Indice di percezione della corruzione 2012: l'Italia sta peggio del 2009

Nel 2009 mi dicevo precoccupata per il punteggio dell’Italia nell’Indice di percezione della corruzione, che si calcola sulla base di quanto vengono percepiti corrotti i politici e quelli che si occupano di Pubblica amministrazione. AL tempo l’Italia si attestava al 63° posto fra 180 paesi.

Ora, dopo tante manfrine di moralità, sobrietà e severità di costumi–sulle spalle della gente, perché di politici epurati non ne conosco e voglio vedere il decreto legge di ieri sulla incandidabilità dei condannati a più di due anni che effetti sortirà sui parlamentari–dicevo dopo tutte queste prediche per la moralizzazione, ché questo paese pare diventato l’Afghanistan, l’Indice 2012 dice che fra 172 paesi, di meno del 2009, l’Italia è al 72° posto.
Peggiorata, quindi!



Commenti

  1. Cara Boh, non ho alcun dubbio che la situazione italiana sia piuttosto triste

    però non mi è chiaro, in questa informazione, se la «percezione» da parte dei cittadini è effettivamente correlata con il grado di corruzione allo stesso modo in tutti i paesi

    se noi italiani siamo sospettosi e, un esempio a caso, i francesi lo sono meno, a parità di corruzione la percezione in italia è maggiore

    altro esempio: se un regime con la propaganda convince gli abitanti che tutto va bene e che chi governa è buono e probo, anche se sotto c’è un verminaio di corruzione, questi abitanti creduloni daranno una sensazione di corruzione più bassa

    insomma, mi pare un indicatore valido, ma non risolutivo, anche se sulla corruzione anch’io non nutro alcun dubbio che ci sia eccome

    Scritto da diegod56, 2 anni fa


  2. Senz’altro è solo un indicatore, fondato poi sulla percezione, quindi non solo sull’informazione e disinformazione, ma sulle esperienze personali, ancorché non esattamente quantificabili. Credo quindi che abbia una grande validità diciamo "soggettiva" ma collettiva: quanto un popolo, campionato opportunamente, pensa che le istituzioni pubbliche del suo paese siano corrotte.

    Secondo me è un grosso indice della scontentezza di una nazione. Tra l’altro, nei paesi ai primi posti davvero la corruzione è molto bassa (ci sono statistiche basate sui report criminali di tribunali ecc., sportelli degli utenti, articoli su giornali qualificati, indagini di polizia).

    E temo che, posto più posto meno, la nostra percezione di corruzione in Italia sia altrettanto valida, o si avvicini moltissimo, a quella quantificata e misurata.

    Scritto da Boh, 2 anni fa


  3. solo al 72simo posto? io mi aspettavo molto peggio! diciamo che allora ce la caviamo piuttosto bene in fin dei conti siamo insieme all'Uruguay no?

    Scritto da sole, 2 anni fa


  4. Peggio di questo arriviamo a qualche staterello sudamericano e africano..!

    Scritto da boh, 2 anni fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.