Tag Archives: ambiente

Green Hill sotto sequestro: evvai!

Un momento storico sulla scabrosa faccenda Green Hill, un piccolo spiraglio di luce per chi ama i fratelli animali e non vuole che siano torturati e sacrificati inutilmente, in nome della scienza. E una nuova coscienza popolare.

Trenta uomini della Guardia forestale stanno sequestrando la struttura di Green Hill. L’accusa è: maltrattamenti.

continua


Il mondo dello spreco in cifre

Gli americani usano 15 milioni di fogli di carta ogni 5 minuti, 60.000 sacchetti di plastica ogni 5 secondi e gettano via in abbastanza alluminio da ricostruire l’intera flotta aerea commerciale ogni tre mesi. (Dan Hoornweg)

continua


Cina: eppur si muove

continua


Green Hill e vivisezione: la tortura che va contro la ricerca

Sabato 16 a Roma manifestazione nazionale contro Green Hill e per fermare la famigerata legge. Sarà una marea umana.

Ieri una famosa azienda di cosmetici animal free ha mostrato in vetrina su una donna quello che normalmente fanno a un animale sottoposto a “sperimentazione”, riproducendo tutto con più realismo possibile senza arrivare alla torturara, ovviamente. Queste sono le immagini, io ci sono stata male a pensare che sugli animali è tutto vero e non ci sono limiti. E spero che molti indecisi capiscano la realtà agghiacciante, l’urlo di dolore che sale dal buio dei laboratori.

Sappiate solo che la donna che si è prestata alla fine dell’esperimento si è sentita fisicamente male. Ed era quasi tutto finto!

Ma la vivisezione è anche una scelta ben precisa che va contro la scienza. Un paio di giorni fa ho parlato con un veterinario che sta finendo il dottorato in biologia molecolare (incontrato al bar, non un animalista). Mi diceva che la sperimentazione sugli animali vivi è del tutto obsoleta perché si possono riprodurre le stesse cose su tessuti coltivati apposta. Senza dar vita a cloni animali.

Mi diceva: ti piace la pelliccia? Non ci vuole niente a fare una coltura di tessuto con il pelo. Tessuto “finto” nato e coltivato in vitro e fatto crescere con il pelo di castoro, che è quello che stiamo facendo adesso noi. Un’operazione di routine che si fa da molti anni in diversi paesi al mondo.

Perché in Italia non si fa, allora? Perché la ricerca Italia è ferma, perché non ci sono soldi per impiantare nuovi laboratori che sostituiscano quelli vecchi di sperimentazione animale, che la momento sono i più economici, e perché ci sono gli interessi delle multinazionali dietro.

Lui alla fine del mese finisce gli studi e parte per il Brasile a lavorare come ricercatore per l’università. Dice che i paesi emergenti, specie l’India e il Brasile, sono avanzatissimi nella sperimentazione farmacologica su tessuti in vitro sia per i nuovi farmaci, sia per la cosmesi e la moda.

continua


Geopolitica: se l'Oceano Artico si scioglie (Cina, Russia, Canada e Giappone)

Le superpotenze asiatiche si stanno preparando all’apertura delle rotte dell’Oceano Artico dovuto ai cambiamenti climatici.

Lo scioglimento dei ghiacci ha effetti sullo sviluppo delle risorse come gas e petrolio e sull’ambiente. L’eventuale apertura di nuove tratte di navigazione ha delle conseguenze importanti non solo perché le distanze verso certi paesi, come il Giappone, si accorciano, ma perché nel più piccolo degli oceani non c’è pirateria (che come si sa è un fenomeno in aumento). E le superpotenze si stanno preparando concretamente all’eventuale apertura delle vie di navigazione a livello geostrategico, e non solo commerciale.

continua


Green Hill e vivisezione: perché è pericolosa e perché costa troppo

Vivisezione? «La scelta peggiore che possiamo fare per testare la tossicità di un medicinale». A dirlo è Claude Reiss, per 35 anni direttore di ricerca in biologia molecolare al Cnrs, autore di centinaia di paper scientifici sul tema e consulente, fra gli altri, del programma europeo Reach per la verifica dei prodotti chimici in circolazione. Da quando è in pensione Reiss ha fondato Antidote Europe, un’associazione che promuove la tossicogenomica come alternativa ai test sugli animali dei medicinali. Reiss non ha dubbi: «I test sugli animali sono un metodo inutile e dannoso. Il 90 per cento dei medicinali testati sugli animali vengono rigettati prima degli esperimenti clinici sull’uomo, perché le prove sono ritenute inattendibili. Ma è ovvio: ogni specie animale ha un proprio genoma unico e irripetibile. Questo comporta che ogni specie, un ratto, un topo, un cane o un uomo, reagisce in modo completamente diverso alla stessa prova».[...]

continua


Green Hill: e non è finita qui

Su Green Hill. Come sapete la discussione in Senato degli emendamenti alla famigerata legge europea che di fatto allarga le regole sulla vivisezione è stata rimandata dal 9 al 16 maggio, vista la tensione sul territorio nazionale, le folte manifestazioni in centinia di città e paesi, da Udine a Catania, e i vari gruppi europei che si sono aggiunti.

Un’iniziativa ancora più importante, anche se più a lungo termine.

continua


Omicidio di alberi

Una benedizione l’articolo 8 del disegno di legge “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani” – N. 2472-B approvato al Senato giovedì 28 Marzo 2012, dedicato alla salvaguardia degli alberi monumentali.

Esultanza generale, una legge assai civile. Peccato che sia facilmente aggirabile – e ora vi dico come.

continua


Animali e diritti, altrimenti ci arrabbiamo

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano perché sapete tutti quanto mi stiano a cuore le cause dei nostri fratelli, gli animali.

Si tratta di una campagna per fare pressing sulla XIV Commissione del Senato che sta discutendo se eliminare o meno l’emendamento, passato il 1° febbraio alla Camera, sulle norme che limitano la vivisezione. Obiettivo: chiudere l’allevamento di Montichiari che alleva cani beagle per la sperimentazione e vietare l’allevamento di cani, gatti e primati per lo stesso scopo. Ora qualcosa si può fare. Se no ci arrabbiamo davvero! (In foto, la piccola Lili)

continua


Un po' animale e un po' uomo

Do nonhuman animals share humans’ capacity for metacognition–that is, for monitoring or regulating their own cognitive states?

Pare che gli animali siano molto più simili all’uomo di quello che si crede, anche nella cosiddetta “metacognizione”, cioè nel regolare e gestire il loro stato cognitivo. In pratica, nel funzionamento dei processi mentali. Lo ha detto già due anni e mezzo fa lo studio pubblicato su una fonte autorevole, Il Centro nazionale per l’informazione sulle biotecnologie, finanziato dal governo degli Stati Uniti.

continua


Avanti