Tag Archives: far west

Berlusconi reloaded: come in Africa, come in Asia, come nel Far West

BerlusconiSiamo tutti un po’ stufi di Berlusconi che delegittima la magistratura quando non gli fa comodo. Che si sente al di sopra del bene e del male e che vorrebbe mettere fine ai processi in corso che lo vedono coinvolto in qualità di imputato, e in particolare il processo stralcio sui presunti fondi neri di Mediaset, in cui viene accusato di corruzione giudiziaria insieme all’avvocato britannico David Mills.

Siamo stufi di un Primo ministro che si fa le leggi ad hoc, e sì che criticavamo la dinastia dei re di uno degli stati più jellati e poveri del mondo, il Nepal, che non poteva essere inquisita e che piegava la legge a suo comodo.

Di un Primo ministro che nomina belle donne con peso politico uguale a zero, curriculum non pertinenti e opinioni da ragazzina di prima elementare, buono o cattivo, brutto o bello, questo il papà mi dice che va bene, questo no, a fare le ministre.

Come mi ha insegnato il mio grande maestro e amico Bill Homans (questo è un articolo del The New York Times quando se ne è andato, la Social Law Society intitolata a lui, il programma del Boston College in suo onore, e così via), io sono sempre per la legge e per la legalità, a tutti i costi, chiunque sia al governo, perché altrimenti è il Far West.

Ma i nostri ultimi governi stanno trasformando l’Italia nel Far West: chi è più veloce e spara per primo vince. Senza legge, basta avere il fucile più lungo e tirarlo fuori per primo.

Eppure questo è quasi rassicurante perché è tutto un déjà vu. L’Italia ne è uscita una volta, ne uscirà due (e spero un po’ meglio). Abbiamo una lunga tradizione di democrazia, se pure con larghe interruzioni — come durante il fascismo — e di liberalismo (nel senso più ampio del termine) e non credo che finiremo di nuovo in mano a un dittatore, di qualsiasi parte sia, che si comporta come se fosse al di sopra della legge e che vorrebbe trasformare l’Italia in una proprietà personale, da gestire come vuole e come gli fa più comodo, come succede in qualche stato dell’Africa o dell’Asia. Come è successo con Mussolini.

Voglio credere che Berlusconi rispetti il volere del popolo sovrano che l’ha eletto e che rispetti, quindi, le nostre leggi e la nostra Costituzione. Che alla fine lasci fare ai giudici il loro lavoro, anche se lo riguarda. Perché altrimenti l’Italia si starebbe davvero trasformando in uno di quegli stati dell’Africa o dell’Asia. Saremmo già nel Far West.

(La foto sopra ovviamente è solo umoristica)