Usa, anno nuovo nemico nuovo: da Al Qaeda all'Iran

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: “La “prima minaccia” per la sicurezza degli Usa non è più Al Qaeda, ma il nucleare iraniano”. L’Iran rappresenta la maggiore minaccia per gli Stati Uniti mentre il rischio Al Qaeda si indebolisce. Lo ha affermato James Clapper, direttore dei Servizi segreti nazionali, durante la seduta annuale del Comitato per i servizi segreti del Senato che si è tenuta a Washington. Argomento: le minacce presenti e future alla sicurezza nazionale. Presenti fra gli altri il direttore dell’Fbi Robert Mueller e il direttore della Cia David Petraeus.

Secondo i capi dei servizi cresce il rischio che aumenti il numero delle spie iraniane e quello di possibili attacchi. Stando alla loro testimonianza, l’Iran ha tutti i mezzi per costruire le armi nucleari ma ha deciso per il momento di non svilupparle, in contrasto con Israele che afferma che entro un anno le armi sarebbero finalizzate e il tempo per fermare l’Iran starebbe per scadere. Secondo Clapper, se l’Iran si sentisse minacciato non esiterebbe a minare gli interessi americani. Ricordando il piano iraniano, sventato a ottobre dell’anno scorso, di uccidere l’ambasciatore saudita negli Stati Uniti, ha affermato che “qualche funzionario iraniano, incluso probabilmente il Capo supremo Ali Khamenei (successore dell’Ayatollah Khomeini e capo dell’establishment islamico conservatore, ndr) è al momento più disposto a sferrare un attacco agli Stati Uniti come risposta ad azioni reali o percepite che minacciano il regime. “C’è dibattito e dissenso nella gerarchia politica dell’Iran sull’opportunità di costruire la bomba atomica”, ha detto Clapper: “Non c’è un parere unanime, perché sta valutando il peso che guadagnerebbe il paese a livello di prestigio regionale se possedesse un’arma nucleare contro il costo di ulteriori sanzioni internazionali e il rischio di rappresaglie militari da parte di Israele o dell’Occidente”. (continua)



Commenti

  1. [...] Garzilli su Il Fatto Quotidiano. “Non taglieremo l’accesso a internet”. Il governo iraniano si affida a un comunicato per negare la notizia di un imminente intervento contro la Rete [...]

    Scritto da L'Iran prepara una grande Rete interna (da cui forse escluderà Internet) | Orientalia, 5 anni, 4 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.