Afghanistan, Iraq e Pakistan: i costi della guerra

Non sto parlando di vite umane, di civili morti, di feriti, di popolazioni o militari danneggiati psicologicamente, di risorse distrutte, di scuole e di vie di comunicazione e interrotte, di città distrutte, di fabbriche chiuse, di campi inagibili i minati, di ricadute economiche nelle zone di guerra e nelle nazioni da dove partono i soldati. Sto parlando del prezzo in soldi e basta.

Perché secondo l’eccellente e impressionante blog Costs of War (guardate il contatore!), a cui collaborano 20 fra economisti, antropologi, personale umanitario, politologi, avvocati, 10 anni di guerra in Afghanistan, Iraq e Pakistan sono costati agli Stati Uniti fra i 3 e i 4 milioni di milioni di dollari (cioè 3.000.000.000.000 USD). Cifre da fare girare la testa (e da far cercare su Google perché io proprio non sapevo quanto fosse). Nonché, lo metto per seconda ma ovviamente è la priorità, 236.000 fra morti direttamente e quelli connessi alla guerra (senza parlare dei malati, dei feriti e delle conseguenze fisiche e psicologiche future).

I benefici in termini di democrazia o di stile di vita? L’Iraq è un regime “misto”, cioè democratico con forti spinte autoritarie, e secondo Transparency International in una scala della corruzione da 0 a 10 l’Iraq è 1,8, cioè una delle 8 più corrotte nazioni del mondo. Sappiamo che quando una nazione è molto corrotta, cioè c’è molto interesse privato negli affari pubblici, la democrazia è seriamente compromessa. In Afghanistan i talebani sono molto forti e la violenza è progressivamente aumentata negli ultimi anni. In entrambi i paesi la situazione delle donne e delle minoranze, come anche in Pakistan, è molto povera. Si può parlare di democrazia?

Insomma, a ben vedere, la guerra in Afghanistan, Iraq e Pakistan a chi e a che cosa è servita?



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.