USA, uno su sette è povero e l'India dubita

finanziamenti all'India

In America la percentuale di poveri in età lavorativa è salito ai livelli massimi dagli anni Sessanta perché l’anno scorso la recessione ha fatto milioni di disoccupati, lasciando 1 su 7 americani in povertà. La percentuale della povertà globale è cresciuta del 14,3%, la più alta dal 1994. [...]
La povertà è cresciuta in tutti i gruppi etnici e tutte le razze ma soprattutto fra neri e ispanici. [...] Il numero dei bianchi poveri è salito dall’8,6% al 9,4%.
(The Times of India)

Questo non ha impedito agli USA e altri paesi occidentali di pompare soldi in India. nel paese vi sono al momento 34.803 associazioni e fondazioni straniere di donatori, che sono cresciute da 15.039 nel 1993-94 del 41% in più nel 2009-01, del 101% in più nel 2005-06 e addirittura del 131% in più nel 2007-08.

E l’India si chiede: come mai ci danno tanti milioni di dollari (nell’immagine il trend dei contributi in crore – ogni crore = 10 milioni)? Perché questo speciale amore per l’India? Non è che ci sono altri interessi, nascosti nelle pieghe della generosità di un paese impoverito, che mettono in pericolo la nostra sicurezza nazionale?



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.