mettere nel dimenticatoio e si unisce in ridicoli gruppetti d’assalto verso la sottoscritta (che nel suo blog personale secondo loro non dovrebbe parlare del disservizio sperimentato con un servizio, senza alzare il solito coretto spennacchiato di proteste e di prese di distanza patetiche), beh, dicevo nonostante tutto le cose stanno procedendo benissimo, sono in vista delle cose stupende e delle funzionalità nuove. Insomma, stay tuned!

Una raccomandazione: a chi non va di usare Blogbabel non la usi. E chi non va di leggere il mio blog non lo legga, senza scrivermi in email o con messaggi diretti in Twitter, ché oltre tutto è assai maleducato da persone con le quali non ho mai avuto niente a che fare. Qui, si astenga per favore dai commenti volgari, offensivi, ecc., o che contengono pubblicità gratuita a se stesso, ché d’ora in poi li cancellerò ipso facto.

Bookblogging: Premiata macelleria delle Indie

Premiata macelleria delle IndieHo scritto diverse recensioni nella categoria “Recensione libri” ma, checché se ne dica, la blogosfera ha le sue regole: e non molti ci avevano fatto caso. Così ho deciso di anticipare da oggi il titolo del libro di cui parlo col nome più appropriato di “Bookblogging“.

Comincio questa nuova veste con un bel libro di Alessandro Gilioli, Premiata macelleria delle Indie, Rizzoli Editore, 2007, pp. 252. Prezzo: € 10,50.

Bello è una parola strana: cos’è bello, quello che ci piace o anche quello che ci dispiace? Può una cosa, un’informazione, un dato che ci dispiace piacerci?

continua


Avanti