La pedo_relazione e la pedo_proposta della Carlucci

Gabriella CarlucciHo letto e riletto la farraginosa intervista dell’on. Gabriella Carlucci, nota esperta di nano-fisica, di spettacolo e di Internet, sulla proposta di legge di regolamentazione della Rete. In sunto dice che la sua finalità è la lotta alla criminalità organizzata transnazionale, che in Rete sembra che faccia degli affaroni con i bambini, e che noi non abbiamo capito niente e abbiamo travisato (Berlusconi docet):

La vera e reale finalità della mia iniziativa, al contrario di quanto maliziosamente riportato, si evidenzia dal fatto che i due documenti recano titoli inequivocabili: pedo_relazione e pedo_proposta.

Io non vorrei che, con la scusa della lotta alla pedopornografia in Rete, si arrivasse, come si vocifera, alla “regolamentazione” dei blog, nel senso che dovranno essere registrati come testate giornalistiche. Anche perché costerebbe, e parecchio, e perché si toccherebbe un sacrosanto principio della Rete: il diritto all’anonimato pubblico.

Mi spiego. Che le autorità competenti, in caso di diffamazione o altro reato, possano chiedere al provider il mio nome e cognome mi sta bene, ma che decine di migliaia di utenti mensili sappiano come mi chiamo e quello che faccio mi potrebbe non stare bene affatto (e infatti, prima di mettere il mio profilo, tenevo moltissimo al mio anonimato).

P.s.: Però, ripensandoci, forse non mi andrebbe tanto male. A quel punto mi fionderei letteralmente a chiedere sovvenzioni statali per Orientalia. Sono certa che Berlusconi ne sarebbe contentissimo e con me sarebbe molto, molto generoso.



Commenti

Comments are closed.


L'autore del blog

boh

Questo è il blog di Enrica Garzilli, specialista di indologia e di studi asiatici e docente di Storia del Pakistan e dell'Afghanistan presso il Dip. di Studi Politici dell'Università degli Studi di Torino.