Tag Archives: governo

Arrivo tardi a RItaliaCamp?

Arrivo in ritardo, lo so, ma alla Bicocca c’ero anch’io. Sabato 31 marzo ho partecipato a RItaliaCamp e quindi, ma senza alcun merito, allo sforzo, all’organizzazione, alle discussioni, alla protesta contro il portale ufficiale del turismo italiano. Alle chiacchiere.

continua


Attacco dei Naxaliti a Chhattisgarh: tu che ne pensi Ernesto?

Ernesto Guevara detto CheNel Chhattisgarh non c’è solo la favolosa etnia i cui adolescenti praticano il rito del Gothul, ma anche il temutissimo gruppo dei comunisti Naxaliti, un gruppo ben più a sinistra della sinistra del Communist Party of India. Sono uomini e donne combattenti che si dichiarano disperati e pronti a tutto se le disparità fra i gruppi privilegiati degli Induisti, dei Parsi e gli altri gruppi e gli Adivasi e i Dalit non viene abolita — sia a livello governativo che economico, nell’amministrazione e nella gestione ordinaria del potere. Questo è il loro blog “ufficiale”, ammesso che abbiano qualcosa di ufficiale, dove è ovvio che i gruppi sono armati e combattenti. Basta vedere le foto.

I Naxaliti sono da sempre vicini ai Maoisti sia indiani che nepalesi, prima che questi ultimi diventassero un partito del governo ad interim e cominciassero a litigare con la Seven Party Alliance (SPA), la coalizione dei sette principali partiti che ha tolto il potere a re Gyanendra, per la torta delle elezioni di metà giugno.

continua


Naked Conversations, politica e cultura: a che serve un blog n. 5

Pomposo invito al Centro Studi Americani (attenti ad aprire il loro sito perché non scrolla neanche dopo 20 minuti, io l’ho dovuto chiudere) di Roma da parte dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America per la presentazione del libro di Shel Israel e Robert Scoble Naked Conversations.

Tutto infatti era nudo, cioè povero: l’invito è arrivato per emai, con un bel risparmio sul biglietto stampato, i partecipanti erano solo 25 (contati), compreso gli studenti di americanistica precettati, non c’era controllo per entrare e non c’era neanche un piccolo rinfresco alla fine, e sì che fra gli invitati c’era chi era venuto da fuori. Io c’ero perché avevo due altri impegni per me importanti, uno la sera e uno la mattina dopo, e mi aspettava una bellissima cena con un’amica, ma se avessi fatto il viaggio solo per la presentazione, povera me!

continua


Provincia di Milano e sicurezza: e la Finanziaria 2006?

Giuliano Amato (c) Senato Ieri sera, tornando dalla mia amata biblioteca Sormani, sono rimasta incastrata per buoni 10 minuti sul marciapiede di Via Corridoni fra vigili, agenti della sicurezza in borghese, polizia armata fino ai denti e servizi di scorta con occhiali scuri che circondavano i politici VIP e le loro auto e si parlavano coi microfoni. Sembrava un’operazione di massima sicurezza e i carabinieri bloccavano le entrate delle strade a traffico e pedoni, però io sono entrata da una stradina — non mi ero accorta di niente — e, dico la verità, quando mi hanno chiesto con fare sospettoso i documenti ma non mi hanno fatto aprire il trolley porta-computer (bello rigonfio di libri, carte e pennarelli, oltre al computer) mi hanno fatto davvero ridere!:)

Non potevo neanche andare per strada col mio bel trolley. Davanti al bruttissimo Centro Congressi della Provincia c’era uno schieramento di forze dell’ordine che facevano un disordine terribile, parlavano in codice,

continua


Cina, Internet e blog del governo!

modella tibetanaHo già parlato diverse volte di Cina, Internet e Buddhismo, Cina e Internet,Falun Gong, campi di lavoro in Cina e diritti umani, La Cina, Bush e i diritti umani e degli animali, ecc. Ma questa è una storia carina.

L’altro ieri per motivi di lavoro guardavo un sito cinese molto ben fatto che si chiama China Tibetology.

Tratta, guarda l’ironia!, di tibetologia studiata dall’istituto del governo.

Gli articoli sono in inglese e sono molto ben fatti.

Vaga sullo schermo la pubblicità in cinese e in inglese di un blog cinese governativo, blog.tibet.cn, così lo apro.
Ero a casa, quindi mi potevo permettere di gironzolare su Internet senza sborsare ulteriori quattrini.

Che ti trovo? Un post con 9 commenti su “Tibetan national generation of female models” (ho dato l’URL in traduzione inglese). In pratica, sono delle belle ragazze tibetane modelle. Quale miglior modo per distruggere culturalmente un paese che far diventare le ragazze da contadine o massaie tradizionali e ferventi buddhiste, fino a 20 anni fa, ad aspiranti modelle o veline sexy?:)

In ogni caso, ho scritto a China Tibetology per delle pagine che non si aprivano e per segnalare alcune inesattezze scientifiche e loro le hanno aggiustate al volo e mi hanno risposto con una bella mail in inglese… la sera stessa!

Gyanendra? No grazie! G. P. Koirala PM in Nepal

Gente felice per le strade di Kathmandu - (c) The HinduE così stamattina l’ottantaquattrenne G P Koirala ha prestato giuramento come Primo Ministro del nuovo Governo del Nepal. Non era presente nessun altro partito dell’Alleanza dei 7 o SPA. Erano presenti il Principe Paras Bir Bikram Shah Dev (che ammirate nel post precedente), il Capo dell’Esercito Pyar Jung Thapa, che è l’esercito del re, e il Giudice Supremo Dilip Kumar Poudel, totalmente asservito al re.

Koirala venerdì ha dichiarato che presto si terranno le elezioni per l’Assemblea Costituente, quello che chiedevano i Maoisti e l’ala più a sinistra del popolo. Nel suo discorso al Parlamento ha detto, rivolgendosi ai Maoisti:

continua


Università, ricerca e povertà

La Sig.ra Moratti, speriamo che se ne vada e smetta di far danni, dicevo la Signora Moratti sta dando il via all’ultimo atto della riforma universitaria. Ma se cambia governo che ci facciamo dei suoi ultimi decreti?

Poi, cambia di qua e riforma di là, ma invece di aumentare gli stanziamenti statali per la ricerca questo governo li ha diminuiti, affidandoli al buon cuore della gente col famoso 5/1000 da destinarsi nella denuncia dei redditi.

E gli stipendi? Il primo stipendio netto di un ricercatore (che ci diventa, quando va bene, all’età di 50-55 anni) è di 1171 Eu. Guardate le tabelle delle retribuzioni 2005 per credere.

continua


Il problema del lavoro e il governo Berlusconi

Mi rifaccio viva dopo tanto per dare il mio contributo per le imminenti elezioni.
Ecco a voi l’unico modo utile per trovare un lavoro col governo Berlusconi…

continua


Ah, che nostalgia i nostri scioperi Alitalia! E il Governo Berlusconi!

Oh milanesi che partite adesso in vacanza, siete avvertiti!
Chi già comincia ad aver nostalgia del Governo Berlusconi (che cadrà, avoja che cadrà) e dei begli scioperi annessi di aereoporti, treni, tram, servizi pubblici in genere, si può consolare.

Comincia in India uno sciopero ad oltranza contro la privatizzazione degli aereoporti di Dilli (Delhi) e Mumbay (Bombay), il magnificente Chhatrapati Shivaji International Airport.

continua


Elezioni e Forza Italia: (possibile) Lettera aperta di Berlusconi al Popolo italiano

Berlusconi nel suo fulgore

Amico elettore, amica elettrice,

grazie al tuo voto ho potuto raggiungere l’obiettivo concreto di raddoppiare il mio patrimonio
in soli 2 anni. Ecco come:

continua


Avanti

Indietro