Tweet senza Twitter

TwitterTweeting without Twitter. I like the sound of that.

Il famoso Doc Searls, che ho conosciuto alla conferenza Les Blogs: Blogs and Social Software di Parigi, dice che bisogna lasciare Twitter perché è diventato un’azienda e questo causa problemi.

Per esempio, lui raggiunge sempre il limite di ore di uso consentito giornalmente – e non può superarlo, ovviamente.

Doc offre una soluzione drastica. Pare che stiano programmando una piattaforma di microblogging alternativa a Twitter, e senza che diventi azienda.

Secondo me non resterà “libera” a lungo. La tecnologia costa.



Commenti

  1. a me pare che molti prodotti e/o servizi, cara boh, che vengano somministrati con una strategia non dissimile di quanto, almeno penso, non avvenga con le sostanze stupefacenti

    prime dosi gratis, poi, quando non se ne può più fare a meno, ovviamente si paga

    comunque magari scrivo fesserie da ignorante, giacchè non ho mai usato questo cinguettatore elettronico

    Scritto da diegob, 2 anni, 12 mesi fa


  2. Mi sa che al solito hai ragione Diego. Un po' sarà una strategia di marketing, un po' è anche che la tecnologia costa molto.

    Scritto da boh, 2 anni, 12 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.