Compravendita in Cina

Un medico in Cina è stato accusato di aver aiutato una banda di malviventi a vendere dei bambini vietnamiti appena nati a dei compratori cinesi nella province di Guangdong e Guangxi Zhuang. Due dei bimbi salvati avevano meno di una settimana di vita e avevano ancora il cordone ombelicale attaccato.

Hanno salvato 8 bimbi, ovviamente quasi tutti maschi. Il prezzo a bimbo? Circa 40.000 yuan, 6200$ l’uno.

La cosa strana è il tono stupito-scandalizzato dell’articolo, che riporta che i compratori cinesi neanche sapevano che bambini provenissero dal Vietnam. Stupirsi che un bambino si possa vendere invece no? Se proprio un giornalista che dà una notizia vuole diventare opinionista, ruolo che secondo me non gli compete, almeno si stupisse delle cose più giuste.

 



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.