Tag Archives: milan

Vecchio e nuovo giornalismo: ma la gente che ha recepito del giornalismo online?

Ce l’ho fatta, sono andata all’incontro Vecchio e nuovo giornalismo a confronto. L’evoluzione digitale dell’informazione.

continua


Astronauti a Milano

Ieri passando per Corso Vittorio Emanuele mi sono detta: non male questa scultura, però. Certo, sembra una navicella spaziale.

E’ una navicella spaziale! Fino al 30 novembre in piazza San Carlo (fermata MM San Babila) sarà esposta la navicella Soyuz TM-34, quella che ha trasportato l’astronauta Roberto Vittori, insieme ad altri due colleghi, nel 2002.

Il bello è che ci si può anche entrare dentro.
Da visitare, oggi.

Punito e contento

mano e coltelli

Incredibile caso di consenziente punizione corporale fra studenti cinesi ad Udine. Si lascia ferire con un coltello le mani da un amico come punizione per aver palpeggiato due studentesse.[...]

Il tutto avveniva con l’approvazione degli altri ragazzi e ragazze cinesi presenti che consideravano colpevole il 19enne, mentre il “punitore” godeva di eccezionale reputazione in quanto aveva proceduto a fare giustizia.

Questo fatto, avvenuto nella comunità cinese di Udine, rappresenta un concetto dell’onore e della rispettabilità molto diverso da quello che circola fra i ragazzi italiani o, meglio, occidentali.

Mi ha fatto pensare a Jon, un mio conoscente cinese di Chinatown, qui a Milano. E’ sposato con figli ma quando si è comprato la moto, e gli ho chiesto se non avesse paura, lui mi ha risposto un po’ imbarazzato che anche i suoi genitori l’avevano e lui gli ha disobbedito. Però, diceva, era un suo sogno da quando era bambino, ha osato comprarla solo dopo che è diventato padre e l’avrebbe tenuta poco.

Jon parla benissimo italiano, se non è nato qui ci ha vissuto tutta la vita, i suoi figli hanno dei nomi italiani: ma questo concetto di rispetto verso i genitori qui in Italia c’era solo quando mio padre era piccolo, negli anni Trenta e Quaranta.

Poi è venuta la guerra e il boom economico e hanno sconvolto tutti i valori. Ne ha distrutti alcuni, ne ha introdotti altri, ne ha trasformati troppi.
Io, però, spesso mi chiedo quali siano quelli che ha introdotto…

Berlusconi l'ha fatto di nuovo!

Obama è bello, giovane e pure abbronzato e penso che [il presidente della Federazione Russa Dmitry Medvedev] non dovrebbe avere problemi ad avere rapporti con lui (video del Corriere).

Ha detto Berlusconi nel corso della conferenza stampa al termine del bilaterale Russia-Italia al Cremlino. E il New York Times commenta:

L’ha fatto di nuovo.

Al che Veltroni dichiara:

le parole di Berlusconi danneggiano seriamente l’immagine e la dignità del nostro paese sulla scena internazionale.

E gli chiede di scusarsi ufficialmente.
Ma Berlusconi ribatte:

Davvero ci sono persone che non capiscono che era una cosa carina da dire? Se scendono in campo gli imbecilli siamo fregati. Dio ci salvi dagli imbecilli.Come si fa a prendere un grande complimento come una cosa negativa? Ma che vadano a…!

Fine della patetica sceneggiata.

Ha commentato The Guardian che fra le tante congratulazioni arrivate ieri a Obama due si sono distinte: quelle di Berlusconi e quelle del presidente dell’Iran Mahmoud Ahmadinejad, che ha detto “Spero che preferirà davvero la giustizia e l’interesse pubblico a quello delle richieste, che non finiscono mai, di una minoranza egoista, e colga l’opportunità di servire la gente in modo che venga ricordato con molta stima”.

Titolo dell’articolo:

Thanks, but no thanks

Che può essere tradotto come “Grazie, ti ringrazio ma no”.

Penso che la sceneggiatura di basso livello dei nostri politici la dica lunga sullo standard morale, etico e di buon gusto imperante nel nostro paese (perché ricordo che Berlusconi è stato eletto dalla maggioranza del nostro paese). E di come siamo guardati all’estero.

Proprio ieri mattina ho parlato di Berlusconi, non volendo, con due persone.
Il primo è il proprietario di un negozio di utensili per la casa di viale Premuda.

continua


A' livella

TotòOggi, 2 novembre, si ricordano i nostri cari passati nel mondo dei più. A’ livella di Totò l’ho riletta dall’amico Nello e mi ha intenerito perché mi ricorda mio padre, che me la recitava da bambina con la sua voce pacata e scanzonata.

Io la offro a dei signori di mia conoscenza (sono bel gruppetto!), che hanno la fortuna di essermi parenti, per i quali i soldi e gli interessi, le proprietà, le ville, gli investimenti, le eredità e compagnia bella sono il principio e il fine ultimo della vita.

So che mi leggete e quindi vi prometto una cosa oggi, qui e in pubblico: verrò a trovarvi nel vostro ultimo letto e ve la reciterò, miei cari, senza astio e senza odio, anzi, con grande gioia.

Avete tentato di trasformare questo nel più squallido dei mondi possibili ma a quel tempo, ne sono certa, vi dannerete. Perché, nonostante tutto, i soldi e il resto non ve li porterete nella fossa. E sarete uguali a tutti, senza privilegi, senza snobberie, senza prepotenze e senza le arie ridicole che vi date. E quello sarà il vostro personale Inferno.
Buone Feste!

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

continua


Sciopero perché la biblioteca non si tocca!

Biblioteca BraidenseIeri sono stata alla magnificente Biblioteca Nazionale Braidense, qui a Brera. Se c’è una cosa che funziona bene a Milano, oltre alla sanità e ai mezzi di trasporto pubblici, sono proprio le biblioteche pubbliche: tante, efficienti (specie se paragonate ad altri uffici), mediamente collaborative con gli utenti.

C’era sciopero e un’aria di smobilitazione triste, tantissimi studenti dell’Accademia, insieme ai docenti, per i corridoi e nel cortile. Ho ascoltato un po’ in giro, erano tutti preoccupati per la legge Gelmini ma tutti pacati, assolutamente “normali”. Dei facinorosi di cui parla il partito al governo non ho visto traccia.

continua


Metti Codice Internet in Galleria

Codice Internet - Milano, Galleria, 10 ottobre 2008 III Oggi sono stata per una mezz’ora alla presentazione di Codice Internet in Galleria, in pieno centro (altre foto su Flickr). Hanno parlato dell’enorme bontà e ragionevolezza di Creative Commons e del perché tutti devono usarlo.

A un certo punto due scozzesi in kilt si sono seduti a bere un superalcolico da una bottiglia nascosta in una busta di carta. Ascoltavano e ridevano come matti, chi sa che avranno capito.

E con questo finisce il tormentone delle foto della BlogFest

Giulia_B11-14 settembre 2008 20111-14 settembre 2008 200On the road (to Milan) IIFinite, ma ce ne sono tantissime altre su Flickr. Da sinistra Giulia_B, un very cool Palmasco, Salvatore Aranzulla con una sconosciuta e un glorioso cielo in autostrada, sulla via per Milano.

Sentirsi innamorati a Milano

Piazza Duomo IL’ho scritto di là, ma vale anche di qua.

Perché nella vita ci sono tanti tipi di amore, anche quelli sbagliati e irrimediabili, come l’amore per un uomo che ti fa solo male.

Nude alla meta per i corridoi della fiera Mi-Sex ad Assago

womanInteressantissima iniziativa al Centro Congressi Milanofiori di Assago, sede della manifestazione più caliente del momento.

Si intitola “Nude alla meta” e prevede l’ ingresso gratuito per tutte le donne che si spoglieranno e rimarranno nude per i corridoi della fiera, indossando solo una mascherina.

Chiude stasera a mezzanotte, chi è un po’ esibizionista (e nella blogosfera non mancano) si affretti!

Avanti

Indietro