Green Hill: e non è finita qui

Su Green Hill. Come sapete la discussione in Senato degli emendamenti alla famigerata legge europea che di fatto allarga le regole sulla vivisezione è stata rimandata dal 9 al 16 maggio, vista la tensione sul territorio nazionale, le folte manifestazioni in centinia di città e paesi, da Udine a Catania, e i vari gruppi europei che si sono aggiunti.

Un’iniziativa ancora più importante, anche se più a lungo termine. Domani a Milano ci sarà il banchetto per la raccolta firme per l’abolizione della vivisezione a livello europeo e per la chiusura definitiva di Green Hill, in modo che non possano spostare l’infame traffico a 100 Km di distanza oltre i confini. Obbiettivo: 1 milione di firme.

Dove e quando a Milano

Sabato 12 maggio 2012, h. 9:00-19:00, piazza Cadorna
Domenica 13 maggio 2012, h. 9:00-19:00, piazza XXIV maggi.

Vorrei aggiungere una cosa a chi dice: “sì, ma se si trattasse da scegliere se lasciar morire tuo figlio per la mancanza di un farmaco oppure uccidere qualche centinaia di gatti, di topi, di scimmie, di cani per la sperimentazione di quel farmaco, tu che sceglieresti?”

Non ripeterò che quello che fa bene a un umano uccide un cane e viceversa (solo un esempio: la comune aspirina), perché si sa. Dirò solo che la domanda in sé è fuorviante. Noi apparteniamo a un’altra specie e razza quindi è ovvio che non ci interessa se per salvare la nostra specie e razza ne sacrifichiamo un’altra.

La domanda giusta sarebbe: “se si trattasse da scegliere se lasciar morire tuo figlio per la mancanza di un farmaco e uccidere qualche centinaia di bambini neri, o asiatici, o anche solo i figli del nostro vicino, per la sperimentazione di quel farmaco, tu che sceglieresti?” Ecco, tu che sceglieresti? E’ della tua spessa specie, magari di un’altra razza.

Mi hanno detto da più parti che ieri è uscito su Panorama un articolo pro sperimentazione animale. Non so, non l’ho voluto comprare intenzionalmente. Me lo farò prestare dal giornalaio solito, comprando qualcos’altro. Se fosse vero, e diverse fonti lo affermano, faccio solo una considerazione: c’entra qualcosa che Panorama sia del gruppo Mondadori?

Un giornalista che conosco, che ha avuto problemi gravi in famiglia e sulla sperimentazione sa molto, ha detto che dalle anticipazioni dell’articolo di Panorama sembra che sia “imparziale”, informato ma senza prendere parte. Beh, questo è già prendere parte, visto che le leggi per la sperimentazione su animali vivi o allevati apposta, e la mancanza di controlli adeguati dei laboratori, proprio come fanno nei negozi per lo scontrino fiscale, ci sono già. Non prendere posizione è già una posizione.

Domani vi aspetto tutti a Milano, piazza Cadorna e piazza XXIV Maggio. Ci vediamo lì. Si può salvare la specie umana da molte malattie senza distruggere o torturare le altre specie. Anche se costa di più e ci vorrà più tempo.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.