Tag Archives: corriere

La Cina cresce e il Dalai Lama invecchia

Obama e Hu JintaoI repubblicani rimproverano Obama di essere un cacasotto davanti ai cinesi, e ci sono voci di disapprovazione anche fra i democratici.

Così dice The Times of India, mentre il Corriere della Sera riporta che ci avrebbe ripensato.

Il fatto è che Obama non ha ricevuto il Dalai Lama, rimandando l’incontro a dopo la visita del presidente degli USA al presidente cinese Hu Jintao. E già questo, in linguaggio diplomatico, la dice lunga sugli equlibri di potere fra USA e Cina, visto che questa volta Obama incontra Hu Jintao a Beijing.

continua


G8, la Turchia vuole avere senza dare?

bandiera turcaSono 50 anni che siamo in attesa di entrare nell’Unione europea. E ora vorremmo una risposta chiara. Vi sono leader che dicono una cosa e poi si correggono, e magari in altre sedi sostengono di non averla detta. È diventato comico, e noi siamo stanchi di comiche (Corriere della Sera).

La Turchia è stanca di aspettare, lo capiamo, ma non doveva riconoscere il Metz Yeghern, il genocidio armeno del 1915-1923 sul suolo dell’Impero Ottomano, la questione di Cipro, e aprirsi ai diritti umani? Queste erano le condizioni per la sua appartenenza come membro a pieno diritti nell’Unione europea. E invece qualcosa ha fatto, a leggere l’intervista al primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan, ma troppo poco.

Avere la Turchia fra i membri a pieno titolo dell’Unione Europea farebbe comodo a tutti perché è uno stato fortemente militarizzato (che è meglio che stia dalla nostra parte), situato in una posizione geopolitica molto importante come “porta d’entrata” per l’Asia e, in più, islamico, e questo farebbe sì che l’Unione europea non sarebbe solo una specie di associazione di stati cristiani, attenuando l’ostilità di molti paesi islamici verso l’Europa.

Però il primo ministro turco Erdogan, che si prepara a partire per il G8 dell’Aquila, nega ancora il genocidio degli armeni:

Non esiste un solo documento che lo provi. Uno solo. E poi: pensate che 40.000 armeni continuerebbero a vivere in Turchia? Sono gli armeni in altri Paesi che diffondono notizie e interpretazioni non corrispondenti alla realtà.

Beppe Grillo al Parlamento: "993 amici, avvocati e qualche zoccola"

Un’altra lettera strappalacrime di Veronica Lario al Corriere della Sera. Comincio a pensare che il suo attacco al marito, prima delle elezioni, fosse davvero una trovata elettorale. In compenso mi sono goduta il discorso di Beppe Grillo, anche se non sono d’accordo con tutto. Anche lui ha rotto le scatole, ma in modo costruttivo.

In Italia abbiamo comici seri, ministri clown, mogli di ministri piagnone. E un Parlamento che, come ha detto Grillo ieri, è fatto di “993 amici, avvocati e scusate il termine, qualche zoccola”: finalmente qualcuno che glielo dice in faccia, nella sede giusta (la Commissione Affari Costituzionali del Senato). Da notare che qualcuno, mentre Grillo parla, legge il giornale.

Un discorso durissimo, da ascoltare tutto perché la trascrizione nel blog è parziale.

Le elezioni in Europa e la nomea di Noemi

Come dicevo, sembra che in Europa la destra estrema sia aumentata. Normale, in tempi di recessione economica. In Italia il Partito delle Libertà è diminuito ma i partiti razzisti aumentano e anche i verdi aumentano.

Come a dire che l’Europa si avvia a diventare un paradiso in terra governato da brutta gente.

Sia La Repubblica sia il Corriere della Sera, per distinguersi come al solito, pubblicano le foto di donna Letizia al voto (il Corsera le mette fra quelle dei “big al voto”!).

La signora è andata a votare col sorriso da telecamere, messa su fino nei minimi particolari, rossetto freschissimo e capelli fatti un secondo prima, come se fosse a una comparsata TV. Forse ingenuamente ma mi chiedo: crede di avere una bella nomea che si presenta con un’aria così spavalda?

Noemi Letizia

Che mangino brioche

BerlusconiSiamo arrivati davvero a toccare il fondo con queste intromissioni nel privato. Nessuno può accettare che da fuori si arrivi a fotografarti dentro casa. Quelle foto le ho viste, sono inutili e secondo la valutazione di un giornale della Mondadori non valevano nemmeno 10 mila euro (Corriere della Sera).

Aldilà del fatto che la linea di demarcazione fra il pubblico e il privato di un politico che regge le sorti del paese è davvero sottile; che il privato di questo politico è stato sbandierato già nel gennaio 2007 da sua moglie, con la famosa lettera pubblica sulla dignità offesa, e la risposta di Berlusconi altrettanto pubblica, e più recentemente con le esternazioni del Cavaliere a Porta a Porta; tralasciando il fatto che giornalisti e fotografi fanno solo il loro lavoro andando a caccia della notizia; aldilà di tutto, dicevo, quello che mi ha stupito della dichiarazione del nostro premier è che evidentemente proprio non sa che la maggior parte dei fotografi vende foto anche importanti per molto, molto meno, e fatica parecchio a sbarcare il lunario. Sembra che Berlusconi non abbia assolutamente il senso del denaro e di come vive la gente. Chi era che diceva dei poveri che non avevano da mangiare “s’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche“, Maria Antonietta?

Ma, soprattutto, sulla valutazione delle foto data dalla società per azioni Mondadori, chi ne è l’azionista di maggioranza? E chi è il presidente?

Il Corriere della Sera e il terremoto turco abruzzese

Il Corriere della Sera oggi alle 13:45 titola a tutta pagina

Terromoto in Abruzzo: crolli e morti

e accompagna l’articolo con una bellissima foto. Peccato che sia del terremoto turco.

PS Pare proprio che i brillanti signori di Rectoverso abbiano citato la foto e il fatto, ma non il post originale con il link.

Le castronerie di Fabrizio Cicchitto: la grande battaglia della cultura di Berlusconi

Sul Corriere della Sera Aldo Cazzullo intervista Fabrizio Cicchitto, capogruppo Pdl alla Camera, che dice:

La sinistra è sconfitta anche perché la sua egemonia è stata smontata pezzo a pezzo, sul terreno di una grande battaglia culturale. E oggi c’è un’egemonia berlusconiana.

Berlusconi però ha combattuto la battaglia con una superiorità schiacciante di mezzi.

La battaglia si è combattuta anzitutto con i libri.

Quali libri?
Il lavoro di storici come Perfetti. [...]

Innanzi tutto Francesco Perfetti, allievo di Renzo De Felice, faceva lo storico quando ancora Berlusconi portava la borsa a Craxi, e rivestiva il ruolo di alto funzionario del Ministero degli Affari Esteri anche con Prodi e con i governi precedenti. Il suo orientamento politico niente ha a che vedere con Berlusconi: è infatti dichiaratamente monarchico.

E poi, ma siamo davvero sicuri che la battaglia di Berlusconi si sia combattuta “anzitutto con i libri”? Ma sicuri sicuri?

La ragazza stuprata e il tunisino

La Repubblica titola:

Violentata ragazza di 15 anni: tunisino arrestato a Bologna

E il Corriere della sera:

Violenza sessuale: tunisino stupra ragazza di 15 anni a Bologna

Insomma, per i più grandi quotidiani italiani sembra più rilevante che il ragazzo sia tunisino (i giornali radio hanno detto “tunisino clandestino”) invece della violenza in sé. Vogliamo diminuirla? Vogliamo dare a questa nuova violenza delle connotazioni razziali?

Non ce l’ha. Questa è violenza sessuale e basta e chi la commette è un criminale, che sia tunisino o italiano. Capisco che in un titolo connotare un uomo della nazionalità fa più “colore”, ma diminuisce anche il fatto della violenza sessuale contro una donna, anzi, contro una ragazza minore.

continua


All'idiozia non c'è mai fine

Non hanno neanche il diritto di girare per strada tranquilli, non parliamo poi di fare spettacolo in TV. Spero vivamente che almeno ci rimettano il posto.

Lo spettacolo del concentrato di idiozia e crudeltà sono loro. Leggete l’articolo del Corriere della Sera ché per certi imbecilli (e forse criminali) un post è decisamente troppo.

Ma il razzismo a rovescio vale?

Foligno: trovano e restituiscono 8mila euro
06 gen 12:28 Cronache

FOLIGNO (Perugia) – Una borsa con dentro documenti, carte di credito e 8mila euro tra contanti e assegni. A trovarla, per la strada, a Foligno, una donna straniera, che l’ha consegnata a due passanti…

Non capisco perché, quando c’è da titolare “Cinese malmenato da un gruppo di ragazzi italiani“, si sottolinea che lui è cinese e loro sono ragazzi italiani.

Quando invece una donna è straniera non si dice di che nazionalità è, ma solo che è donna e straniera. Come se venisse da un grande amalgama omogeneo, il fuori. Come se fossimo ancora i tempi dei fasti di Roma, quando sottomotteva tutti i popoli che stavano al di fuori del suo territorio, i barbari.

Visto che c’è tanta xenofobia in giro, ma vogliamo una buona volta dire

continua


Avanti

Indietro