Tag Archives: kathmandu

Il 25 dicembre è riapparso Buddha Boy

HKnepal.com (c) 2006

Parlavo, il 10 febbraio 2006, di Ram Bahadur Bomjan, dal nome ufficiale buddhista di Palden Dorje, chiamato Buddha Boy, un ragazzo di 15 anni che era entrato in meditazione senza muoversi, senza lavarsi o mangiare, né usare una toilette per oltre 9 mesi.

continua


Annunci di fine estate a Milano

Birla templeStasera alla Festa dell’Unità alle 21:30 c’è uno spettacolo di musica e danze di monaci tibetani. Per non fare la ressa vi conviene andare presto…

Per chi ha nostalgia delle vacanze: se abitate in centro aprite la finestra alle 7-8 di mattina quando non piove da un po’, aspirate la nebbiolina di smog calda; se state in periferia andate in zona S. Babila o anche all’incrocio fra la Biblioteca Sormani e l’ospedale, quando ricomincia il traffico. In questi giorni di fine estate l’aria è particolarmente densa e profumata e mi ricorda tanto l’aria di Delhi o Kathmandu. Anche la metroplitana di Delhi è uguale a quella di Milano, oltre all’aria.

Ieri, legando la bici in cortile, ho visto per terra la pelle vuota di Rocco. In effetti quella sul terrazzo era una cavalletta che stava depositando le uova e quello che ho trovato era la muta. Sono disperata, temo sul mio terrazzo un’invasione di cavallette, il prossimo anno.

Vittoria della democrazia: il Nepal non è più induista! Non è più di Gyanendra!

Gioia a Kathamndu. (c) Shruti Shrestha Il Parlamento del Nepal ha appena passato la storica risoluzione che ha trasformato l’unico paese induista del mondo in paese laico! Da paese religioso a paese secolare, dopo che la Costituzione del 1990 lo aveva dichiarato induista, svantaggiando di fatto tutte le etnie — oltre 60 riconosciute dalla Costituzione del 1990 — che non seguivano quella religione: metà dei newari e i tibetani che sono buddhisti e altri, come i seguaci della religione Bon-po e gli sciamani.

continua


Nepal, Gyanendra e la prima riunione del Parlamento

Paras Bir Bikram Shah DevOggi la prima riunione della Camera Bassa del Parlamento nepalese dal 22 maggio 2002, quando re Gyanendra Bir Bikram Shah Dev lo ha sciolto. E’ formata infatti da 205 membri eletti direttamente dal popolo.

Ma sta succedendo quello che avevo già scritto nel dicembre 2005 in un articolo scritto per Asia Major: oltre un milione di persone si è riunita a Kathmandu fuori Narayanhiti chiedendo l’Assemblea costituente, una rivendicazione dei Maoisti e dei partiti più di sinistra, e sta assaltando il Palazzo, mettendo in pericolo la vita stessa del re e del suo dispotico e viziatissimo figlio, il Principe ereditario Paras.

Che ti avevo detto Gyanendra quando ancora eri potente? O lasci subito il paese o presto farai una brutta fine.

Gyanendra cede il potere al popolo del Nepal!

Sarà vero? Il Re Gyanendra Bir Bikram Shah Dev ha dichiarato di voler ridare il poter al popolo. Purtroppo United We Blog!, il blog dei partiti democratici nepalesi, non è aggiornato, ma sembra che il re voglia rimettere il potere nelle mani del popolo, dopo giorni e giorni di coprifuoco giorno e notte a Kathmandu e una vera insurrezione popolare in tutto il paese, nonostante le morti, le sparizioni e gli abusi dei diritti civili, che si sono intensificati negli ultimi mesi. Specialmente da quando ha dichiarato che vuole indire di nuovo le elezioni, agli inizi di aprile, nonostante il suo colpo di stato del 1 febbraio 2005.
Ma sarà vero? Neanche il popolo nepalese ci crede tanto: e i disordini e i rally di protesta continuano…

Olimpiadi invernali: la maratona di Buddha Boy

Buddha Boy
Che ci fa da nove mesi Ram Bahadur Bomjan, un ragazzo di 15 anni normalissimo, come tutti gli altri adolescenti né particolarmente poveri né ricchi che popolano questo pianeta, ai piedi dell’albero Pipal nella foresta del Buddha, a sud di Kathmandu, senza muoversi, senza lavarsi o mangiare, né usare una toilette? Ovvio: medita!

Il 19 gennaio scorso poi le vesti che indossava da 9 mesi sono andate a fuoco ma lui non si è bruciato. Merito del tapas, il fuoco di meditazione ascetica, quello per cui i monaci in Tibet praticano sui ghiacci con la sola tonaca e non solo sudano, ma sciolgono la neve intorno a sé.

continua


Indietro