Donne per Berlusconi

Tre ore fa, passando davanti al Palazzo di giustizia qui a Milano, in via Larga, ho visto uno sparuto gruppetto di dimostranti pro-Berlusconi. Era diviso in tre spezzoni di circa 50 persone l’uno, non di più. Alcuni portavano bandiere tricolori e cartelli con scritto “Basta persecuzioni” e “No alla repubblica giudiziaria”, cose così.

Quello che mi ha colpito è che ogni tanto si alzava l’inno “Pilu! Pilu! Più pilu per tutti!” e che a gridarlo a gola spiegata, fra risa e lazzi di bassa lega, erano perlopiù donne.

A costo di sembrare maschilista lo devo dire: erano agée e molto racchie. Mi è venuto da pensare che non hanno alcun senso della tutela pubblica della dignità della donna perché se a loro capitasse di essere invitate a casa di un ministro per fare festini ne sarebbero ben contente. Una grazia inaspettata, un dono dal cielo. Anche senza regalucci.

E dico tutela pubblica perché un ministro è un ministro anche quando invita gente a casa, e se ne deve ricordare sempre. E’ un personaggio che si occupa in altissimo grado della cosa pubblica e ci rappresenta. Non può, come si dice, calarsi le brache secondo il comodo.



Commenti

  1. Ci siamo dimenticati dei latini (da cui pensiamo di essere eredi).
    "Non solo Cesare, ma anche la moglie di Cesare deve essere al di sopra di ogni sospetto."

    Adesso invece abbiamo un cesare al di sotto di ogni certezza (e non solo per questioni di centimetri d’altezza).

    Pace e benedizione

    Julo d.

    Scritto da Julo d., 3 anni, 2 mesi fa


  2. Carina questa del Cesare al di sotto di ogni certezza! In realtà qualche certezza su di lui la abbiamo, per esempio che gli piacciono le donne molto molto giovani.

    Scritto da boh, 3 anni, 2 mesi fa


  3. Quanta puzza sotto il naso! Vi strafogate nella vostra boria fino a gonfiarvi come rane. Poi ogni tanto fate pluff e venite giù dal pero.

    Scritto da Gegu, 3 anni, 2 mesi fa


  4. Ciao cara Enrica,
    sulla misera torma di racchie non dirò nulla dato che già tu mi pare abbia colto nel segno… e poi ritengo davvero deprimente, in un momento in cui i nodi stanno venendo al pettine, trovare qualcuno ancora disposto a difendere il Premier, oltre ogni ragionevole sospetto. E’ inoltre ridicolo che l’inno "Più pilu per tutti", così accoratamente sostenuto dalle racchie, in realtà sia da tempo–voglio dire, lo sanno tutti!–lo slogan (satirico) di denuncia della politica berlusconiana, Antonio Albanese ci ha pure fatto un film di recente…

    Sulla vita privata di Cesare (e della moglie di Cesare, daccordissimo con Julo d.), mi viene qui in mente il bell’intervento di Cacciari a 8 e mezzo di qualche settimana fa: http://www.youtube.com/watch?v=vlL-VK2zhog. Quando l’ho sentito ho avuto un sussulto di dignità (sarà anche perché sono laureato in filosofia e sentire parlare un filosofo "da battaglia" come Cacciari mi mette sempre di buonumore) ed ho pensato: il ragionamento di Cacciari basterebbe in ogni altro paese civile a sbattere fuori dai giochi un politico che facesse le cose che tanto comodamente Berlusconi si permette di fare qui da noi… non solo quindi bunga bunga, ma direi anche bingo bongo, la repubblica delle banane.
    :-( k

    Scritto da krishna, 3 anni, 2 mesi fa


  5. Gegu, non so chi tu sia ma in effetti, rispetto alle donne di cui sopra, mi sento decisamente migliore. Non ho neanche bisogno di avere boria.

    Scritto da boh, 3 anni, 2 mesi fa


  6. Uh Krishna, in questo blog non si mettono link (ma in effetti non c’è più la frasettina di prima).

    Hai bisogno comunque di Cacciari per avere un sussulto di dignità?;)

    Scritto da boh, 3 anni, 2 mesi fa


  7. Ah, scusa, non lo sapevo... dei link intendo. Venendo a noi: non ho bisogno, in effetti, di Cacciari per avere un sussulto di dignità... solo che l'intervento di Cacciari mi ha sollecitato una dignità che avevo da tempo sopita, ovvero quella, per dir così, "televisiva". E' sempre più raro, infatti, trovare programmi dove certe cose (le essenziali, che NON bisognerebbe neanche dire perché date per assodate) c'è qualcuno che le afferma "apertis verbis" e con intelligenza... e, in questo caso, più "apertis" delle parole di Cacciari... :-) k

    Scritto da krishna, 3 anni, 2 mesi fa


  8. Anche Gegu vorrebbe essere invitata/o ad un festino di qualche ministro o premier….naturalmente senza regalini.

    Pierpiera

    Scritto da Monica, 3 anni, 1 mese fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.