Tag Archives: blog

Il video dei video di tutti i BarCamp

Un bellissimo video collage, summa di tutti i BarCamp, realizzato da Wolly con immagini di volti flash e una musica importante e antichissima, Fortuna Imperatrix mundi dei Carmina Burana (anno di composizione, 1935-1936).

Dopo il mio sullo ZenaCamp, modestia a parte, è il video più bello e più divertente che abbia visto, senza parole, senza rimaneggiamenti e manipolazioni eccessive, senza orpelli: tanti bei volti, presi nei loro momenti migliori, e basta. L’idea finale della donna che riprende tutti e “racconta” la storia poi è ottima, peccato la donna..

Grazie Wolly e siete tutti bellissimi. Enjoy!:)

Differenze

disegno bambinoStamattina, mentre aprivo i blog da rivedere, ho guardato in lungo e in largo Hackall… cultura libera. Il primo post è su come installare Linux, cioè Ubuntu. Gli altri sono curiosità e piccoli tutorial informatici. Lo scopo del bloggatore è diventare popolare (e forse con i suoi argomenti ce la farà) e passare a un dominio di secondo livello, perché ora usa WordPress.

A quell’età io ero appena uscita dal collegio, avevo gli occhi neri (mi si sono schiariti a 20 anni circa) spalancati sul mondo, ché mi stupiva tutto, e i capelli fra il nero e il rosso lunghi fin quasi alla vita, tenuti fermi con delle mollettine di pannolenci o con dei fiori di seta o stretti in due belle trecce. Calzettoni pesanti sotto le calze lunghe belle spesse, così sembravo più in carne, infradito d’estate che non ho mai smesso di portare, sognavo l’Oriente in tutte le salse, volevo aiutare in modo concreto la gente dell’India, cucinavo molto bene dolci e soufflè, volevo vivere in una fattoria piena di animali, tenevo un diario da quando avevo 5 anni — e non ho mai smesso — sognavo il grande amore ed ero molto timida, fragile e un po’ paurosa.

Ah dimenticavo, il proprietario di Hackall ha 14 anni appena.

Voi come eravate e che facevate a 14 anni?

Dei blogger in Parlamento e dei blogger in BlogBabel

Italian flagHo il piacere di annunciare i risultati delle votazioni per eleggere i blogger che la blogosfera ha ritenuto degni di sedere sugli scranni del Parlamento italiano (o che ha voluto punire, chi sa). Come vedete i vincitori sono più di tre perché alcuni hanno avuto lo stesso numero di voti:

PRIMO con voti 9: Stefano Quintarelli
SECONDO con voti 6: Luca De Biase, Enrica Garzilli, Antonio Sofi e Gaspar Torriero
TERZO con voti 4: Alessandro Bonino e Mitì Vigliero.

Vorrei ringraziare tutti quelli che hanno partecipato. Questo è stato solo un gioco, ma è stato preso più seriamente di quanto mi aspettassi. Avevo buttato la domanda lì, con solo un pizzico di curiosità, invece mi ha fatto molto piacere vedere che molti bravi blogger abbiano preso la questione con ponderazione, rispondendo con buone motivazioni. Anche perché non è lontano un futuro dove i blogger verranno candidati davvero al Parlamento.

Fra tutti voglio menzionare Mitì, Gaspar, Luca Conti, Wolly, nikink, Senza aggettivi, La Cuccia di ex-xxcz e Gattostanco.
Grazie a tutti gli altri che, magari con un sorriso, hanno espresso il loro pensiero, e a Maxime che per primo ha segnalato l’unico blogger che in quanto tale si candida alla Camera dei Deputati, Edoardo Colombo (questo è il suo blog).

Mi pare che con questa questa domanda, chi blogger portereste al Parlamento, sia stato toccato il polso dell’autorevolezza nella blogosfera indipendentemente dal posto raggiunto nelle varie classifiche. Qualche voto è stato dato per pura simpatia (è una mia impressione, perché nella testa degli altri non ci sono), ma in genere le motivazioni di tutte le nomine, anche quelle con meno voti, sono state ragionate, plausibili e di buon senso. Infatti mi ha stupito vedere che ci sono anche io.

Ho notato anche che quando si tratta di votare qualcuno, per una cosa seria come una carica politica, anche se in modo virtuale, le punte estreme sono state tagliate: i blogger aggressivi, i blogger markettari (non del marketing, eh!), quelli spudoratamente accatta-link, quelli so-tutto-io, i troller travestiti da opinionisti, non hanno riscosso molto successo.

Oltre tutto, si vede anche che l’autorevolezza non è basata sulle scemate divertenti, magari stralinkate, quanto piuttosto sui contenuti forniti, sulle conversazioni provocate, sui pensieri evocati, sulle opinoni ragionate. E sulla ponderatezza, che di teste calde capricciose e arroganti ce ne sono già troppe fra i nostri politici.

continua


Le votazioni per i tre blogger al Parlamento sono terminate

Dichiaro ufficialmente chiuse le votazioni per i tre alfa-blogger italiani da portare al Parlamento. Questa notte ci sarà il faticoso spoglio delle schede e domani la nomina ufficiale.
Grazie a tutti.

E-learning manipolato

Ecco come si è trasformata in modo tutto italico la diffusione e la condivisione della cultura universitaria, dal vivo o meglio ancora in rete.

Ci possiamo vantare di un’altra conquista: come sistemare con una cattedra indagati, condannati, truffaldini, incompetenti, incapaci e gente che di quello che insegna non sa assolutamente niente. Tanto di là del monitor, come dicono in USA, ci può essere anche un cane (senza offesa ai cani).

Affrettatevi a votare i blogger al Parlamento italiano ché domattina ci saranno le nomination e forse loro qualcosa cambieranno.

I tre alfa-blogger del parlamento italiano

flagTre noti blogger hanno deciso di candidarsi alle elezioni politiche che si terranno in Malesia il prossimo mese, tutti e tre contro la coalizione che sta governando da 50 anni.

Mi chiedo chi sono gli alfa-blogger che potrebbero candidarsi in Italia. Io una mezza idea ce l’avrei ma mancano gli altri. Per caso avete qualche nome in testa (Grillo non vale)?

Update delle 11:50: Se ci saranno abbastanza voti nominerò ufficialmente gli alfa-blogger candidati, eletti a furor di popolo.

(via Tiziano)

Il Cisco Expo 2008 mancato

Temo di dover fare diversi post così, di questi tempi. L’altra settimana sono stata invitata da Lele al Cisco Expo 2008, un piacevole tour de force di due giorni dedicati alle aziende per discutere di innovazione.

Oggi c’è stato il technology day inaugurale, domani ci sarà il business day: due sessioni plenarie nelle due mattinate, seguite poi da diverse sessioni parallele dedicate ai temi caldi che caratterizzeranno quest’anno.

La sessione plenaria vedrà gli interventi di Roberto Formigoni, Stefano Venturi e Giacomo Vaciago, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Giorgio Bertolina (Italtel), Francesco Casoli (Elica), Roberto Colaninno (Gruppo Piaggio), Elio Fiorucci (Love Therapy), Luigi Gubitosi (Wind), Marco Roveda (Lifegate), Corrado Sciolla (BT), Luciano Martucci (IBM Italia), Marina Salamon (Altana), Stefano Pileri (Telecom Italia). Modererà la sessione Luca De Biase.

Mi spiace moltissimo non poter essere presente, De Biase sa dare quel tono di informale semplicità a quello che dice, e commentare e coordinare quello che dicono gli altri, senza bisogno di far cadere nel discorso termini e concetti economici solo per iniziati ai lavori. Senza far sfoggio di intelligenza e di cultura economica. Forse perché lui ce l’ha.

Ecco, sono queste le occasioni che arricchiscono, che fanno germogliare idee e riflessioni, e sono queste le poche occasioni in cui non stare bene fa stare male non solo per la cosa in sé, ma per il mondo là fuori che uno si perde. Che, per il resto, il mondo potrebbe girare anche senza di me, e io me ne accorgerei poco. Lui gira con la sua musica, io la mia.

Spero solo che qualcuno si prenda la briga di mettere online la sessione di domattina.

Le undici più brillanti penne rosa del Web

EnricaC’è un vasto universo femminile che si esprime attraverso i blog. Ma cosa spinge il gentil sesso a dar vita ad un proprio spazio online? Lo abbiamo chiesto ad undici delle più brillanti penne del Web.

Questa è l’introduzione all’articolo “Quei tasti rosa della blogosfera” di Tatiana Bazzichelli, una brava giornalista che fra poco aprirà il suo blog, apparso su Internet Magazine.

Fra le 11 brillanti penne c’è la sottoscritta per servirvi, Orientalia4All (qui l’intervista in pdf).

Le altre sono Betty Moore, Elena Franco, Elena Zannoni, Giulia Blasi, Mafe De Baggis, Michela Murgia, Miti Vigliero, Roberta Scotto Galletta, Sigrid Verbert, XName. Ne hanno già parlato Elena e Vita da consulente, oltre ai vari messaggi su Twitter. Notate la mia foto di Samuele Silva.

Il WebDays e il BarCamp mancato

BarCamp Torino

Il 28 gennaio ho scritto

Quindi il 22-23 febbraio che a Torino ci sarà Webdays e BarCamp generalista e io ci starò benissimo.

Ho fatto un gran strombazzamento dei due eventi, mi andava di incontrare un sacco di persone e invece eccomi qui, che ancora alterno il letto ai primi passi ingessati. Almeno non prendo più le famose gocce della felicità, questo lo devo dire, però la vita mi sorriderà davvero quando potrò farmi una doccia (dopo 20 giorni)! Che nessuno storca il naso per favore, siamo meravigliose anche con i capelli non proprio in ordine..

Quindi non mi resta che associarmi ai tanti blogger vicini e lontani che non andranno, che se me lo fate sapere faccio una lista e la aggiorno volta per volta. Una comincio subito, gli altri li aggiungo man mano:

1) Placida Signora
2) Wolly
3) Pseudo Tecnico
4) Mau
5) Maxime
6) Writer
7) Napolux

La fiera delle vanità: geolocalizzazione

Per vanità, ieri pomeriggio ho pubblicato il post con la mia geolocalizzazione sulla mappa di Google.

E’ stata una cosa impulsiva e non molto furba e già le prime conseguenze si stanno facendo vedere. Così ho deciso di toglierlo (so che è una cosa brutta togliere qualcosa di pubblicato e mi scuso), ma rimetto l’indicazione del blog di Marchino, che è stato così gentile ad aiutarmi.

Avanti

Indietro