La mazzetta in via di sviluppo

mazzettaFa piacere vedere che in Italia non siamo i soli, anche se cambia la quantità della mazzetta – affitti prestigiosi a prezzi stracciati, appartamenti, barchette e così via -, mentre in India politici, poliziotti ecc. lavorano in piccolo e spesso si accontentano di qualche rupia o dei ticket restaurant.

Carinissimo il sito “I paid my Bribe” cioè “ho pagato la mazzetta”, specie i disegni. E’ gestito da un’organizzazione senza fine di lucro di Bangalore che affronta il fenomeno della corruzioneutilizzando l’energia collettiva dei cittadini“.

C’è una pagina dove si possono riportare le tangenti con una lista di città, di uffici pubblici (municipio, servizi elettrici o idraulici, polizia ecc.) e il tipo di servizio per il quale sono state pagate, dal certificato di nascita al permesso di parcheggio.

Scommetto che in India fra qualche anno la mazzetta piccola sparirà, come da noi – al tempo per iscrivermi all’università di Roma La Sapienza mio padre pagò una bella sommetta per non fare 15-20 ore di fila -, e rimarrà solo quella per vincere i concorsi, per accedere a certe carriere, per un permesso di costruzione e così via, proprio come da noi.

Ah, quando si dice lo sviluppo!



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.