Ti prostituiresti per un iPhone?

L’Italia dai valori alti.
Secondo un’indagine – non so quanto scientifica ma insomma rende il senso – del sito Studenti.it la percentuale di quelli che si prostituirebbero negli ultimi anni è salita. La domanda era “E’ giustificabile prostituirsi se non si trova lavoro o se non si hanno soldi per studiare?”

Io ho votato, votate anche voi (risultato in diretta).

C’è chi si prostituisce per comprarsi l’iPhone, chi per pagarsi la retta universitaria senza troppi sforzi, chi per bypassare il problema del precariato e chi semplicemente per trasgredire. La soglia del pudore si è abbassata e il confine tra ciò che è lecito e quello che non lo è sembra sparito perchè tanto, ormai, lo fanno tutti.

I risultati dopo che io ho votato sono stati strabilianti: 1499 persone cioè il 64% ha risposto “no, c’è sempre un’alternativa“, 357 persone cioè il 15% “sì, lo fanno tutti“, 484 persone cioè il 21% ha risposto “dipende…“.

Francamente, a guardarmi intorno, pensavo peggio.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.