Facebook per la democrazia e la trasparenza

Facebook IndonesiaIn Indonesia migliaia di persone hanno dimostrato contro l’arresto, avvenuto giovedì, di due commissari della Comissione per lo sradicamento della corruzione – perché in Asia si ammette e si cerca di combattere, da noi no perché non esiste – e perché il presidente Susilo Bambang Yudhoyono prenda delle posizioni a sostegno della battaglia popolare.

La cosa speciale è che questa volta i dimostranti hanno protestato non sulle strade, ma con un gruppo su Facebook nel quale quasi ogni secondo qualcuno posta un commento.

Il gruppo è stato lanciato da Usman Yasin solo venerdì scorso e conta già 950.000 persone. Ovviamente, il presidente ha dovuto affrontare il problema e ha nominato una commissione ad hoc.

Il presidente di Transparency International in Indonesia ha dichiarato che con le nuove tecnologie è facile condividere lo scontento con il presidente: “just update your status!”

Sarebbe stato impensabile fino a qualche anno organizzare o ottenere qualcosa a livello politico, o semplicemente far sentire la propria voce, con un mezzo quasi alla portata di tutti, così economico e veloce come Facebook o un qualsiasi social network. Talvolta (come quando ammiro la lavatrice che gira), anzi spesso, penso che la tecnologia sia uno dei grandi doni dell’umanità.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.