#ijf10 Ultimo giorno: giornalismo in crisi

giornalista in crisi
Ieri mentre prendo un tè al bar dell’hotel Brufani aspettando il gran finale del Festival Internazionale del Giornalismo e lo sbarco della signora Noemi Letizia a Milano sento un vociare concitato.

Tizio, un giornalista che scrive per una nota testata americana, distinto più di un professore di Harvard e accompagnato da consorte in sobrio tailleur blu, circondato da altre tre persone, discute animatamente con il barista perché aveva offerto da bere e il ragazzo gli aveva chiesto di firmare il foglio con l’elenco delle consumazioni.

Tizio non vuole assolutamente firmare perché è venuto a spese dell’organizzazione. Insiste che è tutto incluso nella camera e non deve esserci un elenco dettagliato ma solo il conto finale.
La crisi del giornalismo è un fatto concreto.



Commenti

  1. Più che crisi del giornalismo direi che è crisi della civiltà.
    Se io sono ospite a spese di chi mi ospita, e poi decido di offrire qualcosa a qualcuno, lo faccio a mie spese, non a spese di chi mi ospita.

    Ma forse ho capito male.

    Pace e benedizione

    Julo d.

    Scritto da Julo d., 3 anni, 12 mesi fa


  2. Julo, lo so lo so ma dalla foga con cui parlava mi sembrava fosse vitale che non pagasse. E quindi ne ho dedotto che se tutti i pezzi grossi del giornalismo sono così, il giornalismo non può che essere in crisi..;)

    Scritto da Boh/Orientalia4All, 3 anni, 12 mesi fa


  3. Parlare della tigre a dente di sciabola come di un temibile predatore, mentre inizia la glaciazione che la sta portando all'estizione è pura preveggenza. Peccato non sapere chi è Tizio.

    Scritto da Stefano / The Catcher, 3 anni, 12 mesi fa


  4. Cambia sapere il suo nome?

    Scritto da Boh/Orientalia, 3 anni, 12 mesi fa


  5. Sìììì …. ;) Ma so che sei una Vera Signora, una lady… Non lo faresti mai.

    Scritto da Stefano / The Catcher, 3 anni, 12 mesi fa


  6. Se il suo nome apportasse un contributo reale alla storia lo farei, ma Tizio non si è macchiato di niente, se non di mancanza di gusto e di avarizia. Non ha commesso crimini e, come dice Julo, è una questione di civiltà - anche se il fatto che gli abbiano abbassato lo stipendio (non dandogli alcuni benefit) influisce. Fare il generoso a spese altrui è facilissimo.

    Scritto da Boh/Orientalia4All, 3 anni, 12 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.