La giornata internazionale della terra (ma solo una)

giornata della terraOggi è ufficialmente la Giornata internazionale della terra o Earth Day.

Fu celebrata per la prima volta il 22 aprile 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della terra.

Che poi è come la Giornata internazionale della donna: per 364 giorni la distruggono e un giorno all’anno la festeggiano.



Commenti

  1. l’italiano medio non si interessa di ciò che è internazionale, anzi quando ode questa parola pensa: e roba che non mi riguarda

    l’italiano medio non si interessa di ciò che è nazionale, stessa reazione come sopra

    l’italiano medio non si interessa di ciò che è regionale, stessa reazione come sopra

    l’italiano medio appena appena si interessa di ciò che è comunale, in particolare se è una questione di parcheggio riservato ai residenti

    l’italiano medio è assatanato, preso fino al midollo da tutti gli istinti primordiali, se è una questione di condominio, la collocazione di una fioriera lo turba oltre ogni misura, la ripartizione dei posti macchina in cortile ha per lui la valenza del giudizio universale, sì che una riunione di condominio è più drammatica del processo di norimberga

    l’italiano medio fa anche un tantino ribrezzo, ma in compenso ogni italiano ritiene che l’italiano medio sono gli altri, non certo lui

    Scritto da diego, 5 anni, 3 mesi fa


  2. perfetto diego, concordo in pieno!

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni, 3 mesi fa


  3. Non bastano mai appelli come questi. Come dice Carlo d'Inghilterra abbiamo solo 99 mesi per salvare la Terra, cerchiamo di sfruttarli bene

    Scritto da federico migliorati, 5 anni, 2 mesi fa


  4. perché 99? Non lo sapevo.

    Scritto da Boh/orientalia4all, 5 anni, 2 mesi fa


  5. Non saprei la motivazione di tale numero, forse è simbolico

    Scritto da federico migliorati, 5 anni, 2 mesi fa


Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.