Tag Archives: libertà

Internet va alla testa? L'Evangelist e la moschea di Ground Zero, NYC

Bill KellerBill Keller, pastore cristiano miliardario e Internet Evangelist, cioè uno che ama e diffonde l’uso di Internet (uno come noi, in pratica), che asserisce che Gandhi è una brava persona ma andrà all’Inferno, in USA sta sollevando un bel polverone.

continua


Un Dalai Lama per le galline

gallina e pulciniUna storiella curiosa, che da una parte mi ha intenerito e che condivido pienamente, dall’altra mi fa arrabbiare. E vi dico il perché.

Il Dalai Lama ha lanciato una nuova campagna contro gli abusi sulle galline da uova, le cosiddette ovarole, costrette a vivere in “uno spazio più piccolo del pezzo di carta dove sto scrivendo questa lettera“, dice Sua Santità.

continua


Afghanistan, politica e giornalismo

Afghanistan warIeri intenzionalmente non ho parlato di Afghanistan e la questione dei documenti segreti di Wikileaks, benché del paese e delle questioni regionali ne parli spesso, per diversi motivi.

Il primo è che ho già riportato diverse volte alcune delle cose che si possono leggere nei 92.000 documenti utilizzati da ufficiali del Pentagono e dalle truppe e l’ho detto perché lo sapevo da fonti affidabili, persone che vanno in Afghanistan regolarmente, che in qualche caso conoscono le lingue e parlano da protagonisti della sicurezza, della politica e della gestione.

Inoltre, questi supposti segreti rivelati dai documenti di Wikileaks li conoscevano tutti, tutti quelli che si occupano di Afghanistan almeno. Mi chiedo infatti perché siano stati fatti trapelare ora, in questo momento politico dell’amministrazione Obama.

Che il Pakistan sostenesse delle organizzazioni come il gruppo islamico Lashkar-e-Taiba (LeT), cioè l’Esercito dei Giusti, che ha stretti legami con l’Afghanistan e Al Qaeda e cellule sparse in tutto il mondo, è fatto noto e dimostrato. Che questa guerra fosse inutile e dannosa e rischi di diventare una nuova invasione sovietica o, peggio, un nuovo Vietnam, lo dicevamo in molti.

continua


Bavaglio anche ai blog

no al bavaglio alla reteHo appena acceso il computer e letto questa lettera aperta alla Camera dei Deputati, di Valigia blu, scritta da Arianna Ciccone, per la libertà di espressione dei blogger, che rischia di essere fortemente limitata.

Se avete un blog sottoscrivetela. Io l’ho fatto.

continua


Chiuso per ferie

vacanze 2010

Da oggi invece è chiuso per ferie. Mi spiace lasciarvi, davvero, e se mi leggete forse un po’ dispiacerà anche a voi, ma la bloggante se ne va. Parto per la tanto sospirata, se pur breve, vacanza. Non sarò connessa, non leggerò la posta, non userò social network, non leggerò neanche i giornali. A meno che non mi prenda la nostalgia per la civiltà (ma sarà dura).

Pensatemi all’estremità di un paesino di 175 anime contate, un po’ di più in estate, affacciato sul mare cristallino, immerso in uno dei parchi marini e terrestri più belli del Mediterraneo. Passeggiate sulla sabbia bianca e fina, lunghe nuotate, escursioni nel parco, brevi visite alle vecchie pietre di qualche città pregna di storia, una di quelle belle, opulente, sontuose, colorate. E sì, mi toccherà vedere la finale Spagna-Olanda proprio in Spagna.
E poi, solo natura.

A presto, allora.
E grazie di avermi accompagnato per un altro anno.

Chiuso per lutto della democrazia

chiuso per luttoLe ragioni sono
qui
qui
e qui.

E il Time si scusa

Il Time si scusa ufficialmente con gli indiani residenti in USA per l’articolo My private India, di cui parlavo giorni fa. Ma non con gli italiani.

Ma temo che sia perché gli indiani hanno protestato, gli italiani no. Forse ormai siamo abituati a essere ridicolizzati all’estero, grazie a lui.

Asia: accordo epocale Iran-Pakistan - e forse Cina - mentre in India la povertà si dimezza

gasdotto Iran-CinaDue notizie che cambiano il volto dell’Asia e hanno ripercussioni su tutti noi, il grande mondo.

Sono ambedue economiche ma indicative delle reali politiche delle nazioni e del loro equilibrio. E di come l’Italia dorma, dorma, dorma, e applichi solo una politica di tagli e di sacrifici a quella che dovrebbe essere una politica di investimenti a lungo termine – nella moralità, nella ricerca, nella sicurezza, nell’economia, nella gente, nelle risorse in genere – e si perda in beghe come quella sulla famosa “Padania”, entità non esistente e buona solo ad accattare consensi. E quando ci sveglieremo saremo fuori dal flusso della grande storia e saremo noi il paese tornato a essere, rispetto ai giganti dell’Asia, in via di sviluppo.

Oltre due anni fa parlavo del progetto per un gasdotto che sarebbe andato dall’Iran, passando per Afghanistan e India, fino alla Cina. I giganti dell’Asia, Iran India e Cina, collegati. Parlavo del potenziale politico del progetto, più di 100 accordi diplomatici o culturali. Era stato chiamato, infatti, il “gasdotto della pace”.

continua


Torino, una metro per cinque metri

La prima fermata della Metro dalla stazione Porta Nuova di Torino è al famoso bar Platti. Encomiabile, visto che è uno dei migliori bar d’Italia, paragonabile al Rosati di Roma (almeno fino a 15 anni fa), ma un po’ inutile, visto che a occhio e croce saranno 500 metri a piedi.

Vittorio Pasteris
ci dice che il servizio Metro in città è ancora più inutile di quello che si pensi, visto che non al momento non funziona:

La Metro di Torino si sta portando avanti nei lavori per raggiungere il Lingotto a partire dall’inizio del 2010. Per fare questo dal giorno 11 giugno al giorno 11 luglio 2010 sono state programmate delle limitazioni del servizio per gli oramai molti utilizzatori della Metro. Sul sito GTT esiste un riassunto delle diverse modalità dei servizi ridotti.

La situazione della prima settimana, anche per il continuo maltempo, è stata a dir poco apocalittica.

continua


La Corte Costituzionale appoggia il software libero

linuxStorica sentenza della Corte Costituzionale: è legittimo favorire il software libero.

Un anno fa il Consiglio della Regione Piemonte approvava la legge n. 9 del 26 marzo 2009, che stabiliva che nella scelta dei programmi si dovessero privilegiare quelli appartenenti alla categoria del software libero e i programmi il cui codice è ispezionabile dal titolare della licenza.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha impugnato questa norma chiedendo alla Corte Costituzionale di dichiararla illegittima.

continua


Avanti

Indietro