Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: Sudan, genocidio contro il popolo dei Nuba

Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano per un’altra emergenza umanitaria. Sudan, pulizia etnica dei popoli nuba da parte del governo in una zona ricca di petrolio, nel cuore del paese, al confine con il futuro stato meridionale. In una settimana sono fuggite 100mila persone, in 10mila hanno cercato rifugio nella sede della missione Onu.

Nuovo genocidio in Sudan. Le forze armate e la milizia appoggiata dal governo stanno portando avanti una campagna di pulizia etnica contro il popolo Nuba del Kordofan meridionale, al centro-sud del paese.

Il 6 giugno 2011 sono scoppiate le ostilità nello stato del Kordofan meridionale, che comprende il distretto di Abyei, che dall’accordo di pace di Nairobi del 2005 gode di uno speciale status amministrativo ma dal gennaio di quest’anno è nuovamente teatro di scontri. Abyei è un’area di circa 10.000 chilometri quadrati considerata da sempre un ponte fra il nord arabo e il sud cristiano e animista ma che, fertile e soprattutto ricca di petrolio, in vista della secessione del Sudan meridionale che avverrà il 9 luglio è stata reclamata da entrambe le parti. (continua)



Commenti

  1. [...] Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano. Prime probabili conseguenze di Fukushima sulla salute dei bambini nella città di Koriyama, a 50 chilometri dalla centrale. [...]

    Scritto da Enrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano: Radiazioni, a 50 km da Fukushima è allarme per la salute dei bambini | Orientalia, 6 anni, 4 mesi fa


  2. Cara Enrica, quando leggo queste cose sento veramente un grosso senso di impotenza. Sapere che dietro queste guerre ci sono le manipolazioni di nazioni che lavorano solo per i propri interessi (intendo la Cina per lo sfruttamento del petrolio, e la Russia per la vendita di armi, ma anche altre)mi riempie di tristezza perché vedo come il mondo potrebbe essere se non soffrissimo così tanto di cupidigia, voglia di potere e cieco egoismo e come invece è.

    Tante volte mi sono detta che il mio modo di pensare, alla ricerca del rispetto e dell’armonia della natura e dell’uomo, sia infantile e che gli interessi economici in nome dei quali si fanno tali scempi su popolazioni sostanzialmente inermi, siano per un bene superiore che non capisco.
    Ultimamente sto invece capendo che è quest’ultimo ad essere infantile come l’egoismo di un bimbo capriccioso che vuole avere tutto per sè.

    Sinceramente dimmi tu che posso fare per cambiare la situazione in Sudan, nel mio piccolo. Posso smettere di comprare cellulari e computer ogni pié sospinto, smettere di comprare le 300 cianfrusaglie inutili dei negozi cinesi. Ma è veramente frustrante non poter salvare ad una ad una quelle vite umane.

    Complimenti per questo articolo, è scritto benissimo, cosa molto rara di questi tempi.

    Scritto da Valentina, 6 anni, 4 mesi fa


  3. Sei molto gentile grazie.

    Sì, ci sentiamo tutti impotenti. Noi cambiare la situazione? Possiamo fare informazione, volontariato, attività politica e adozione di famiglie a distanza. Più di così noi in piccolo non possiamo fare niente.

    Scritto da boh, 6 anni, 4 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.