Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: Bangladesh, dal villaggio fantasma la nuova era nei rapporti con l'India

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano su India e Bangladesh. Perché ‎51.000 persone sono senza diritti civili, senza acqua, senza elettricità, senza scuole, senza strade, senza ospedali. La visita di oggi del primo ministro dell’India Manmohan Singh in Bangladesh cambierà le cose. Forse.

Il villaggio di Votbari è una specie di piccola isola circondata dal grande Bangladesh. Un’isola molto arretrata: non ha strade asfaltate né elettricità, scuole primarie, un ospedale o un presidio medico. “Non c’è nessuno che pensa a noi” dice Jober Ali, un residente. “Non abbiamo un paese. Non abbiamo un’identità. Non siamo da nessuna parte”. Se c’è un atto di criminalità o di vandalismo la polizia non c’è, se gli abitanti hanno un qualsiasi bisogno non sanno a chi rivolgersi. Lo Stato è assente. Perché Votbari è un’enclave, in bangla un chitmohol, che significa “pezzo di carta”. È un’isola che non c’è, una terra di nessuno, vittima dell’incerto disegno dei confini avvenuto durante la spartizione del 1947 con cui l’India ha recuperato l’indipendenza, l’Impero Britannico si è sfaldato ed è nato il Pakistan. Votbari ora è un villaggio abbandonato sia dall’India sia dal Pakistan, non riceve aiuti di alcun genere da entrambi gli Stati e anni di tensioni regionali lo hanno tenuto in un limbo politico e sociale.

Domani questo stato di cose cambierà. Il 6 e 7 settembre il primo ministro dell’India Manmohan Singh visiterà il Bangladesh, accompagnato dai quattro primi ministri degli Stati indiani confinanti di Assam, Tripura, Meghalaya e Mizoram. Grazie a questa visita le relazioni fra India e Bangladesh potranno prendere una nuova strada e alcuni vecchi problemi potranno essere risolti. La visita avviene dopo 40 anni dalla guerra fra India e Pakistan, di cui il Bangladesh era parte come “Pakistan orientale”, che ha portato alla creazione della Repubblica Popolare del Bangladesh proprio grazie all’appoggio dell’India. Durante la visita di Singh i governi dell’India e del Bangladesh si sono accordati per scambiare 162 enclavi, dando ai residenti l’opzione di scegliere la nazionalità che vogliono. (continua)



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.