Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: nuove violazioni dei diritti umani in Arabia Saudita

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano.

Ancora persecuzioni dei dissidenti in Arabia Saudita, un paese governato da una monarchia assoluta dove i diritti umani, i diritti civili e le libertà fondamentali, specie per le donne – alle quali è stato ancora negato il diritto di voto -, non sono contemplati (nella foto, donne saudite).

Lunedì scorso il giudice Abd al-Majid al-Shuwaihi di Jeddah, la seconda città del paese, ha accusato ufficialmente il famoso avvocato e attivista per i diritti umani Walid Sami Abu al-Khair di “offendere la magistratura, comunicare con agenzie straniere, chiedere la monarchia parlamentare, prendere parte a programmi sui media per mettere in cattiva luce la reputazione della nazione, incitare l’opinione pubblica a sovvertire l’ordine pubblico”. Accuse gravissime in un paese governato da una monarchia assoluta.

Immediata la risposta di Human Rights Watch, che ha richiesto che le accuse vengano fatte cadere per “l’evidente motivazione politica” e perché violano i diritti fondamentali di Abu al-Khair, protetti dalla legge internazionale. Sin dal 2009 in difesa di Abu al-Khair si è mobilitata anche Frontline, un’organizzazione irlandese che protegge gli attivisti per i diritti umani che agiscono con metodi non violenti.

Abu al-Khair è noto per aver difeso Abd al-Rahman al-Shumairi, uno dei cosiddetti “riformisti di Jeddah”, il gruppo di 16 avvocati, professori e attivisti politici gettati in prigione senza accuse formali nel 2007. Sono stati processati agli inizi del maggio 2011 con l’accusa di sedizione e attentato alla sicurezza nazionale ma il procedimento non si è ancora concluso. Il gruppo era stato arrestato dopo che si era riunito per discutere di riforme e i partecipanti erano stati interrogati segretamente senza che fosse presente il loro avvocato, una pratica che va contro lo procedura legale. (continua)



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.