Tag Archives: blogger

Asia, la tolleranza non è abbastanza su Il Fatto Quotidiano

Enrica GarzilliVolevo solo annunciarvi che da oggi la Garzilli ha aperto un blog su Il Fatto. Era d’accordo con Peter Gomez da un po’ di mesi ma ma poi – sapete come vanno queste cose – vuoi per troppo da fare, vuoi perché non mi andava di oberarmi di un altro “incarico”, non lo facevo mai.

Beh, poi invece ho visto che anche

continua


Sei e oltre

E così sembra che fra pochi giorni festeggerò il sesto compleanno di Orientalia, e lo farò con una sorpresa: un layout nuovo, un vestitino nuovo di zecca e molto, molto elegante. L’ho ordinato su misura!

Poi ditemi se vi piace.

Halloween, come Bill Gates o come Steve Jobs?

Steve JobsI blogger americani stanno lanciando in scommesse su come si travestiranno i geeks – e non solo – per Halloween: da Bills Gates o da Steve Jobs?

La domanda mi pare oziosa: ci si traveste per fingere di essere diversi e concedersi qualcosa di più o di diverso, qualcosa di trasgressivo rispetto alla propria identità o alla vita usuale.

continua


Leggo per vivere e il 16 ottobre porto un amico in biblioteca

bibliotecaAnche io, grande amante di biblioteche – meno dei bibliotecari, molto meno degli utenti chiassosi – aderisco alla campagna del 16 ottobre “Porta un amico in biblioteca” lanciata dai talentuosi Monica e Gabriele, bibliotecari a Vizzolo Predabissi e San Donato Milanese, con un’idea nata durante un prestito librario telefonico.

Hanno già aderito 140 biblioteche di tutta Italia e lo scopo è quello di far conoscere questo luogo di tesori, come diceva il precettore reale del Nepal Hem Raj Sharma a Giuseppe Tucci e al poeta Motiram Bhatta, a una persona che non è mai andata in biblioteca.

Non ho un amico da portare nel mio luogo rasserenatore per eccellenza perché non conosco nessuno che non sia mai andato in biblioteca, quindi alla campagna aderisco qui, sperando di fare pubblicità e di fare una una cosa gradita agli amici avidi lettori come Federico Migliorati, Diego, Mitì e tanti altri.

continua


Pier Paolo Pasolini, Madre Teresa di Calcutta, l'India e l'amore

pasoliniPochi giorni dopo l’anniversario della sua scomparsa terrena ripropongo questo post che scrissi per rendere omaggio a Madre Teresa di Calcutta, la piccola grande donna che ha ricordato a tutti che “nel mondo ne muoiono tanti per mancanza di cibo, ma ne muoiono ancora di più per mancanza d’amore“.

E a Pasolini, il poeta che ha informato la mia infanzia. Due amori apparentemente distanti, ma così simili. Due poeti. Due ispiratori.

Insieme all’Asia, due miei grandi amori.

E per rendere omaggio all’amore, perché “se amore non c’è, niente c’è“.

continua


Le domande più buffe di Facebook e il podcast più divertente

compleannoVisto che oggi è il mio compleanno (quella nella figura sarei più o meno io, casomai non si fosse capito, in versione casalinga) ringrazio tutti quelli che in privato, in pubblico e su Facebook mi hanno scritto o telefonato per farmi gli auguri.

Segnalo due cose che mi hanno fatto molto ridere: le domande più strane e divertenti di Facebook – e soprattutto le

continua


Beijing ama l'Italia

Poliziotto cinese

Ora anche la polizia cinese della capitale ha un portale, un blog, un podcast e un video-sharing, parte del programma Safe Beijing. Per migliorare la qualità del rapporto con i cittadini e per aiutarli con consigli e suggerimenti – per esempio su come difendersi dai ladri di strada o come proteggere gli appartamenti dagli svaligiatori.

Blog, podcast e video-sharing si raggiungono da Sina, Sohu, il sito di notizie News 163 e il video-sharing Ku6. Dove ho cercato gli articoli sull’Italia e ho trovato questa idilliaca descrizione di un viaggio personalizzato per CEO et similia:

continua


Bavaglio anche ai blog

no al bavaglio alla reteHo appena acceso il computer e letto questa lettera aperta alla Camera dei Deputati, di Valigia blu, scritta da Arianna Ciccone, per la libertà di espressione dei blogger, che rischia di essere fortemente limitata.

Se avete un blog sottoscrivetela. Io l’ho fatto.

continua


Chiuso per ferie

vacanze 2010

Da oggi invece è chiuso per ferie. Mi spiace lasciarvi, davvero, e se mi leggete forse un po’ dispiacerà anche a voi, ma la bloggante se ne va. Parto per la tanto sospirata, se pur breve, vacanza. Non sarò connessa, non leggerò la posta, non userò social network, non leggerò neanche i giornali. A meno che non mi prenda la nostalgia per la civiltà (ma sarà dura).

Pensatemi all’estremità di un paesino di 175 anime contate, un po’ di più in estate, affacciato sul mare cristallino, immerso in uno dei parchi marini e terrestri più belli del Mediterraneo. Passeggiate sulla sabbia bianca e fina, lunghe nuotate, escursioni nel parco, brevi visite alle vecchie pietre di qualche città pregna di storia, una di quelle belle, opulente, sontuose, colorate. E sì, mi toccherà vedere la finale Spagna-Olanda proprio in Spagna.
E poi, solo natura.

A presto, allora.
E grazie di avermi accompagnato per un altro anno.

E il Time si scusa

Il Time si scusa ufficialmente con gli indiani residenti in USA per l’articolo My private India, di cui parlavo giorni fa. Ma non con gli italiani.

Ma temo che sia perché gli indiani hanno protestato, gli italiani no. Forse ormai siamo abituati a essere ridicolizzati all’estero, grazie a lui.

Avanti

Indietro