Tag Archives: hina

Filippo Raciti: morire di calcio II a Catania-Palermo

Dopo Ermanno Licursi, solo qualche giorno fa, ora Filippo Raciti nell’anticipo Catania-Palermo. Questo è il video (da La Repubblica-Sky). Da La Repubblica:

continua


Svelato il mistero di Giuseppe Tucci e l'antipatia con Fosco Maraini!

Pema (c) tibet.itFinalmente ho svelato il mistero dell’antipatia fra il nostro più grande esploratore e archeologo della cultura asiatica, Giuseppe Tucci, e Fosco Maraini!

Tre ragioni, ma una più importante delle altre, dovuta alla competitività di Tucci, che lo fece entrare da solo a Lhasa durante la spedizione del 1948. D’altronde, lui seguiva la sua etica, l’etica della ricerca applicata a se stesso, che lo portava a voler arrivare per primo: ma esiste un’etica nella ricerca? O nell’arte? Nella cultura, nella storia, nello studio delle religioni, ecc.?

E qui alcuni commenti dei viaggiatori, esploratori, ufficiali, che visitarono Lhasa prima del 1948 — inclusa la prima donna, la Signora Joan Mary Jehu che nel 1932 ci andò con suo padre — dove sta scritto che Maraini accompagnò Tucci a Lhasa nel 1948: ma non è vero!

Hina, Islam e la comunità

Anche se quello che ho scritto ha scandalizzato qualcuno — che però mi pare un po’ troppo pronto a interpretare in modo a dir poco fazioso, pur conoscendomi e sapendo leggere perfettamente:) — la storia di Hina non fa che confermare quello che ho scritto: se fai certe cose, per esempio esci la sera, per la società musulmana fondamentalista d’India (solo?) sei una poco di buono ed è legittimo molestarti. E altro.

Ho scritto pù volte su Islam e fondamentalismo ed è ora che riconosciamo che l’Occidente e l’Oriente sono diversi. Solo partendo dal riconoscimento della diversità si crea il dialogo. Senza appiattimento culturale, del tipo “siamo tutti fratelli” — non serve — e senza falsi romanticismi. Anche io se vado in India dormo sulla panca per quattro ore senza scarpe e senza essere disturbata, e mi accendono pure la candelina sul tavolo, no problem, mi è successo più di una volta al bazar di Paharganj. Non toglie né aggiunge niente al fatto che se nel quartiere ci fosse una rivolta contro gli occidentali, mi sgozzerebbero senza problema. L’ospitalità a livello individuale diventa ben altro quando c’è la comunità di mezzo.

Come sa bene chi ha vissuto in Oriente o Medio-oriente, noi siamo una società basata sui valori individuali, loro sono società basate su valori di comunità.

continua


Rocco, un animale marziano

Rocco, insetto meraviglioso (c) Enrica Garzilli

Ieri ho visto un meraviglioso insetto fermo immobile sul tronco delle mie rose, qui sul mio terrazzo. Era tutto arancione, col corpo di un grillo e gli occhi ovali grandi, verdi, striati e un po’ all’infuori. Un vero insetto marziano. L’ho chiamato Rocco.

Quando mi sono avvicinata le antenne corte e un po’ tozze hanno cominciato a fremere e mi guardava, forse aveva paura. Così gli ho fatto un paio di foto senza muovermi troppo e l’ho lasciato in santa pace. Stamattina per prima cosa ho guardato se c’era ancora ma, purtroppo, era andato — saltato? — via.

Spero di vederti ancora, Rocco!