Dall'India la nuova religione, la rupia

simbolo della rupiaLeggevo qua e là della rupia, la moneta ufficiale indiana, che come tutti sanno ora ha il suo simbolo, disegnato dal radioso D. Udaya Kumar.

Un simbolo dal segno grafico così bello che l’ha apprezzato su Twitter anche la star di Bollywood Amitabh Bachchan, tanto che lo ha definito “figo” (veramente ha detto cool, ma non so come tradurlo meglio) e l’ha adottato come logo per la nuova stagione del suo famoso show televisivo Kaun Banega Crorepati (KBC).

Il nuovo simbolo della rupia è in realtà un’idea semplice: è la lettera Ra della devanagari, l’alfabeto sanscrito, tagliata da una barra trasversale. Ovviamente in occidente tutti si sono affrettati a commentare che la barra è stata aggiunta perchè la lettera sembrasse simile alla R dell’alfabeto romano, quello che usiamo per l’inglese, il francese, il tedesco, lo spagnolo, l’italiano e così via.

Ovviamente una somiglianza con il simbolo dell’Euro o quello dello Yen o del Pound inglese c’è. La barra però in realta è una U stilizzata. AUMChe si mette a metà nel simbolo universale dell’OM, quello della meditazione, che vedete a lato. Perché OM è la contrazione di AUM e il ricciolo a metà simbolo vale per la U come il puntino sopra la mezzaluna vale per la nasale M o N.

nuova rupiaCome si vede nell’immagine a lato, il logo della Kaun Banega Crorepati reca il simbolo della Rupia e la scritta trasversale Crorepati, che significa “Padrone di un crore“, cioè di 10 milioni di rupie.

Pati in sanscrito significa padrone, ma anche “marito” (!) ed è anche uno dei 100 nomi del dio induista Shiva. Sembra proprio che i simboli della religione induista e lo sviluppo capitalista in India si siano fusi e abbiano formato una nuova religione universale: quella dei soldi.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.