Fotografi italiani per il Tibet (e Fosco Maraini)

Una mostra bella e toccante di alcuni dei maggiori esperti italiani di Tibet si inaugura a Milano venerdì 15, in anticipazione e in concomitanza della presenza del Dalai Lama nei prossimi 27/28 giugno. Organizzata dall’Associazione Italia-Tibet e patrocinata della Provincia di Milano, si apre con la conferenza “Il Tibet brucia” sul fenomeno delle autoimmolazioni per fuoco di civili e di monaci per protesta contro l’occupazione cinese.

Ci sarà una sezione dedicata a Fosco Maraini perché accompagnò Giuseppe Tucci come fotografo di spedizione nel 1937 in Tibet centrale da Gangtok, capitale del Sikkim, a Gyantse, che era la terza città del Tibet libero.

Lo accompagnò anche nel 1948 nella spedizione che portò Tucci a Lhasa, a conoscere il Dalai Lama dodicenne, ma fu lasciato insieme agli altri membri italiani, il fotografo Pietro Mele e il medico della R. Marina militare Regolo Moise, nello Yatung, ufficialmente perché nessuno ricevette i permessi. E dopo un po’ se ne tornò in India (mentre gli altri raggiunsero Tucci in Ladakh).

Cosa: Fotografi italiani per il Tibet – Mostra fotografica
Dove: Milano, Centro congressi della Provincia di Milano, via Corridoni 16
Quando: 16-29 giugno, 2012
Inaugurazione: 15 giugno, h. 17
Ingresso libero
Fotografi: Stefano Bottesi, Carlo Buldrini, Davide Cacciatore, Cristian Callegari, Claudio Cardelli, Andrea Muratori, Fausto Sparacino

Vi aspetto lì. Venite a vedere la mostra non solo perché è bella, e questo si capisce anche da queste poche foto, ma perché il popolo tibetano lotta da anni per la sua indipendenza con coraggio e determinazione, a prezzo di enormi sacrifici e senza nuocere a nessuno. Impariamo a conoscerlo.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.