Guru Steve Jobs e Zen

Steve Jobs, il geniale creatore di Apple e trasformatore di Pixar, ieri ha annunciato ufficialmente le sue dimissioni da CEO dell’azienda. Niente da dire, Steve ha rivoluzionato il nostro modo di concepire un computer e la nostra cultura – e quindi ha rivoluzionato il nostro modo di vivere.

Ecco le cinque frasi migliori di Steve Jobs. La prima è sullo stile. E’ universale ed è stata già detta, con qualche lieve modifica, dai grandi maestri di arte Zen – fra le più belle materie che abbia mai studiato. Dovrebbero tenerla e mente molti stravaganti architetti contemporanei, ma anche molti creatori di moda, gli scrittori e gli  studiosi così via.  In pratica, il contenente è il contenuto – e il contenuto deve essere funzionale allo scopo.

L’ultima frase è toccante per lui, vista le sue condizioni di salute, ma è ugualmente vera per tutti noi. Meditate gente, meditate…

  • Il design non è solo quello che appare e che piace. Il design è quello che funziona.
  • L’innovazione distingue il leader dal seguace.
  • Metti un “ding” nell’universo [intraducibile, significa cerca di raggiungere qualcosa che valga nell'universo].
  • Ci sono i folli, i disadattati, i ribelli, quelli che combinano guai, i pioli tondo nei fori quadrati .. quelli che vedono le cose in modo diverso – quelli che non amano le regole … Puoi citarli, puoi essere in disaccordo con loro, puoi glorificarli o diffamarli ma l’unica cosa che non si può fare è ignorarli perché loro cambiano le cose .. spingono avanti la razza umana e mentre alcuni possono considerarli pazzi, noi vediamo il genio, perché quelli che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, sono quelli che lo fanno.
  • Il vostro tempo è limitato, quindi non lo sprecate vivendo la vita di qualcun altro. Non fatevi intrappolare dai dogmi – che vuol dire vivere con i risultati del pensiero di altre persone. Non lasciate che il rumore delle opinioni altrui offuschi la vostra voce interiore. E, cosa più importante, abbiate il coraggio di seguire il vostro cuore e la vostra intuizione. In qualche modo sanno già che cosa volete realmente diventare. Tutto il resto è secondario.


Commenti

  1. hai fatto molto bene a riportarle,

    appena ho tempo ci riflettiamo in queste tue pagine, cara boh

    Scritto da diegob, 2 anni, 11 mesi fa


  2. non pensavo Steve Jobs fosse cosi'...romantico!mi piace molto il suo modo di pensare e ritrovo che sia uno dei pochi non esaltati malgrado sia stato davvero in grado di cambiare qualcosa...

    Scritto da sole, 2 anni, 11 mesi fa


  3. è un grande personaggio, questo steve, però è soprattutto un grande uomo di marketing, dotato di un naturale talento a sfruttare, a «vedere» gli spazi psicologici che poteva occupare;
    ricordo bene quando comprai il primo mac, nel 1987;
    a me i computer non piacevano, ero fondamentalmente lontano dalla mentalità degli appassionati di elettronica, e difatti il mac sembrava un’altra cosa, un computer per chi non ama i computer;

    certamente steve ha ragione a sollecitare l’indipendenza soprattutto psicologica dalle abitudini mentali e tecnologiche apparentemente scontate, ma, secondo me, seppur sincero nelle sue idee, sapeva anche che il solo fatto di esprimerle gli avrebbe portato fortuna, a quell’aura speciale che avvolgeva i prodotti della mela morsicata

    in realtà la sua è una riedizione un poco riverniciata di colore zen del vecchio mito americano dell’uomo che, dallo scantinato arriva all’immenso successo economico

    certamente non ha l’aspetto bieco del capitalista col sigaro in bocca, certamente è sincero nel suo stile elegante, semplice, di raffinata semplicità, ma è sicuramente e soprattutto un grande imprenditore di successo

    il design, su quello ha ragione, il design è importantissimo, e deve derivare dall’oggetto, non deve essere un vestito dell’oggetto, ma deve essere la sua «anima» funzionale che diviene forma, e lì ci vuole davvero dei designer bravi e soprattutto ben coordinati col progetto

    spero che queste frasi non siano il suo epitaffio, comunque, senza dubbio sono improtanti

    Scritto da diegob, 2 anni, 11 mesi fa


  4. Sole, infatti piace a tantissimi. Penso che la vicinanza con la malattia e la morte lo abbiano aiutato a non montarsi la testa. Strano ma il dolore aiuta i grandi, nuoce ai meschini.

    Scritto da boh, 2 anni, 11 mesi fa


  5. Diego, penso che Steve sia stato davvero un innovatore. Sul fatto del design beh, il concetto della funzione è vecchio ma detto da lui non solo sembra nuovo, ma certamente sarà più ascoltato.

    Scritto da boh, 2 anni, 11 mesi fa


  6. e' vero che il dolore aiuta ma...non e'stato sempre malato eppure non mi pare si sia mai montato la testa. chissa' forse e' un 'semplice' vero...

    Scritto da sole, 2 anni, 11 mesi fa


  7. Sole lo conosciamo prima? No. Ed è malato da anni. E poi sai bene che in USA specie i grandi non si montano la testa (qui specie i piccoli se la montano, mi pare).

    Scritto da boh, 2 anni, 11 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.