Asia

Global Trends UNHCR: i profughi nel 2016

immigrati12Secondo Global Trends 2016, il rapporto dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ogni tre secondi una persona è sfollata con la forza, il che significa 20 persone al minuto quasi 66 milioni di persone l’anno e il numero aumenta ogni anno. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite Filippo Grandi esorta alla “solidarietà e uno scopo comune nel prevenire e risolvere le crisi” per proteggere e predersi cura correttamente dei profughi del mondo, sfollati internamente e richiedenti asilo che, attualmente, sono 22,5 milioni, 40,3 milioni e 2,8 milioni rispettivamente.

“Il più grande produttore mondiale di rifugiati” rimane la Siria, con 12 milioni di profughi. Ci sono 7,7 milioni di sfollati colombiani, 4,7 milioni di afgani e 4,2 milioni di iracheni. Nel 2016 “il maggiore fattore nuovo” è stato il Sud Sudan, che è in una guerra civile dal 2013, con circa 737.400 persone che sono fuggite entro la fine dell’anno.

La cosa stupefacente è che nel 2016 di tutte le persone che fuggono dalla guerra, dai disastri e dalla persecuzione, circa l’84% si è trasferito nei paesi a basso o medio reddito. Questo significa che i paesi in via di sviluppo ospitano la maggioranza dei rifugiati del mondo. Di tale cifra, 1 ogni 3 persone, circa 4,9 milioni di persone in tutto, sono state ospitate dai paesi meno sviluppati.

continua


Elliot Sperling e il Tibet

SperlingE’ con profondo dolore che ho saputo della scomparsa di Elliot Sperling, il 29 gennaio 2017, studioso del Tibet e fiero paladino della causa tibetana.

L’ho conosciuto anni fa e ho avuto modo di frequentarlo un po’ ad Harvard, dove lui insegnava Tibetan Studies.
Un uomo eccezionale per pulizia, chiarezza, dedizione alle giuste cause. Un padre fermo ma dolcissimo. Un vero americano che crede in quello che fa, you get what you see, fair and square.

Elliot Sperling amava non solo il Tibet ma Giuseppe Tucci, il primo profondo conoscitore del Tetto del Mondo, e pensava che non si potesse studiare la sua cultura senza conoscere la sua opera.
Qualche anno fa mi ha mandato un paio di testi digitalizzati per L’esploratore del Duce e poi per la versione inglese, Mussolini’s Explorer e, leggendo i miei ringraziamenti, mi ha scritto subito “Amica mia, non era necessario ma grazie”. E poi, ancora, innumeri ragguagli sulla storia del Tibet. Un uomo sempre generoso in tutto, nel lavoro come nella vita.

Con Elliot se ne è andato non solo un grande studioso ma un uomo gentile, onesto, appassionato, di quelli che ci fanno sentire orgogliosi di appartenere al genere umano.

Il XIV Dalai Lama cittadino onorario di Milano: cosa teme la Cina?

Dalai Lama rocks_20ott2016In un teatro Arcimboldi gremito di studenti dell’università Bicocca, il 20 ottobre 2016 la città di Milano ha conferito al XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso la cittadinanza onoraria. La visita e gli insegnamenti del capo spirituale del buddhismo tibetano (che anche Tucci ha conosciuto nel 1948) è stata accompagnata dalle proteste ufficiali dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese, che in una nota diffusa dall’Ufficio Stampa ha dichiarato:

continua


"Nepal, stallo politico e lentezze nella realizzazione del processo di pace e di riconciliazione" di Enrica Garzilli

Godard field notebook_0 (1)Spero vi faccia piacere leggere il mio ultimo, breve articolo sulla situazione politica e sociale in Nepal nel 2012-gennaio 2013 (Asia Maior 2012).

Come sapete, 10 anni di guerra civile e la rivoluzione del 2006 hanno lasciato nel paese diversi problemi gravi ancora irrisolti. Prima di tutto l’impiego e la rilocazione delle migliaia di soldati combattenti dell’esercito rivoluzionario, una situazione potenzialmente esplosiva ma parzialmente risolta durante l’anno passato.

continua


Italia-India una tradizione: scandalo elicotteri e scandalo cannoni

italia-india.t.W320.H200.M4E’ del 12 febbraio la notizia dell’arresto del presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi per un caso di supposta corruzione per “favorire” la vendita di 12 elicotteri di Agusta Westland. Il ministro della Difesa indiano A.K. Antony ha aperto un’inchiesta separata (giustamente, perché l’India è nota per i suoi integerrimi politici e pubblici amministratori) e ha immediatamente congelato il pagamento a Finmeccanica dei pagamenti previsti dal contratto di 750 milioni di dollari.

continua


Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: La cultura dello stupro in India (e a Bergamo)

Ieri ho pubblicato questo sui recenti fatti di donne violentate in India, e a Bergamo. E sulle reazioni in India, e a Bergamo. Non c’è poi tanta differenza fra il civilissimo nord Italia e Delhi! E in entrambi i luoghi la donna è in pratica ritenuta corresponsabile di reato. Di un meschino infamante reato: se si vestisse in modo appropriato, se non uscisse da sola dopo le 9 di sera, ecc.

continua


Giornata dei diritti umani: la CNN cambia il titolo dell'articolo sul Tibet

continua


L'esploratore del Duce a Milano, 20 novembre 2012, Biblioteca Sormani

E dopo la presentazione del 25 ottobre presso la Società Geografica Italiana, quella milanese.

Introduce Aldo Pirola, direttore del sistema bibliotecario del comune di Milano.
Parla Sergio Romano, già ambasciatore ed editorialista del Corriere della Sera e Sergio Duccoli, direttore de L’Illustrazione italiana.
Vi aspetto!

L'esploratore del Duce a Roma, 25 ottobre 2012, Società Geografica Italiana

continua


India, nella scuola di Tagore bere sale e urina cura l'enuresi: parola di guru

Vi ricordate della scuola e l’università di Shantiniketan vicino Calcutta del Nobel Tagore, di cui ha parlato anche Amartya Sen – e di Tucci che nel 1925-26 ha insegnato nella sua università, Vishvabharati? La famosa istituzione si è resa protagonista di una vicenda che ha sollevato le proteste dei gruppi di diritti umani e da mesi sta schierando i politici, a cominciare dal Primo ministro dell’India Manmohan Singh, attori e religiosi. Con tanto di causa legale.

continua


Avanti