Tag Archives: link

Buon compleanno Google: dieci, ma non li dimostri

googleOggi è il compleanno di Google.

Una cosa molto carina che hanno fatto per festeggiare è la pagina Project 10 alla 100 con la scritta “Vuoi cambiare il mondo? Anche noi” e il link per proporre delle idee “che aiutino quanta più gente possibile“.

continua


Twitter Facebook e MySpace per trovare lavoro

Brian Ward lost his job on a Friday afternoon. Eleven days later he had a new one. With nearly 1 in 10 people out of work and the typical job search lasting 12 weeks, how did the Cleveland-based software architect pull it off? In a phrase: online social networking.

Dice il Time che se siete state licenziati il miglior modo di trovare un nuovo

continua


Cambiare vestito (e forse nome)

Mi piacerebbe moltissimo cambiare il layout di questo blog, lo sento vecchio e obsoleto, sarà che è stato ideato nel 2004 e per qualcosa di elettronico è passato molto tempo. E anche io sono molto cambiata.

Questo blog ora mi sembra statico, non so come dire. Lascerei qualcosa come la mia foto, il riferimento al sanscrito nell’header (ma lasciamo l’header? Certo non una fascia rigida), e poi non so. Mi piacerebbe anche lasciare solo il titolo Orientalia e aggiungere il mio nome: in fondo, molti hanno cambiato nome al blog.

continua


I like it

Magic Italy magazineEcco, l’ho detto. A me questo tanto vituperato sito del Ministero del Turismo italiano piace. Si carica al volo, è colorato, pieno di bei paesaggi italiani (non si sono sbagliati), scritto in quattro lingue, un bel link alle Ferrovie e ad Alitalia in basso. Unico neo, il volto sorridente di Berlusconi. ‘Nne pozz cchiù!

PS del 18 luglio alle 9:16: Due errori grossolani segnalati da Carlo Andrea Pattacini, Valdorcia (errore dubbio, si scrive Val D’Orcia?) e un automobile (alla voce Noleggio: “noleggiare un automobile”)!

Il Corriere della Sera e il terremoto turco abruzzese

Il Corriere della Sera oggi alle 13:45 titola a tutta pagina

Terromoto in Abruzzo: crolli e morti

e accompagna l’articolo con una bellissima foto. Peccato che sia del terremoto turco.

PS Pare proprio che i brillanti signori di Rectoverso abbiano citato la foto e il fatto, ma non il post originale con il link.

Lo sfratto di FaceBook

facebookOggi ho letto sul Corriere della Sera che in Australia uno sfratto è stato notificato all’affittuario su FaceBook.

Faceva notare il buon Luca che è assurdo (parola più, parola meno), perché su FaceBook è come stare in un bar.

Ed è verissimo. In effetti mi sono spaventata quando ho messo su Google il nome di una illustre sconosciuta e ho trovato il link alla sua pagina su FaceBook: l’ho aperto in cache e ho letto tutto e visto tutto, anche se non siamo “amiche”. Ma la privacy dov’è?

In diretta dal RomeCamp2008: altro che Pocket Coffee!

Pocket CoffeeRoma, in diretta dal RomeCamp. Per adesso la presentazione in Aula1: Ambiente è di una noia mortale. Lui rigido in giacca, seduto, spiega con tono assolutamente monotono, monocorde e lievemente imbarazzato qualcosa di Yahoo!. Le presentazioni in Aula 2: Tecnologia e Aula 3: Società leggermente meno soporifere.

Questo BarCamp ha avuto un battage pubblicitario incredibile sui social network, specie grazie ai vari inviti, richiami, rimandi e sollecitazioni di Facebook, la moda del momento. Decisamente un po’ eccessivi. Comunque sarà certamente bellissimo, ne parleranno tutti, vedremo foto e video e ci sarà un fiorire di link ma, per ora, sembra tutto alquanto moscio.

La cosa più bella del BarCamp è rivedere gli amici e conoscerne di nuovi. Vedere se ci sono progetti, iniziative e idee interessanti che nascono dall’incontro di tante persone. Infatti mi ero segnata anch’io ma, dato che fra poco devo andare un paio di giorni a Roma, al Ministero degli Affari Esteri, ho pensato bene di godermi questa influenza a Milano.
Così mi sono persa il RomeCamp ma, per ora, ne ho guadagnato in Pocket Coffee.

Enrica Garzilli su Nòva del Sole 24 Ore

Enrica GarzilliVi ricordate che oggi è giovedì e dovete comprare il Sole 24 Ore, vero? Ché nell’inserto Nòva c’è un suo articolo.
E forse prima o poi qui ne metterà qualcuno suo qui, in pdf (se le danno il permesso).

Blogbabel per i malignetti della blogosfera: i parametri

Enrica GarzilliMarò, che noia ‘sta storia! Visto che si riapre fra poco, c’è un gruppetto consistente di persone, sempre le solite, che scoccia e insiste che noi tarocchiamo la classifica. O le discussioni.

Non che mi importi molto di loro perché, come diceva la mia nonnina, non è l’occasione che fa l’uomo ladro ma è il ladro che si cerca l’occasione (e potrei dire ancora: non è il marito traditore a cui capita la donna, ma è lui che se la cerca; non è la donna generosa che trova gli uomini, ma è la donna generosa che se li cerca, e così via). Insomma, chi vuole fare polemica troverà sempre il modo di farla, chi vuole creare problemi li creerà, e così via.

Però questa è una buona occasione per precisare le cose. Fra le funzionalità nuove di BlogBabel ce n’è una che permette di vedere di qualunque blog i link in entrata e in uscita con il nome del blog e il loro numero. Si può vedere chi linka chi, quante volte, i gruppetti di amicizie, i nanopublisher che si linkano praticamente solo fra loro (eccetto, a onor del vero si deve dire, alcuni di Blogosfere tipo Visti da lontano), chi ha molti blog e fa link incrociati fra questi, come fosse commerciale, e così via.

Inoltre i parametri che valgono ai fini della classifica sono nostri e al 75% sono proprio i link in ingresso. Le citazioni di Tumblr non valgono e tutto quello che si dice su Twitter non vale.

Un’altra funzionalità interessante è il nome e numero dei tag di ogni blog, che permette di vedere gli argomenti principali di ognuno. Il mio tag più usato è politica perché lo uso anche quando parlo di politica contemporanea dell’Asia o del fascismo in Asia. Il tag più usato di molti, invece, è il titolo del proprio blog.

Facile quindi aprire la pagina per sapere la vera posizione in classifica del blog, si può verificare! Cari malignetti della blogosfera, contenti?:)

Aspettando BlogBabel

Aspettando BlogBabel, ma poco ormai. Zitti zitti siamo arrivati a 13.199 blog, 5.679.188 articoli e 5.750.067 link.

E’ cominciato il conto alla rovescia.

Avanti