L'Onu su Fukushima: dicono che fa male

nucleareEnrica Garzilli su Il Fatto Quotidiano. Riprendo un tema a me caro, l’energia prodotta in un impianto nucleare e il pericolo per la salute dell’uomo, degli animali e dell’ambiente. Mi fa piacere che anche l’ONU si stia rendendo conto che anche basse radiazioni, come quelle di Fukushima, molto probabilmente provocano gravi danni. E per questo ha istituito un comitato internazionale ad hoc.
In cui non è inclusa l’Italia.

Un team internazionali di esperti dell’Onu verificherà l’impatto delle radiazioni causate dalle perdite della centrale nucleare gestita della Tepco a Fukushima-Daiichi, seguite al terremoto e lo tsunami dell’11 marzo. Il comitato scientifico delle Nazioni Unite sugli Effetti delle Radiazioni atomiche (Unscear), che stabilisce i livelli globali e gli effetti delle radiazioni, prevede di avere i primi risultati entro maggio 2012.

Il comitato è composto da 21 scienziati scelti tra quelli dei 192 stati membri delle Nazioni Unite, fra cui molti paesi in via di sviluppo. Spicca l’assenza di un italiano. L’Unscear rappresenta l’eccellenza scientifica dei rispettivi paesi dell’Onu. L’Italia, che fa parte delle Nazioni Unite dal 14 dicembre 1955, è stata esclusa dal team.(continua)



Commenti

  1. Effettivamente l’idea corrente, che mai nessuno si è curato di dimostrare con il metodo scientifico, è proprio che le radiazioni sono pericolose ad alte dosi anche per poco tempo, mentre, prosegue la tautologia, a piccole dosi su tempi lunghi non sono rilevanti.

    Di recente è uscito un libro che, dati alla mano su casi tipo Chernobyl, inizia a porre in discussione la tabella standard di pericolosità delle radiazioni.

    Ma se Tepco ha confermato la fusione di tre nuclei senza che la notizia facesse impressione basterà il ronzare dei nani Curie per anni e anni per arrivare almeno ad indagini scientifiche serie e non troppo al servizio delle lobby di turno?
    Beh, speriamo nel referendum che almeno è vicino…

    Scritto da Bubbo Bubboni, 3 anni, 5 mesi fa


  2. Ah sì, se speri nel referendum caro Bubbo...! Io spero di più nell'ONU, un cicinello di più, mica tanto.

    Scritto da boh, 3 anni, 4 mesi fa


  3. [...] Sul nucleare sapete come la penso. Da sempre, con Berlusconi o con Pinco Pallino al governo. Per me le questioni poste dal referendum del 12-13 giugno non sono politiche, ma etiche. E anche sugli altri temi potete immaginare come la penso. [...]

    Scritto da Taxi quorum e referendum 12-13 giugno: sì grazie! | Orientalia, 3 anni, 4 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.