Tag Archives: democrazia

Cominciano all'estero brogli e imbrogli per le elezioni

Totò

Stavo mangiando una pastarella con la crema al bar di sotto, tutta goduta del sole e del fatto che posso camminare. Stavo seduta ché il bar era pieno, e se mi spingono vado in mille pezzi, e ho gettato uno sguardo al giornaletto lasciato sul tavolo, uno di quelli che distribuscono davanti alla metropolitana (lo fanno ancora? Dopo due mesi non lo so più..).

Dato che non so assolutamente per chi votare cerco di guardarmi in giro e di leggere molto — non tanto i programmi dei partiti, che si assomigliano tutti, ma sull’affidabilità dei capolista e sulla loro onestà e la loro reale capacità di cambiare le cose in meglio, a partire da un riforma morale della politica (forse chiedo troppo però, non so).

Penso alla notizia shock di stamattina sui brogli elettorali degli italiani all’estero, in Argentina, in Nord e in Centro America, con biglietti,

continua


Si può fare? Tutti PD

Avevo una mezza idea di chi votare, così, per vedere se era meno peggio di quelli che si conoscono e perché sono un po’ disperata, la scelta è davvero ardua, ma poi ieri sera Wolly ha segnalato questo e mi sa che ci ho un po’ ripensato.

Fra tutti, da segnalare la povera bambina sballottata su e giù da una mamma entusiasta come me quando vado a fare la risonanza magnetica e un pensionato che finge di giocare a bocce ma non riesce a piegarsi. Da brividi.

Da Quasi.dot la mappa sintetica di dove sei politicamente. Tutta da giocare.

P.S. Ho fatto il giochino ed è venuto questo. Mah. E’ l’esatto opposto della mia posizione nella blogosfera di Felter.

Sesso al Grande Fratello, guai per Lina ma non per lei

Grande FratelloEcco, questa è lo notizia che mi mancava. In effetti l’ho letta da lui. Lina Carcuro si è lasciata prendere la mano, per così dire, e ha fatto sesso in diretta al Grande Fratello. E vabbé.

Il fatto è che l’Ordine dei medici le vuole applicare delle sanzioni (lei è medico) per aver violato l’etica professionale.

Ma come, dico io, avevo un medico di base che in barba a tutti i regolamenti teneva aperto lo studio esclusivamente tre ore la mattina, e basta (per riprendere il bambino da scuola, questa la pia scusa), e proprio davanti al Palazzo di giustizia qui a Milano, e lo studio era sempre affollatissimo di avocati, giudici e donne di servizio dei suddetti. Quando gliel’ho fatto notare, un giorno che era particolarmente rabbiosa e veloce e mi ha spinto via con largo anticipo sulle tre ore (sempre per il bambino), mi ha sbattuto fuori e mi ha “ricusato” come paziente. L’Ordine dei medici, che ho informato della situazione, ha taciuto e tace tuttora.

Qui per del sesso in diretta, perdipiù oscurato dalla TV, l’Ordine dei medici fa tanto scalpore. Sesso improprio, oltre tutto!

La Cina sdoganata

Human Rights in ChinaAlla vigilia dei Giochi olimpici l’USA sdogana la Cina in materia di diritti umani.

Non è che per caso ha paura che l’opinione pubblica internazionale l’accusi di fare ‘o business con una grande nazione antidemocratica?

Specie dopo che Spielberg ha declinato l’invito a lavorare come direttore artistico dei Giochi Olimpici per protesta contro la Cina, accusandola di non avere agito con vigore per risolvere la terribile situazione del Darfur, in Sudan, e non non avere implementato i diritti umani a casa propria.

Walter Veltroni mi conferma friend su Facebook!

VeltroniQuesta sì che è bella, il nostro Walter nazionale mi ha confermato friend su Facebook! A dirla tutta, chi mai gli ha chiesto di diventare sua amica?
Networks: Italy
Sex: Male
Birthday: July 3, 1955
Hometown: Rome, Italy
Political Views: Liberal

NB: High school: Istituto cinetv Roberto Rossellini.
Un altro cronista e attore (mancato) come Reagan? Mah, speriamo bene..

Alle donne che l'hanno pensato

flowersIo non sono potuta andare al Girl Geek Dinner. Qualche ora prima ho scritto un email alle amiche della mailing list, quelle che in parte si sono democraticamente auto-ricandidate per organizzare la prossima cena, dicendo che non stavo bene e non sarei andata.

Beh, ci credete? Neanche una mail, che ne so, anche solo per fingere che qualcuna fosse dispiaciuta! Soltanto Sara Piperita il giorno dopo mi ha mandato un saluto affettuoso (che pareva anche sincero).

Qualcuna, mi hanno detto, ha commentato tutta felice che si liberava un posto.

Allora oggi 8 marzo, in questo santo giorno dedicato alle donne di tutto il mondo, alle nostre lotte e alla nostra solidarietà, che in Italia è davvero viva, voglio augurare di tutto cuore a chi ha commentato, o anche a chi l’ha solo pensato, di provare per almeno un mese quello che ho provato io, tutto tutto sin dall’inizio, così da condividere con me sentimenti e sensazioni, in una affinità di cuori che esalta e unisce. Siamo o non siamo sorelle?

Con affetto, la vostra.

Il mistero delle visite a pagamento

doctorOra, io ancora non posso muovermi agevolmente, diciamo molto poco, ed è dal 7 febbraio che sto così (a dire la verità stavo molto peggio e sono già felice), allora ho chiesto allo specialista del San Raffaele che mi segue quale fosse un ortopedico chirurgo davvero bravo, specializzato in quello di cui ho bisogno. Ho il nome del famoso dottor X del Galeazzi. Telefono alla segretaria che prenota le visite a pagamento e lei mi chiede immediatamente:

Vuole fare la visita nel suo studio? Mi sembra una domanda bizzarra e mi chiedo quanto tempo abbia per operare, visitare in ospedale e nel suo studio, e quanto sia stanco quando opera.

No perchè? Vorrei la visita intramoenia.

Bene allora per il 21 aprile e sono 180 Eu. Una visita fra 44 giorni, penso. Ancora 44 giorni così?

Ma io ho urgenza, non c’è niente di più veloce?

Ecco perché le ho detto se voleva andare nel suo studio. Vanno tutti lì.

Telefono allo studio e l’arrogantissima segretaria (che poi è sua moglie) mi dà l’appuntamento per lunedì 10 marzo alle 19:30, cioè fra 3 giorni. Prezzo: sole 200 eu, poco più dell’ospedale.

Mi viene un dubbio atroce: non è che il famoso dottor X fa poche visite in ospedale in modo che chi ha urgenza vada nel suo studio? Tantopiù che la differenza di tariffa è esigua, considerato l’ammontare (quasi 390.000 delle vecchie lire).

In ospedale però i soldi delle visite intramoenia vanno in una certa percentuale alla struttura, nello studio privato sono tutti suoi.

Mi pare un inciucetto niente male.

PS: Leggo che i pm di Milano hanno chiesto la condanna a 2 anni e 9 mesi per corruzione e appropriazione indebita dell’ex primario del Policlinico Girolamo Sirchia, diventato poi ministro della Salute. Mi chiedo: oltre tutto, il famoso dottor X pagherà (con i contributi) la moglie-segretaria?

Wow! Gustavo Selva non si ricandida

Parole gravi e dignitose per cercare di salvarsi la faccia — almeno ora che è stato condannato in primo grado a 6 mesi di reclusione.

Ohibò, ma perché, da noi i condannati possono candidarsi al Parlamento?

Berlusconi, genio della politica estera

Putin e BerlusconiVa bene che Berlusconi probabilmente avrà interessi commerciali in Russia, e che conosce bene Putin, sua moglie e le sue figlie (dice lui), ma aver affermato cheVladimir Putin e’ un leader amato dai russi” e che è “un liberale” lo mette di prepotenza fra i geni della politica estera.

Basta non pensare alla Cecenia.

Perché, il fatto che conosca bene Putin cambia qualcosa al genocidio?

Fondamentalismo induista in India e decadenza morale in Italia

HanumanLunedì scorso circa cento attivisti dell’ Akhil Bharatiya Vidyarthi Parishad , cioè il Concilio di tutti gli studenti indiani, un’organizzazione fondamentalista che si rifà al RSS (l’ala più estremista dei nazionalisti induisti), ha vandalizzato il Dipartimento di storia della mia amata università di Delhi e ha maltrattato il capo di dipartimento, Saiyid Zaheer Hussain Jafri.

L’hanno fatto dopo aver chiamato i giornalisti, in modo da trasformare un atto vandalico e scientificamente stupido in un atto ideologico. Se i media e i politici si interessano a un fatto, anche se illegale, questo assurge subito non solo agli onori della cronoca, ma alla legittimazione popolare, un po’ come è successo per il delitto di Cogne. Se i media si interessano a un fenomeno o a un personaggio, questo diventa da mascalzone a importante — e si sa che se un mascalzone è importante, come qualche politico nostrano, comunque lo si ascolta.

Il motivo dell’attacco è che il professore Jafri, che è chiaramente di origine musulmana, stava per iniziare un corso in cui si insegna che vi sono diverse versioni del poema epico in sanscrito Ramayana, considerato sacro dagli induisti perché narra la storia del dio Rama e di Sita, sua moglie, che viene rapita dal demone Ravana, portata a Lanka e salvata dal popolo delle scimmie volanti con alla testa il dio Hanuman (nell’immagine sopra).

Una delle letture consigliate del corso era Three Hundred Ramayanas: Five Examples and Three Thoughts on Translation di A. K. Ramanjuan, che mette in dubbio l’unicità delle versioni del Ramayana e ne sminuirebbe la sacralità.

La notizia mi ha profondamente colpito perché ho fatto ricerca in quella università, ero la prima donna occidentale che lavorava a pieno titolo al dipartimento di sanscrito grazie a un accordo internazionale di scambio fra studiosi, stipendio (in rupie!) e tutto, e sono stata trattata molto bene, assolutamente alla pari con le tante altre ricercatrici e professoresse che c’erano o addirittura meglio perché io ero straniera e tante cose — usanze abitudini e problemi — pensavano che non le conoscessi (il che era vero).

continua


Avanti

Indietro