Caccia, uno di 18 anni uno di 80 e uno menomato

Codibugnolo

Macché stare tutto il tempo davanti alla playstation! Stamattina ho visto una trasmissione sugli adolescenti che stanno giorno e notte davanti alla TV, che rifiutano le relazioni interpersonali, che si chiudono in una stanza. Un fenomeno dilagante in Giappone ma in aumento anche in Italia.

Il senatore Franco Orsi (orsi_f@posta.senato.it) ci ha pensato lui a risolvere la situazione: ha presentato un disegno di legge (d’iniziativa del senatore Benedetti Valentini) per l’abrogazione della legge 11 febbraio 1992, n. 157 e ha proposto una nuova disciplina dell’attività venatoria (qui il testo completo in pdf) in cui, fra i vari orrori (liberalizzazione dei richiami vivi, caccia nelle zone incendiate, caccia a specie ora protette come i passeri, caccia un’ora dopo il tramonto, caccia alle specie protette, caccia nei periodi e lungo le rotte di migrazione degli uccelli, uso dei pallini di piombo anche nelle zone acquatiche, ecc.), c’è la licenza di caccia ai ragazzi di 18 anni (e non 16 come scrivono tutti!), se accompagnati da un cacciatore in possesso di licenza rilasciata da almeno tre anni.

Ora, la licenza di porto di fucile per uso di caccia ha la durata di sei anni. Se un 75enne è stato ritenuto idoneo dal medico che l’ha visitato per la caccia, è ancora idoneo a 80 anni? E che garanzia dà accompagnando un ragazzo di 18 anni?

Un’altra cosa che colpisce è la depenalizzazione dei reati connessi alla caccia, che passano da reati penali a reati punibili con una multa, e le facilitazioni per la caccia “ai cacciatori anziani e menomati”: ora la caccia è un servizio civile!

Ma voi lo dareste un fucile in mano a un cacciatore menomato, e magari anche anziano? Questa è la lista dei morti e dei feriti dal 1° settembre 2008 al 31 gennaio 2009 messa insieme dall’Associazione vittime della caccia: e sì che ora la caccia è molto più limitata per anziani e menomati e vietata ai ragazzini.

Anche l’uso dei cani per la caccia viene ampliato, non si capisce come: forse ora sarà permesso tenerli in tanti chiusi insieme in gabbie piccolissime per giorni e giorni, come fanno adesso (illegalmente), con razioni di cibo al limite della sorpavvivenza, chiudendoli poi nei bagagliai delle macchine. Questo per farli innervosire in modo che corrano più veloci (e farli imbufalire, ovviamente).

Gli altri disegni di legge (disegno di legge 276 dei senatori Carrara, Bianconi, Asciutti; disegno di legge 379 del senatore Benedetti Valentini; disegno di legge 1104 dei senatori Castro, Vetrella, Viceconte, Spadoni, Urbani e disegno di legge 1122 del senatore Coronella) non sono meno da macellai e propongono cose come l’allungamento della stagione venatoria, la depenalizzazione dei reati di caccia, la caccia ad alcune specie protette, il permesso de facto di cacciare in proprietà private se non protette da recinzioni di almeno m. 1.80 e altre amenità.

Io quasi quasi preferisco i progetto di Orsi, che con un ragazzino di 18 anni armato di fucile che circola la probabilità che venga ferito un altro cacciatore è alta. Se poi ci mettiamo vicino anche un cacciatore anziano e uno menomato, magari ne pigliamo tre in una botta sola e magari la prossima volta rimangono a casa.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.