Il laureato

Che GuevaraIeri ho portato fuori in cortile delle piante, per farle stare all’aria ma all’ombra.

C’era Miguel, il portinaio che in agosto sostuisce Meri (donna fine e gentile che ha una laurea in economia, parla alla perfezione il russo, l’inglese, il francese e l’italiano, oltre all’albanese e una mezza dozzina di lingue slave). Ex clandestina.

Con mio sommo stupore Miguel ha staccato un paio di foglie, le ha guardate con una lente che teneva nel cassetto e mi ha detto che per la troppa acqua stavano venendo dei funghi. Mi ha mostrato il puntino bianco in mezzo a delle minuscole macchie scure, sul retro della foglia.

Ieri ho scoperto che Miguel è agronomo laureato, ha un Master in trattamento organico delle infezioni delle colture e diversi corsi di specializzazione. Prima di venire qui lavorava in Perù per dei progetti finanziati dalla Comunità Europea.

L’altro giorno lo vedevo leggere e, curiosa di libri, gli ho chiesto il titolo: era un libro di Dostojevski, il mio autore preferito! Quando gli ho chiesto come mai lo leggesse mi ha risposto “per arricchire il vocabolario italiano”.

Anche lui è venuto da illegale per fare una vita migliore, anche lui, come tutti, ha dovuto oliare le ruote nel suo paese e nel nostro. Dicono che 9 anni fa per avere un permesso temporaneo fossero circa 1000 Eu a persona. Anche lui è in regola da molti anni, lavora e paga le tasse.

Il portinaio del palazzo di fronte lo chiamiamo Antonio, è egiziano, è gentilissimo, non ha una laurea ma le mani d’oro e si adatta a fare 1000 lavoretti per integrare lo stipendio. Penso che anche lui sia stato clandestino.

Dubito che fra gli italiani avremmo trovato tre persone migliori, per fare i portinai. O come vicini: qui dove abito sono generalmente arroganti, scansafatiche e ipocriti come serpenti.

Ma quando fanno queste cose, o quando hanno approvato il pacchetto sivurezza, secondo voi ci hanno pensato? Si sono guardati un po’ intorno e hanno considerato tutto, o hanno visto solo dei delinquenti?



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.