Tag Archives: lama

Tibet in fiamme

Ieri altri due monaci si sono autoimmolati in Tibet per protestare contro le misure repressive del governo della Cina. Uno si chiama Tenpa Dargey e ha 22 anni, l’altro è Chimey Palden e ne ha 21, del monastero di Tsodun Kirti a Gyalrong. Entrambi hanno fatto quello che fanno tutti: bevono il petrolio, se ne cospargono il corpo e si danno fuoco. Ed entrambi davanti all’ufficio della prefettura cinese, il supremo organo amministrativo.

continua


Capodanno tibetano, 14 febbraio 2010: premi festa e cotillons

Dalai Lama che ride1. Due candelabri antichi d’argento fatti a Londra, fine Settecento
2. bracciale oro 18k e brillanti
3. anello oro 18k con opale e brillantini
4. bracciale oro 18k
5. corsettina argento 925 anni ‘40
6. bracciale oro 18k
7. bracciale Michaela Frey
8. borsa Vuitton porta documenti
9. scialle pashmina E. Zegna
10. costumi da bagno per donna
11. soggiorno di una settimana alle Canarie in residence
12. soggiorno di una settimana a Capoliveri, isola d’Elba

Non male eh! Questi sono i premi che si possono vincere comprando un biglietto della lotteria, il cui ricavato andrà al monastero buddhista tibetano di Sera, in India. Quando e dove? Domenica 14 febbraio, giorno in cui si celebra il Capodanno tibetano o Losar, presso l’Istituto Studi di Buddhismo Tibetano Ghe Pel Ling, in via Euclide 17 a Milano (tel. 022576015). L’estrazione dei premi avverrà il 4 luglio 2010, giorno del compleano del Dalai Lama.

Domenica all’istituto ci sarà una festa e un pranzo. Soprattutto, si potranno comprare i biglietti per aiutare il monastero di Sera, a Mysore, nel sud dell’India, che versa in pessime condizioni. In pratica, i monaci hanno a malapena di che sopravvivere: non vi sono fondi per acquistare medicine, il cibo è molto scarso, le stanze dove vivono i monaci sono piccole e sovraffollate. Inoltre, a Mysore il clima è caldissimo e questo crea ulteriori problemi alla salute dei tibetani profughi, abituati a vivere a temperature notevolmente più basse.

continua


Avviso d'estate per buddhisti, induisti e anche cristiani

incensoFra i buddhisti la discussione è già vivace. Sembra che l’incenso abbia dei forti poteri allucinogeni e quindi alteri lo stato di coscienza. Cosa che, ovviamente, non va d’accordo con le varie religioni. Così si sta discutendo se i lama possano ancora bruciare grandi quantità d’incenso nelle stanze chiuse,

continua


Il Lama Singha Rinpoche (盛噶仁波切) è molto, molto spirituale

Un lama è un monaco buddhista tibetano, riencarnazione di un alto lama che si è dissolto nella luce suprema. I lama circolano in Asia da oltre 2000 anni, però Singha Rinpoche (盛噶仁波切) sta sconvolgendo il mondo buddhista e gli è stato persino vietato di entrare a Taiwan.

Se qualcuno ha voglia di fare meditazione col bellissimo trentenne Lama Singha può vedere il video e mettersi in lista: stanno organizzando un tour per il lancio del suo CD. Hip hop e rap certo non mancano.

(A proposito di rap, questo Prodi rap è davvero carinissmo!:))

Sciopero della fame contro le Olimpiadi 2008 in Cina: petizione per il Tibet del lama Lama Palden Gyatso

Petizione per il Tibet del Lama Palden Gyatso

In mezzo al tripudio di organizzazione, medaglie, palate di soldi e di gente festosa delle Olimpiadi Invernali a Torino il Lama Palden Gyasto, insieme a Sonam Wangdu e Tamding Choephel, ha cominciato lo sciopero della fame per protestare contro l’assegnazione delle Olimpiadi 2008 a Beijng, in Cina. I tre hanno chiesto di parlare al presidente dell’International Olympic Committee, Jacques Rogge, che si è rifiutato di incontrarlo.

Per aver protestato contro l’occupazione del Tibet da parte della Cina, il lama Palden è stato messo in prigione e orrendamente torturato dall’età di 27 anni. E’ miracolosamente uscito di prigione all’età di 59: è stato in campo di concentramento 33 anni. Nel 1997 ha pubblicato il libro Autobiografia di un monaco tibetano. Nel 1998 è stato insignito del Premio John-Humphrey per la Libertà dall’International Centre for Human Rights and Democratic Development per la sua attività instancabile per i diritti umani in Tibet.

continua