Tag Archives: Cina

Corea del Sud, muore il dittatore Kim Jong-il e il paese è a una svolta

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: La fine del “caro leader” Kim Jong-il. Dittatore nel mondo, padrone in patria. Sabato scorso è morto Kim Jong-il, il “caro leader”, il “leader supremo”, il “generalissimo” della Repubblica Democratica Popolare di Corea. Ha governato in modo dispotico un paese chiuso socialmente ed economicamente, tenendo il resto del mondo a distanza con un programma atomico a scopo bellico culminato con il primo test nucleare del 2006. Mentre circa due milioni persone muoiono tutt’ora di fame.

Secondo i biografi a due mesi già parlava, nei tre anni di università ha scritto 6 opere e non meno di 1500 libri e subito dopo è diventato un campione assoluto di golf. Era anche un architetto e un direttore cinematografico geniale.

continua


Minzolini raschia il fondo del barile

Non dirò sul direttore del Tg1 dott. Augusto Minzolini quello che dicevo appena lui è stato insediato nell’alto scranno nel 2009, no no. Come si sa, io non mi occupo di politica.

Però stamattina il telegiornale delle h. 8 su Rai1 ha proposto due servizi, sulle letture consigliate da Benedetto XVI e su Vittorio Citterich, il giornalista scomparso qualche giorno fa.

continua


Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: Diritti umani violati in Kazakistan e Sting non canta

StingEnrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano. “Violazione dei diritti umani”. Sting annulla il concerto per il presidente del Kazakistan. Il cantante ha rinunciato all’esibizione per il compleanno di Nursultan Nazarbayev a causa del mancato rispetto nei confronti dei lavoratori dei giacimenti petroliferi: “Inaccettabile. E’ un picchetto virtuale che non ho intenzione di oltrepassare”.

continua


Cina, eppur si muove!

Economic ObserverLa Banca Popolare della Cina, basandosi su uno studio dell’Accademia cinese di Scienze sociali, ha stimato che dal 1990 a oggi circa 18.000 membri del partito comunista, appartenenti alle forze di polizia e giudiziarie, burocrati e dirigenti di aziende sono riusciti a fuggire dal paese. Hanno portato via una cifra stimata in 120 miliardi di dollari, una media di 7 milioni di dollari ognuno. Una somma totale equivalente a quello che la Cina ha stanziato per l’istruzione nel ventennio 1978-98.

continua


Fra India e Cina non mettere il fiume

brahmaputraCina, un grandioso progetto che sta infiammando (di preoccupazione) l’animo degli indiani e dei bangladeshi e si preannuncia forirero di problemi. Se realizzato peggiorerà le già difficili relazioni fra India e Cina. Quest’ultima infatti, per ovviare alla siccità del Tibet, sta progettando la costruzione di 1,2 miliardi di dollari di centrali di energia idroelettrica sullo storico fiume conosciuto come Brahmaputra in India e Yarlung Tsangpo in Cina.

Ovviamente la Cina asserisce che il progetto non avrà alcun impatto sulla portata delle acque del fiume che, specie nella parte cinese, è paragonabile solo a quella del Rio delle Amazzoni. Il Brahmaputra nasce sul monte Kailash, sacro a buddhisti, induisti e bon, nel Tibet occidentale, meta nel 1935 di uno dei più famosi viaggi di Giuseppe Tucci.

continua


Apocalisse Pakistan: anatomia del paese più pericoloso del mondo

Apocalisse PakistanQuesto il titolo del libro di grande attualità di Francesca Marino e Beniamino Natale. Edizione Memori, prefazione di Lucio Caracciolo.

Un’opera da non perdere se si vuole capire un po’ meglio il perché degli ultimi avvenimenti del Pakistan, il paese al centro del terrorismo internazionale, dalla cattura di Osama bin Laden agli attentati degli ultimi giorni. Scritto da due giornalisti specializzati in Asia, che con questo lavoro hanno davvero scritto la storia del presente, se mi passate l’espressione.

continua


Sohaib Athar blogga il blitz in Pakistan con Twitter

Sohaib AtharLasciate in pace Abbottabad, Osama e Obama.

Le rivolte tibetane o in Cina riprese con i cellulari. Il blitz segretissimo contro Osama bin Laden messo su Twitter in tempo reale. Non c’è più un angolo del mondo segreto e al riparo da occhi e orecchie indiscreti.

continua


Cina, nuova protesta in Tibet (e nuova repressione)

Puntsok“Armoniose”, così ieri un portavoce del ministro degli esteri di Pechino ha definito le relazioni tra i circa duemila monaci del monastero buddista di Kirti e le forze di polizia cinesi che da settimane lo stringono d’assedio. (da Free Tibet)

Questa è la situazione fra il governo cinese e il monastero di Kirti, armoniosa davvero.

Puntsok, un monaco di Kirti di 21 anni, che vedete in foto, il 16 marzo si è dato fuoco ed è morto per protesta contro l’occupazione cinese del Tibet. Da allora la polizia di Pechino

continua


Cina, i gelsomini della rivolta: nessuno protegge chi crea problemi

Cina, rivolta dei gelsomini. Ai Weiwei, un artista dissidente che vi aveva preso parte, viene fermato dalla polizia domenica scorsa e sparisce. La portavoce governativa Jiang Yu ha recentemente affermato che ”nessuna legge potra’ proteggera”’ coloro che vogliono ”creare dei problemi” alla nazione.
Via Partecinesepartenopeo:

continua


Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: Cina e Nepal stringono la morsa sul Tibet per il dopo Tenzin Gyatso

Il Fatto QuotidianoEnrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano. I nuovi accordi che fanno temere ancora di più per i tibetani non solo della Cina, ma di quelli profughi in Nepal. Perché la Cina, dopo che il Dalai Lama Tenzin Gyatso non è più capo politico del popolo tibetano, teme ancora di più il successore. Come sarà la sua linea politica? Improntata al pacifismo e al dialogo, come Tenzin Gyatso, o militante?

NB: Mi scuso con i lettori per aver rimosso il post La Cina incontra il Nepal: il Tibet per 30 denari. I disguidi tecnici capitano nelle migliori famiglie – figuriamoci nella mia.

continua


Avanti